31.7 C
Comune di Monopoli
martedì 22 Giugno 2021

Ricerca, Messa: “Attrarre di più i giovani”

Da leggere

“In medicina abbiamo il dovere di stimolare i nostri studenti verso l’approfondimento degli aspetti scientifici e anche verso la ricerca. Abbiamo esempi di corsi di laurea che permettono approfondimenti di ricerca, ma sono pochi. Credo che dovremmo stimolare – sia nei corsi di laurea medica, sia nei corsi di specializzazione – l’aspetto della ricerca. Serve attrarre di più i giovani verso questo mondo, perché c’è stato un interesse ridotto legato, forse, anche all’incertezza delle carriere dei ricercatori”. Lo ha affermato il ministro per la Ricerca, Maria Cristina Messa, intervenuta a ‘1000azionioltrelaSm: corresponsabilità, innovazione, sostenibilità verso l’agenda 2025’, webinar organizzato a conclusione della Giornata mondiale della sclerosi multipla e per aprire la Settimana nazionale dedicata alla malattia, promossa dall’Aism (Associazione italiana sclerosi multipla) e della sua Fondazione Fism.  

“Lavoriamo insieme – ha detto Messa dialogando con l’Aism – per connettere sempre di più ricerca e salute, per attrarre più giovani nel desiderio di fare una ricerca che risponda a una missione e cambi la vita delle persone. Collaboriamo per dare vita a infrastrutture comuni di ricerca, anche tra pubblico e privato: nel nuovo Piano nazionale di ricerca abbiamo destinato per questo 1 miliardo e mezzo. Un’occasione unica. E lavoriamo insieme per dare sostanza a un pieno coinvolgimento dei cittadini e delle persone direttamente coinvolte nell’indirizzare la ricerca verso le risposte di cui hanno bisogno”. 

“In questi tre campi – ha concluso la ministra – il percorso che un’associazione come Aism ha costruito rappresenta un modello virtuoso, da condividere ed esportare in tanti ambiti”. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime news

Covid, Galli: “Mascherina preziosa come il casco”

"La mascherina non è tanto diversa dal casco, ci ha dato un contributo prezioso". Il professor Massimo Galli, responsabile...

Potrebbe interessarti