Bugatti Chiron: storia della hypercar ‘istant classic’

La storia della Bugatti Chiron è iniziata al Salone di Ginevra del 2016, quando fu svelata la hypercar della Casa di Molsheim con il motore a benzina 8.0 W16 quadriturbo da 1.500 CV di potenza e 420 km/h di velocità massima. Fino ad oggi è stata prodotta anche in altre declinazioni, talvolta con denominazioni differenti come fossero modelli a sé stanti.


Infatti, la gamma della Bugatti Chiron è stata ampliata nel 2018 con l’allestimento Sport e nel 2019 con la versione speciale 110 Ans Bugatti prodotta in 20 esemplari, nonché nel 2020 con l’allestimento Pur Sport e le speciali declinazioni Noire e Le Légendes Du Ciel prodotte anch’esse in 20 unità ciascuna. L’ultima novità risale a quest’anno, con l’allestimento Super Sport che prevede la potenza da 1.600 CV e la velocità massima di 440 km/h. Non mancano gli esemplari unici, come la show car Sky View esposta al Concorso d’Eleganza di Pebble Beach del 2018, la Hermès del 2019, il prototipo Super Sport 300+ anch’esso del 2019 e la Sport “Alice” del 2021.

I modelli ‘alter ego’ della Bugatti Chiron, invece, sono la Divo del 2018 prodotta in 40 unità, la Centodieci del 2019 prodotta in 10 esemplari, la configurazione Centuria in chiave tuning di Mansory del 2019, l’esemplare unico de La Voiture Noire anch’essa del 2019, la concept car Bolide del 2020 e l’esemplare unico della Divo “Lady Bug” del 2021. Per la Bugatti Chiron sono previste complessivamente solo 500 unità e, prossimamente, dovrebbe essere proposta anche nell’allestimento Grand Sport e nella variante Roadster.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati