19.4 C
Comune di Monopoli
martedì 18 Maggio 2021

La Società Europea di Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica (ESPRAS) promuove la creazione di linee guida ufficiali sulla ricostruzione mammaria

Da leggere

BASEL, Switzerland, 26 aprile 2021 /PRNewswire/ — Il lifetime-risk del tumore della mammella, tra i più frequenti tumori femminili, è di 1 a 7. Benché curabile nel 70-80% delle pazienti, il trattamento (comprendente chirurgia, radioterapia e chemioterapia), spesso lascia sequele fisiche e psicologiche. La ricostruzione mammaria gioca un ruolo chiave nel percorso riabilitativo delle pazienti, migliorando la loro qualità della vita ed autostima.   

La Società Europea di Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica, organizzazione ombrello di società nazionali europee, comprendente più di 7.000 membri, ha pubblicato i risultati di un’indagine innovativa sulla ricostruzione mammaria nel continente europeo. I risultati hanno messo in risalto la necessità di stabilire regole internazionali di buona pratica basate sull’evidenze.   

Lo studio, completato in due mesi da rappresentanti di 29 paesi, è stato incentrato su: strutture ed accesso alle cure, procedure immediate o ritardate, simmetria, radioterapia e protocolli utilizzati.   

Secondo Rado Zic, presidente dell’ESPRAS:   

>  

Principali conclusioni:   

L’incidenza della ricostruzione mammaria post-mastectomia è generalmente bassa in Europa, con controversie riguardanti le tecniche ricostruttive più appropriate;  

I chirurghi plastici sono coinvolti nelle fasi iniziali del processo della mastectomia nella minoranza dei Paesi. La ricostruzione mammaria è eseguita anche da altri specialisti, ad esempio Ginecologi;  

Nella maggioranza dei Paesi, la mastectomia preventiva è proposta alle pazienti ad alto rischio;  

Il numero di interventi di simmetrizzazione è risultato elevato, benché ad 1 paziente su 5 non è stata proposta questa opzione;  

I risultati variavano ampiamente in considerazione del timing ottimale per la ricostruzione nelle pazienti sottoposte a radioterapia (immediata o ritardata). C’è una chiara mancanza di evidenze riguardanti questo argomento;  

Solo il 45% dei convenuti ha segnalato l’esistenza di linee guida nazionali. Le raccomandazioni ufficiali riguardanti le tecniche risultavano disponibili solo nel 32% dei casi;  

La quasi totalità dei convenuti si è espressa a favore di linee guida europee e direttive sulla buona pratica. È stato manifestato un grande interesse per studi multicentrici e per la creazione di una task force.  

Rado Zic conclude:  

>.  

Paesi partecipanti : Austria, Azerbaijan, Belgio, Bosnia-Erzegovina, Croazia, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Montenegro, Paesi Bassi, Norvegia, Nord Macedonia, Polonia, Portogallo, Romania, Serbia, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Turchia, Inghilterra.  

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime news

Riaperture, Garattini: “Poco entusiasmo, il pericolo non è passato”

Le riaperture annunciate dal Governo, insieme al coprifuoco spostato da subito alle 23 e il ritorno della zona bianca,...

Potrebbe interessarti