34.9 C
Comune di Monopoli
martedì 22 Giugno 2021

Covid, report Gimbe: “Contagi in picchiata”

Da leggere

In Italia i contagi Covid “sono in picchiata” e si registra “nelle ultime 6 settimana una riduzione dei ricoveri (-61%) e dell’occupazione delle terapie intensive (-55%)”. E’ quanto evidenzia l’ultimo report della Fondazione Gimbe sul monitoraggio della situazione epidemiologica nella settimana 12-18 maggio. Rispetto alla precedente, si registra “una diminuzione di nuovi casi (43.795 contro 63.409) e decessi (1.215 contro 1.544). In calo anche i casi attualmente positivi (315.308 contro 363.859), le persone in isolamento domiciliare (302.080 contro 346.866), i ricoveri con sintomi (11.539 contro 14.937) e le terapie intensive (1.689 contro 2.056)”, evidenzia il report. 

“Continua la riduzione dei nuovi casi settimanali – afferma Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe – che dimostra come gli effetti ottenuti grazie a 6 settimane di restrizioni stiano lasciando gradualmente il posto ai primi risultati della campagna vaccinale. Si rileva tuttavia una riduzione dei tamponi (-15% di persone testate rispetto alla settimana precedente), segno di un allentamento dell’attività di testing”. Tutte le Regioni confermano un trend in riduzione. 

“Ancor più netta – afferma Renata Gili, responsabile Ricerca sui servizi sanitari della Fondazione Gimbe – la riduzione della pressione ospedaliera che riflette l’effetto dei vaccini sulle categorie più a rischio”. Tutte le Regioni rimangono sotto le soglie di allerta sia per l’area medica che per le terapie intensive, con una media nazionale al 19% per entrambe. 

“Ad oggi la strategia del rischio ragionato sembra funzionare: agli effetti delle restrizioni stanno gradualmente subentrando quelli dei vaccini, assorbendo l’impatto delle riaperture graduali sulla curva epidemiologica. Tuttavia, in questa fase della campagna vaccinale non bisogna limitarsi a rincorrere i numeri con l’obiettivo primario di non lasciare dosi in frigo, ma è prioritario vaccinare rapidamente il maggior numero possibile di over 60 e fragili”, sottolinea Cartabellotta. 

“Solo questa strategia potrà minimizzare l’impatto ospedaliero della ripresa della circolazione del virus, visto che il ‘testing & tracing’, già abbandonato da tempo, viene di fatto anche ‘scoraggiato’ dal nuovo sistema per assegnare i colori alle Regioni. Un sistema fortemente condizionato dall’incidenza dei casi che, senza definire alcuna soglia minima di testing, ripropone quanto già visto nella primavera 2020: ovvero, meno tamponi, meno casi”, aggiunge Cartabellota sottolineando che “oltre 4,5 milioni di persone ad elevato rischio di ospedalizzazione e morte, sono ancora senza alcuna protezione vaccinale, riducendo la sicurezza delle riaperture, seppur graduali”. 

Il calcolo rilevato dal presidente Gimbe è il risultato dei ritardi delle immunizzazione nelle fasce d’età over 60: “L’8,7% degli over 80 (383.473) non ha ricevuto neppure una dose, la percentuale sale al 21,4% nella fascia 70-79 (1.277.134) e al 38,6% per quella 60-69 anni (2.845.236)”, riporta il monitoraggio. “Seguendo i trend delle coperture vaccinali – spiega Renata Gili, responsabile ricerca sui Servizi sanitari della Fondazione Gimbe – se per gli over 80 la frenata è iniziata quando le percentuali avevano superato l’80%, per la fascia 70-79 anni i segnali di rallentamento sono più precoci e per quella 60-69 le coperture salgono più lentamente”. 

Secondo la Fondazione Gimbe, “questo dimostra che una vaccinazione di massa non può affidarsi solo alla prenotazione volontaria, ma deve essere integrata con altre strategie: dalla chiamata attiva al colloquio individuale per superare l’esitazione vaccinale; da campagne d’informazione con il coinvolgimento di influencer alla cosiddetta ‘spinta gentile'”. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime news

L’Allegria, il nuovo singolo di Gianni Morandi scritto da Jovanotti

Grande successo per L'allegria, la nuova canzone di Gianni Morandi, scritta da Lorenzo Jovanotti e prodotta da Jovanotti insieme al gigante della produzione...

Potrebbe interessarti