Home Lifestyle Eventi Emozioni a non finire per la presentazione del libro di Giuliano Sangiorgi...

Emozioni a non finire per la presentazione del libro di Giuliano Sangiorgi al Teatro Apollo di Lecce

0

Giuliano Sangiorgi ha presentato il suo ultimo libro, Il tempo di un lento, nella sua Lecce.


Location dell’evento il Teatro Apollo: un ritorno alla “quasi normalità” con la riapertura dei teatri, seppur a capienza ridotta. Nonostante la mancanza del “contatto” con il pubblico a seguito dell’emergenza Covid.

Ma il contatto visivo e umano c’è stato ugualmente, con il calore del pubblico capace di accompagnare lo scrittore-cantautore in una serata indimenticabile.

“Più le radici sono profonde, invisibili, più le tue Ali saranno grandi e sporche di terra”

Emozionante per Sangiorgi il ritorno a “casa”, presentare la sua opera nella propria terra. C’era anche la sua famiglia: sua madre, i suoi fratelli Luigi e Salvatore che hanno rappresentato un modello e un esempio durante la sua gioventù. Anche in termini musicali, così come ha dichiarato durante la serata, raccontando di ascoltare Cccp e Depeche Mode a differenza di molti suoi coetanei , in quei anni ’80 in cui è ambientata la storia de Il Tempo di un lento.

C’erano i “fratelli Negramaro“: Ermanno, Danilo e Lele che ha abbracciato fortemente ricordando il brutto incubo di qualche anno fa. Non è mancato il ricordo dei tempi in cui il “mitico sestetto” suonava a Veglie, nella cantina dei genitori Ermanno e sua madre che ogni giorno cucinava per tutti. Da allora di strada ne hanno fatta tanta, fino alle grandi esibizioni come quella di San Siro.

Durante la serata Sangiorgi ha raccontato il perché del suo nuovo libro, che narra un amore che riesce a sovvertire le regole, a sconvolgere i piani, un amore gigantesco che nasce tra due ragazzini di tredici anni.

Un libro in cui la musica è il trait d’union con Amore che vieni, amore che vai, amore che torni: un omaggio ai Negramaro e De Andrè.

L’evento è stato organizzato dalla Feltrinelli di Lecce.

Nel corso della serata il cantautore ha ricordato Stefano D’Orazio: tutto il pubblico presente ha applaudito il batterista e anima dei Pooh, scomparso lo scorso novembre.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version