34.9 C
Comune di Monopoli
martedì 22 Giugno 2021

Farmaci sottocutanei emofilia, ematologa: “Efficaci ma poca esperienza su episodi emorragici”

Da leggere

“Rispetto ai tradizionali farmaci contenenti fattore VIII (proteina la cui carenza è responsabile dell’emofilia A) e infusi per via endovenosa, l’anticorpo monoclonale somministrabile per via sottocutanea ha il vantaggio di mantenere i livelli coagulativi di base stabili nel tempo. Fornisce quindi un livello protettivo costante. Ilaria Nichele, ematologa presso il Centro malattie emorragiche e trombotiche di Vicenza, ha spiegato i pro e i contro dei nuovi farmaci sottocutanei per la cura dell’emofilia A, intervenendo all’incontro online della tappa vicentina di ‘Articoliamo’, campagna sostenuta da Sobi con il patrocinio di FedEmo e dedicata al benessere articolare dei pazienti emofilici.  

“Tuttavia – ha infatti precisato – con i nuovi farmaci sottocutanei dobbiamo ancora fare esperienza sugli episodi emorragici, nel senso che i traumi sanguinanti intensi non possono essere trattati con questi farmaci, ma si devono abbinare a un prodotto emoderivato”. 

“Il fattore VIII somministrato al bisogno, però, non serve a prevenire i danni. Riusciamo a prevenirli se lo infondiamo regolarmente ovvero con la profilassi – ha ricordato la specialista – e questo è il motivo per cui raccomandiamo la profilassi nell’infanzia e prima che si presenti la malattia articolare riconoscibile”. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime news

Consulta, Verna (Cnog): “Governo lontano da esigenze giornalismo, deluso da Avvocatura”

La Corte costituzionale "ovviamente con la sua massima e suprema autonomia farà le valutazioni. Ma io sono ancora deluso...

Potrebbe interessarti