28.6 C
Comune di Monopoli
martedì 22 Giugno 2021

Leucemia linfatica cronica, benefici ibrutinib da solo e in mix

Da leggere

Nuovi dati dimostrano i benefici di ibrutinib nei malati di leucemia linfatica cronica (Llc), sia in combinazione sia in monoterapia. Janssen, azienda farmaceutica del gruppo americano Johnson & Johnson, presenterà i nuovi risultati in occasione del Congresso 2021 dell’Asco, l’American Society of Clinical Oncology.  

Lo studio Captivate di fase 2, sulla coorte di pazienti con trattamento a durata fissa di ibrutinib più venetoclax – riassume la società in una nota – mostra che il 95% dei pazienti trattati sopravvivono liberi da progressione dopo 2 anni, con importanti remissioni in tutti i sottogruppi, inclusi i pazienti con Llc ad alto rischio. Inoltre i risultati a lungo termine dello studio Resonate-2, che ad oggi rappresenta il più lungo follow-up di fase 3, di 7 anni, per gli inibitori della Bruton tirosin-chinasi (Btk), indicano un rafforzamento dei benefici in termini di sopravvivenza a lungo termine e un profilo di sicurezza consolidato della monoterapia con ibrutinib per i pazienti con Llc, un tipo di linfoma non-Hodgkin e la più comune forma di leucemia negli adulti.  

“I risultati positivi dello studio Captivate – dichiara Craig Tendler, vicepresidente, Sviluppo clinico e Global Medical Affairs, Oncology, Janssen Research & Development – dimostrano il potenziale della terapia con ibrutinib più venetoclax, grazie a un meccanismo d’azione complementare, nell’indurre risposte profonde in combinazione a durata fissa una volta al giorno, regime che può essere somministrato in ambulatorio per i pazienti più giovani e in buona salute”. Mentre “i risultati di Resonate-2 – aggiunge – supportano ulteriormente il beneficio a lungo termine della monoterapia con ibrutinib in prima linea in pazienti con Llc. L’ampiezza e l’importanza dei sempre più numerosi dati continua a indicare questo trattamento come standard di cura e a valorizzare il suo impatto sulla sopravvivenza libera da progressione e complessiva”. 

“Il trattamento in continuo con ibrutinib nei pazienti con Llc è ormai uno standard di cura consolidato, impiegato anche in quelli ad alto rischio – commenta Paolo Ghia, professore di oncologia medica all’università Vita-Salute San Raffaele di Milano e principale ricercatore dello studio Captivate – Gli ultimi dati dello studio sottolineano che ibrutinib, somministrato per via orale in combinazione con venetoclax, determina anche un alto tasso di sopravvivenza libera da progressione a 2 anni, consentendo ai pazienti la remissione senza trattamento”. 

“Ibrutinib – ricorda Edmond Chan, Emea Therapeutic Area Lead Haematology, Janssen-Cilag Ltd – è stato il primo inibitore della Btk approvato in Europa ed è stato impiegato nel trattamento di oltre 230mila pazienti in tutto il mondo. E’ anche il primo inibitore della Btk studiato in un trattamento in regime combinato a durata fissa. Gli ultimi dati che saranno presentati all’Asco rafforzano il potenziale di ibrutinib come opzione di trattamento fondamentale in tutto il panorama della Llc e aggiungono ulteriori prove sulla sua efficacia e sul suo profilo di sicurezza”. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime news

Mascherine all’aperto zona bianca, Cts e governo: stop obbligo da 28 giugno

Stop all’obbligo di mascherine all’aperto a partire dal 28 giugno, lunedì prossimo, quando tutte le regioni saranno in zona...

Potrebbe interessarti