16.8 C
Comune di Monopoli
sabato 8 Maggio 2021

Riaperture, Andreoni: “Un azzardo, concessione del Cts alla politica”

Da leggere

Le riaperture e le zone gialle dal 26 aprile, annunciate ieri dal ministero della Salute Roberto Speranza e dal premier Mario Draghi, preoccupano Massimo Andreoni. “Mentre gli altri Paesi del mondo sono ancora in lockdown o stanno lentamente uscendo dopo mesi di serrata e milioni di vaccinazioni, noi stiamo riaprendo con 15mila casi e 400 morti al giorno. In termini epidemici riaprire ora è un azzardo che ha una solo motivazione, quella politica e non certo un avallo scientifico”, ha detto afferma all’Adnkronos Salute il direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit) e primario di Infettivologia al Policlinico Tor Vergata di Roma. 

“In un momento cruciale della campagna vaccinale italiana – rimarca Andreoni – dovremmo essere più rigorosi, pensare alle chiusure e non ad aprire. Ricordo che le terapie intensive vivono ancora una situazione molto complicata di allerta che non è risolta”. Sul fatto che il Cts abbia dato l’ok alla decisione di riaprire “il mio parere è che ci sia da parte della componente tecnica una condiscendenza alla politica”, avverte l’infettivologo.  

“E’ assurdo che ogni volta dobbiamo riscoprire qualcosa che abbiamo già vissuto – osserva – quello che succederà con le riaperture ormai lo sappiamo”. 

Deluso dal premier Draghi per la decisione di aprire alcune attività dal 26 aprile? “La mia sensazione è che in questo momento ci sia una reale debolezza della politica – risponde – chi deve mediare tra le varie anime presenti nel Governo è in difficoltà. Però è un fatto che stiamo andando in controtendenza rispetto all’Europa, spero che ci si renda conto delle conseguenze”.  

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime news

Draghi e il grido a Big Pharma: “Milioni muoiono senza vaccino”

Dall'inviata Ileana Sciarra - Siamo di fronte a un evento unico: milioni di persone che non sono in condizione...

Potrebbe interessarti