31.9 C
Comune di Monopoli
sabato 24 Luglio 2021

Vaccino Covid, Burioni: “Nessuna variante supera immunità”

Da leggere

In questo momento “nessuna variante” del covid supera “l’immunità indotta dai vaccini”. Lo evidenzia Roberto Burioni, ordinario di Microbiologia e Virologia all’università Vita-Salute San Raffaele di Milano, durante un evento in diretta sulla pagina Facebook e sui canali del Gruppo San Donato, dal titolo ‘Covid-19: una battaglia che la scienza sta vincendo’.  


“Questo virus ha incontrato qualcosa di totalmente imprevisto: il vaccino, che suscita, almeno siamo certi per i vaccini a mRna per i quali ci sono più dati, un’immunità molto più potente di quella suscitata dalla malattia. Noi che studiamo i virus abbiamo sempre detto: il miglior vaccino è la malattia. Per questo virus non è vero: il miglior vaccino è il vaccino. Se ne sentono di tutti i colori su vaccini che ‘funzionicchiano’ e altre cose. Va fatta chiarezza: in questo momento non c’è nessuna variante” di Sars-CoV-2 “in grado di superare l’immunità indotta dai vaccini”, rimarca Burioni. 

“E’ un dato recentissimo che abbiamo dall’Inghilterra: la capacità di proteggere dal ricovero, quindi dalla malattia grave, è sopra il 90% sia per il vaccino AstraZeneca che per quello Pfizer, usati in quella nazione. Si parla di 92% per AstraZeneca e 96% per Pfizer. Sono numeri altissimi – precisa Burioni – Ancora il virus non è riuscito a superare la barriera dei vaccini. Ci riuscirà? Non lo so. Non possiamo prevederlo. Io sono ottimista”. Perché? “Quando un virus muta per evitare un vaccino, siamo sicuri che riuscirà a mutare mantenendo la sua capacità replicativa?”, si chiede Burioni. 

“Oggi -spiega il virologo- ci sono delle varianti di Sars-CoV-2 che danno un vantaggio al virus, nel senso di essere molto più trasmissibili. Siamo di fronte a una malattia diversa da quella che abbiamo visto l’anno scorso, durante quelle due ondate che ci hanno colpito. Il virus che c’è oggi è molto, ma molto più contagioso. Perché è uscita la variante inglese, ormai predominate da noi, che è del 60% più contagiosa, e ora c’è questa variante indiana che è addirittura il 60% più contagiosa della variante inglese. Quindi è diventato un virus contagiosissimo”.  

Quest’anno, sottolinea, “non c’è stata l’influenza perché le mascherine e il distanziamento l’hanno bloccata. Il Covid è molto più contagioso e lo è diventato ancora di più”. Ma, precisa Burioni, “abbiamo il vaccino e non era scontato. Esserci riusciti è una vittoria della scienza difficile da descrivere. Essere riusciti in 10 mesi a fare un vaccino sicuro ed efficace, in grado di bloccare la malattia, è qualcosa di vicino al miracolo”. 

Altri articoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli