Apple macOS: le novità del più recente aggiornamento

Con l’arrivo dell’annuale appuntamento della WWDC, la conferenza dedicata a sviluppatori e consumatori più attesa del mondo Apple, le acque hanno iniziato a farsi parecchio movimentate per gli utenti della Mela, che hanno avuto modo di scoprire in anteprima le novità di macOS Monterey: questo è il nome ufficiale del successore dell’attuale macOS Big Sur, e prossimo sistema operativo di punta dei computer Mac più prestigiosi. 


Il nuovo macOS Monterey

Studiato appositamente per dare il meglio sui processori Apple Silicon di ultima generazione, macOS Monterey sceglie di puntare tutto sull’interattività e sull’imaging, da tempo due pilastri importantissimi per i dispositivi della casa di Cupertino. Le funzioni esclusive del nuovo OS saranno una prerogativa dei chip M1, come rivelato durante la convention, e molte di esse sono già state svelate con la prima beta ora disponibile.

Nel dettaglio, Apple macOS Monterey presenterà nuove funzioni di sintesi vocale per l’assistente Siri (tra cui una modalità text-to-speech più precisa e vicina al lessico naturale), opzioni per la dettatura di testi e comandi in modalità offline e feature “live text”, per riconoscere in un attimo il testo presente in fotografie e immagini trattate con le app Screenshot, Quick Look o dalla galleria Foto, così come dal browser Safari.

Completano il ritratto di queste novità imminenti la presenza della cartografia in 3D nelle mappe consultate dall’utente, e la funzione Object Capture, con cui possiamo riunire i contenuti di una galleria di immagini tracciando i contorni di un oggetto tridimensionale prima inesistente, da utilizzare come supporto guida durante le operazioni di rendering grafico più avanzato. 

Rimane ancora sospesa nel dubbio la futura disponibilità di queste funzioni specifiche per chip M1 anche sui Mac dotati di processori Intel: Apple macOS Monterey si limita per ora a dare il massimo sull’hardware della Mela, almeno fino all’arrivo dei primi laptop prodotti a quattro mani con la chipmaker di Santa Clara.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati