30.2 C
Comune di Monopoli
sabato 19 Giugno 2021

Apple iOS 14.5: cambiamenti sulla privacy in arrivo

Da leggere

Arriva tra noi un nuovo aggiornamento per i nostri sistemi iPhone e iPad, il tanto atteso iOS 14.5, e con esso una funzione che da parecchio tempo sta facendo discutere gli utenti più esperti in materia di privacy online, andando ad accrescere un dibattito dai toni sempre più accesi in tutta l’Europa.

Le novita di Apple iOS 14.5

L’ultima novità introdotta dalla casa di Cupertino con Apple iOS 14.5 è un sistema di gestione trasparente del tracciamento dell’utenza, da sempre basato sull’identificazione univoca a fini pubblicitari tramite espedienti quali l’IDFA (Identifier for Advertising). La presenza di questo elemento permette alle app iOS di “seguire” l’utente mentre viaggia da una pagina web all’altra, ricostruendo le sue scelte e i gusti in modo da poter proporre pubblicità mirate.

l’IDFA, come possiamo intuire, è un componente scomodo per chi vuole garantirsi un certo livello di sicurezza sul Web: Apple iOS 14.5 ci permetterà finalmente di avere possibilità di scelta in merito all’attivazione del servizio di tracciatura, che risulta utilizzato anche per raccogliere dati in-app in maniera anonima.

Con l’aggiornamento alla nuova versione del sistema operativo, ogni app che sfrutta l’IDFA per profilare l’utente, sarà praticamente “costretta” a domandare il nostro assenso prima di seguirci nella navigazione online: il consenso dovrà essere dato esplicitamente e potrà essere modificato esclusivamente dalla pagina Impostazioni del nostro iPhone o iPad.

Potremmo chiederci: cosa cambierà in concreto, una volta negato il consenso? In breve, le pubblicità non verranno bloccate e rimarranno sempre visibili una volta connessi, ma non visualizzeranno le personalizzazioni legate alle abitudini dell’utente, perché la loro raccolta è stata impedita a priori. 

Una possibilità che è stata ben accolta da gran parte dell’utenza di Apple iOS 14.5, beta: d’altronde, però, il mondo dei concessionari di pubblicità potrebbe avere molto da ridire sugli esiti di questa nuova operazione, che mette in secondo piano i contenuti di molti banner esposti sul web: il tempo potrà dirci se questa svolta porterà a una ridefinizione vera e propria dell’advertising online.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime news

Linea Verde, la puntata del 20 giugno

Linea Verde, in onda domenica 20 giugno alle 12.20 su Rai1, sarà in viaggio in uno dei posti più...

Potrebbe interessarti