20.4 C
Comune di Monopoli
martedì 15 Giugno 2021

Funivia Mottarone, “errore umano fra le ipotesi”

Da leggere

Tragedia della funivia del Mottarone, fra le ipotesi al vaglio anche quella di un “errore umano” così come il mancato funzionamento del sistema di frenata di sicurezza. A riferirlo il procuratore capo di Verbania, Olimpia Bossi in riferimento all’inchiesta per omicidio plurimo colposo sull’incidente. L’errore umano “fa parte degli accertamenti che devono essere fatti, non è riscontrabile a occhio nudo da un video che non ha neanche una qualità eccelsa. Tutto è stato coperto e repertato e sarà a disposizione dei consulenti tecnici, non prima non tocchiamo niente”, aggiunge il procuratore Bossi. 

Al momento ci si concentra su due punti cardini: il cavo e il sistema frenante di sicurezza. Sulla forchetta, altro elemento dell’impianto, è “un meccanismo che fa parte del sistema di blocco o sblocco della cabina, se sia stato rimosso o non sia stato reinserito questo resta nel campo delle ipotesi e dovrà essere accertato da un esame del reperto rinvenuto”, spiega il procuratore Bossi, che aggiunge: “Non sappiamo se c’è una scatola nera”.
 

“Il giorno prima dell’incidente – spiega Bossi – ci è stato riferito che è stato un blocco dell’impianto, si è fermata la funivia e c’è stato un intervento per rimetterla in funzione. Se questo sia collegato o meno con l’incidente ancora non lo sappiamo, così come non sappiamo se erano presenti all’interno della cabinovia delle persone”. 

Nei video del sistema di sorveglianza dell’impianto sequestrati dopo l’incidente, continua il procuratore capo, “si vede la funivia che improvvisamente torna indietro, sono immagini in bianco e nero e non particolarmente nitide”.  

A chi chiede quante saranno le iscrizioni nel registro degli indagati, Bossi replica: “Sarebbe inopportuno e fantasioso dare qualche numero”. “Nei prossimi giorni procederemo con le acquisizioni documentali, spero di avere un quadro più chiaro nel giro di pochi giorni”. La documentazione “che verrà acquisita sarà notevole anche come mole” assicura il procuratore che ha già in mano tutte le carte relative all’impianto sotto sequestro e a breve procederà con il sequestro di ulteriore documentazione “presso tutti gli enti interessanti”. 

“Il ministero delle Infrastrutture e della Mobilità, Enrico Giovannini, riferisca in Parlamento sull’incidente della funivia Stresa-Alpino Mottarone, che ha causato la morte di 14 persone”. Lo hanno chiesto i rappresentanti dei gruppi politici alla Camera, che hanno nuovamente espresso in aula il cordoglio per le vittime, la solidarietà e la vicinanza ai parenti e alle istituzioni locali colpite dal lutto e formulato gli auguri al piccolo Eitan che lotta per la sopravvivenza all’ospedale Regina Margherita di Torino.
 

Intanto il ministro delle Infrastrutture chiede agli organizzatori del Giro d’Italia di modificare il percorso della terzultima tappa della gara, che dovrebbe passare per la cima del Mottarone il 28 maggio, in rispetto delle vittime della tragedia della funivia. Nella riunione tecnica svoltasi ieri a Stresa con istituzioni e autorità locali, il Ministro aveva concordato sull’opportunità della modifica del tragitto e si era immediatamente attivato per contattare gli organizzatori. Il Ministro ha inoltre chiesto che nell’ambito della manifestazione sportiva venga rispettato un momento di raccoglimento per ricordare le persone che hanno perso la vita nel tragico incidente.
 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime news

Pelican International Inc. Acquires Advanced Elements Inc.

An expanded product portfolio that provides more convenience, technology and international consumer reach. LAVAL, QC, June 14, 2021 /PRNewswire/ -- As...

Potrebbe interessarti