19.4 C
Comune di Monopoli
martedì 18 Maggio 2021

Vaccino Johnson & Johnson e trombosi, per Janssen “nesso plausibile”

Da leggere

Tra il vaccino Johnson & Johnson e i rari casi di trombosi -esaminati dall’Ema recentemente- c’è un nesso “plausibile”. E’ la Janssen, azienda produttrice del farmaco, a fare il punto sul vaccino finito sotto i riflettori per le news su eventuali effetti collaterali e a sottolineare l’importanza di osservare sintomi di tromboembolia o trombocitopenia. “E’ stata osservata, molto raramente, dopo l’immunizzazione con il vaccino Janssen, una combinazione di trombosi e trombocitopenia, in alcuni casi accompagnate da sanguinamento. Un ruolo causale è considerato plausibile”, sottolinea una nota informativa della Janssen concordata con le autorità europee e l’Aifa, e pubblicata sul sito dell’Aifa. 

“Questi casi si sono verificati entro le prime tre settimane successive alla vaccinazione e prevalentemente in donne di età inferiore ai 60 anni – prosegue la nota – In questa fase non sono stati identificati fattori di rischio specifici”.  

“I soggetti vaccinati devono essere istruiti a consultare immediatamente un medico se sviluppano sintomi di tromboembolia e/o trombocitopenia, dopo la vaccinazione – prosegue il documento – La trombosi in combinazione con la trombocitopenia richiede una gestione clinica specializzata. Consultare le linee guida applicabili o gli specialisti (ematologi, specialisti nella coagulazione) per diagnosticare e trattare questa condizione clinica”. 

Il vaccino Johnson & Johnson in Italia è raccomandato per gli over 60 dalla scorsa settimana. “Il vaccino Janssen, il cui uso è approvato a partire dai 18 anni di età, dovrà essere preferenzialmente somministrato a persone di età superiore ai 60 anni, ovvero a coloro che, avendo un rischio elevato di malattia grave e letale, necessitano di essere protette in via prioritaria”, si legge in una nota firmata il 20 settembre da Franco Locatelli, presidente del Consiglio Superiore di Sanità, Nicola Magrini, direttore generale dell’Aifa, e Gianni Rezza, direttore generale della Prevenzione del Ministero della Salute. 

La decisione è arrivata dopo il “pronunciamento dell’Ema”, l’agenzia europea del farmaco, e dopo il “parere della Cts di Aifa, che ribadisce l’estrema rarità degli eventi di trombosi associata a trombocitopenia descritti a seguito della vaccinazione contro Covid-19 effettuata con il vaccino Janssen – Johnson & Johnson”. “Considerato che tale vaccino si è dimostrato sicuramente efficace nel ridurre il rischio di malattia grave, ospedalizzazione e morte connesso al COVID-19, si raccomandano le stesse condizioni di utilizzo del vaccino Vaxzevria”, vale a dire il vaccino AstraZeneca. 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime news

Riaperture, Garattini: “Poco entusiasmo, il pericolo non è passato”

Le riaperture annunciate dal Governo, insieme al coprifuoco spostato da subito alle 23 e il ritorno della zona bianca,...

Potrebbe interessarti