37.1 C
Comune di Monopoli
giovedì 29 Luglio 2021

Pane&Panettieri 2021, l’Italia riscopre il piacere delle ‘mani in pasta

Da leggere

Gli italiani non lo hanno mai ‘dimenticato’ ma di sicuro il pane – dal lockdown in poi – ha vissuto una ‘rivincita’ che ha sancito l’evoluzione (soprattutto qualitativa) di questo prodotto, che ha visto nuovi prodotti e nuove forme di consumo con la nascita di forni diffusi, forni con negozi virtuali, bakery di ultima generazione con bistrot e caffetteria annessi. Nell’ottica di questa nuova ‘frontiera del gusto’ si inseriscono i riconoscimenti della terza edizione di Pane&Panettieri d’Italia 2022 del Gambero Rosso. Una pubblicazione, realizzata in collaborazione con Petra-Molino Quaglia, che va oltre il semplice bisogno degli italiani di ‘mettere le mani in pasta’ ma sancisce la ripresa di tanti professionisti che, costretti dalle circostanze ad interrompere o comunque a ridurre drasticamente le attività, hanno impiegato le loro energie sulla panificazione.  


Come spiega il ‘Gambero Rosso’ “sono infatti nati laboratori paralleli che hanno avuto una duplice funzione: da un lato, hanno salvato posti di lavoro, dall’altro, hanno aperto nuove prospettive, stimolando lo sviluppo del settore in cui i giovani sono sempre più protagonisti. Il pane diventa sempre più un prodotto da tutelare con un’attenzione rigorosa alla scelta delle materie prime, dalle farine al lievito: un pane sempre più etico e sostenibile, come vorremmo che fosse il futuro verso il quale ci incamminiamo”. 

La guida 2021 – presentata oggi a Roma – vede il massimo riconoscimento (i Tre Pani) assegnato a 50 panifici con un predominio della Lombardia con 8 premi, seguita da Piemonte, Veneto, Emilia-Romagna e Lazio con 6; dalla Sicilia con 4; dalla Puglia con 3; Toscana, e Campania con 2; Valle d’Aosta, Trentino-Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia, Marche, Basilicata e Sardegna con 1 . Fra le regioni assenti, il Molise, che si ‘consola’ con il premio speciale come Panettiere Emergente assegnato a Stefano Priolo, erede e innovatore dell’omonimo forno di Bojano (Cb). Fra i prodotti, il riconoscimento di ‘Pane dell’Anno’ va invece al Pane al Cioccolato Fondente di Pezz de Pane di Frosinone mentre il premio Pane e Territorio va al panificio Tundu, di Oliena, in provincia di Nuoro. 

A sancire questa rinnovata attenzione è il nuovo corso professionale della Gambero Rosso Academy “Professione Panettiere” pensato per formare i futuri professionisti della panificazione, capaci di operare sia nell’ambito della produzione artigianale che industriale: le lezioni inizieranno il 6 settembre a Torino e il 25 ottobre a Roma. 

“In questa terza edizione della guida Pane&Panettieri vogliamo celebrare il pane, un prodotto tradizionale ma che al tempo stesso è in continua evoluzione.” dichiara Paolo Cuccia, Presidente di Gambero Rosso “È iniziata una nuova era per i maestri panificatori, che grazie al loro impegno e alla loro passione stanno rivoluzionando un settore che coinvolge sempre più i giovani, futuri protagonisti dell’arte bianca.”  

“Ci impegniamo da sempre a promuovere i maestri che con grande abilità esaltano le nostre produzioni agroalimentari di qualità sia a livello nazionale che internazionale” continua l’A.d. Luigi Salerno. “Le nostre pubblicazioni sono lo specchio del nostro costante supporto ai maestri che con impegno e attenzione trasformano le produzioni di qualità in prodotti unici al mondo.” 

Altri articoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli