13.1 C
Comune di Monopoli
domenica 18 Aprile 2021

San Patrignano, i figli di Muccioli: “Serie Netflix diffama sua memoria”

Da leggere

I figli di Vincenzo Muccioli contro Netflix per il documentario su San Patrignano. “Dal punto di vista giuridico e dal nostro punto di vista professionale, in questo caso anche umano, la querela che abbiamo presentato per conto dei fratelli Muccioli è, a nostro avviso, ineccepibile. Diffamazione e violazione delle leggi sulla privacy, sono per i famigliari, di tutta evidenza. Sarà la magistratura a valutare la sussistenza di violazioni di legge, le eventuali responsabilità penali e a quantificare il danno recato alla memoria di Vincenzo Muccioli e alla vita di tutti i suoi eredi”, spiegano i legali di Andrea e Giacomo Muccioli, Alessandro Catrani e Francesca Lotti, riguardo la decisione dei figli del fondatore della Comunità di San Patrignano di querelare Netflix per diffamazione aggravata.  

Al centro della querela c’è la docuserie ‘SanPa. Luci e tenebre a San Patrignano’, che avrebbe offeso la memoria di Vincenzo Muccioli a 30 anni dalla sua morte, offrendo una ricostruzione distorta della storia del patron e della comunità. 

I figli del patron, spiegano i legali, “lamentano innanzitutto come, all’interno della docu-serie, Vincenzo Muccioli venga indicato come misogino e omosessuale. La causa della sua morte, inoltre, viene attribuita all’Aids. Ovvero a un’infezione da Hiv, contratta a causa del suo stile di vita e dei suoi comportamenti privati. I familiari rilevano che nessuna di tali affermazioni, indiscrezioni, pettegolezzi, presentati a milioni di persone, è vera. Quindi ne lamentano l’assoluta falsità”.  

Inoltre, proseguono gli avvocati, i figli di Muccioli contestano come nella serie “si diffami, al di là di ogni legittima opinione sulla vita e l’operato di Vincenzo Muccioli, l’immagine e la memoria di una persona scomparsa, un grande padre e un uomo che ha dedicato la sua esistenza al bene, violando altresì i più elementari principi di privacy”. 

Tutto ciò, spiegano Catrani e Lotti, “ha investito gravemente la vita dei nostri due assistiti, i figli Andrea e Giacomo. Dalla messa in onda della fiction la loro vita privata e quella dei loro familiari (figli, mogli, ecc.) è stata travolta, da continue domande, richieste da parte di amici, conoscenti, persone comuni, sulla veridicità di quanto affermato e rappresentato nella docu-serie. Si sono trovati colpiti e feriti in quanto c’è di più prezioso: memoria, reputazione e onorabilità di un padre scomparso”. 

La legge, però, concludono, “consente di porre rimedio a questa situazione. Consente di proteggere i privati cittadini dagli effetti, devastanti sulle loro vite, causati da una docu-serie realizzata da un gigante della comunicazione”. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime news

Superlega con Juve, Inter e Milan? Dazn: “Noi non c’entriamo”

Una Superlega al posto della Champions League? Si rincorrono le voci sulla nascita di un torneo europeo organizzato dai...

Potrebbe interessarti