30.2 C
Comune di Monopoli
sabato 19 Giugno 2021

Migranti, Draghi: “Dovere morale Libia pieno rispetto dei diritti”

Da leggere

Con il primo ministro del governo di unità nazionale Abdul Hamid Dbeibah “ci siamo confrontati sui temi migratori e umanitari, che rappresentano una priorità per la Libia e per l’Italia. Abbiamo preso in esame il controllo delle frontiere libiche, anche meridionali, il contrasto al traffico di esseri umani, l’assistenza ai rifugiati, i corridoi umanitari, e lo sviluppo delle comunità rurali. L’Italia intende continuare a finanziare i rimpatri volontari assistiti e le evacuazioni umanitarie dalla Libia. Ritengo sia un dovere morale, ma anche interesse libico assicurare il pieno rispetto dei diritti di rifugiati e migranti”. Così il premier Mario Draghi, nel corso delle dichiarazioni congiunte alla stampa con il primo ministro del governo di unità nazionale della Libia Abdul Hamid Dbeibah. 

Sui migranti “l’Italia continuerà a fare la sua parte in termini di risorse e capacità formative, ma serve un’azione dell’Ue determinata e rapida – ribadisce il presidente del Consiglio – Al Consiglio Europeo di giugno, su proposta italiana, la migrazione tornerà al centro dell’attenzione politica in tutte le sue dimensioni – interna ed esterna”.  

Nel corso delle dichiarazioni congiunte, Draghi dice che con la Libia la “collaborazione è sempre più fertile e viva”. 

“Il livello e la consistenza della delegazione confermano il rapporto speciale tra i nostri Paesi, così come il successo del Business Forum che si è appena concluso. L’Italia rimane al fianco della Libia e conferma il suo convinto impegno per il consolidamento della pace e della sicurezza. Ribadiamo la nostra determinazione a collaborare con l’autorità esecutiva unificata ad interim e a sostenerla nelle prossime decisive fasi della transizione istituzionale”. 

“Incoraggiamo tutti gli attori libici – afferma il presidente del Consiglio – a proseguire lungo il percorso intrapreso, per il perseguimento degli obiettivi prioritari: l’attuazione completa dell’accordo sul cessate il fuoco, a partire dal ritiro di tutte le forze e i mercenari stranieri e dalla riapertura della strada costiera Sirte-Misurata; la riunificazione delle istituzioni politiche, economiche e di sicurezza e la realizzazione delle necessarie riforme socio-economiche; la tenuta delle elezioni di fine anno e lo sviluppo del processo di riconciliazione nazionale”.  

“L’Italia è determinata a continuare ad aiutare la Libia insieme ai partner internazionali. Sosteniamo l’esigenza di incrementare e strutturare il contributo dell’Ue e contiamo naturalmente sul senso di responsabilità degli amici libici”, sottolinea Draghi. 

“Il rilancio della collaborazione – aggiunge il premier – passa anche attraverso l’effettivo avvio di alcuni progetti infrastrutturali. Penso in particolare alla realizzazione dell’autostrada costiera e al ripristino delle infrastrutture aeroportuali per la riattivazione dei collegamenti aerei, non appena gli standard di sicurezza saranno soddisfatti. Insieme al primo ministro” libico, “abbiamo concordato sull’opportunità di ampliare la già intensa collaborazione in ambito energetico”.  

“Intendiamo consolidare il partenariato nei settori tradizionali e investire nella trasformazione dei sistemi energetici, nel quadro del Memorandum d’intesa in via di finalizzazione. Abbiamo poi affrontato – rimarca il presidente del Consiglio – la necessità di favorire gli investimenti, superando anche alcune criticità creditizie; ciò rappresenterebbe un potente segnale per ristabilire la piena fiducia degli ambienti imprenditoriali”. 

Con la Libia si lavora anche sulla “cooperazione in campo sanitario: l’Italia si impegnerà nella costruzione di ospedali, nell’invio di personale sanitario e anche nel ricevere qui e curare varie decine di bambini malati di cancro” annuncia poi il premier Draghi. 

PREMIER DBEIBAH – “Siamo tornati alle piene e ottime relazioni bilaterali con questo scambio di visite ed abbiamo iniziato ad avviare progetti comuni a tutti i livelli e in tutti i settori tra i due Paesi – afferma il primo ministro libico, Abdul Hamid Dbeibah, nel corso delle dichiarazioni congiunte – Questi progetti naturalmente sono rafforzati dalla forte volontà reciproca e questo scambio di visite bilaterali riflette questa seria volontà”.  

“L’Italia potrebbe giocare un ruolo essenziale e primario nell’incoraggiare gli investimenti in Libia – dice Dbeibah – Le aziende italiane sono le più importanti e hanno una ricca esperienza e noi faremo di tutto per rimuovere ogni ostacolo alla collaborazione che speriamo fortemente di attivare”. 

“Vorremo riattivare tutti i memorandum di intesa, tutti gli accordi – aggiunge il premier libico – e aprire gli orizzonti per incrementare anche gli scambi commerciali e lavorare sulle energie rinnovabili. Abbiamo parlato delle energie alternative e della ricostruzione del Paese”.  

Dbeibah spiega poi: “Abbiamo concordato inoltre di pensare di firmare un accordo per trasferire coloro che sono stati condannati nei due Paesi affinché scontino il resto della pena nel Paese d’origine. La prossima settimana verrà in Libia in visita la ministra della Giustizia (Cartabia, ndr)”. 

Quanto al “problema dell’immigrazione non si risolve solo nell’area del Mediterraneo ma va affrontato andando alle radici. Non è una responsabilità solo italiana, libica o maltese ma comune” afferma il primo ministro libico, che esprime apprezzamento per “il grande lavoro della Guardia costiera italiana” e auspica che “il fenomeno dell’immigrazione” venga affrontato insieme “agli altri Paesi europei e ai Paesi di origine dei migranti”. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime news

Linea Verde, la puntata del 20 giugno

Linea Verde, in onda domenica 20 giugno alle 12.20 su Rai1, sarà in viaggio in uno dei posti più...

Potrebbe interessarti