17.8 C
Comune di Monopoli
lunedì 12 Aprile 2021

Google, addio al cartaceo grazie all’intelligenza artificiale con Stack

Da leggere

Passare dal cartaceo al digitale è un’impresa di cui sentiamo sempre più spesso parlare, nel continuo sforzo di rendere la burocrazia e la conservazione di contenuti importanti molto più sicuri e fruibili da parte di tutti, in ogni parte del mondo e da un grande numero di dispositivi connessi al Web. 

Si tratta di un lento ma inesorabile processo, che molto presto potrebbe diventare più semplice che mai, grazie a una nuova intuizione di Google dedicata all’archiviazione di qualsiasi documento su supporto informatico: il suo nome è Google Stack ed è un progetto che fa ampio uso dell’intelligenza artificiale per gestire le attività di conversione dei documenti in digitale, garantendo un’organizzazione e una memorizzazione degli stessi in modo ottimale.

Intelligenza artificiale con Google Stack

Google Stack, ora in fase di test negli Stati Uniti, permette di scansionare e archiviare tutti i documenti cartacei che gli vengono “dati in pasto” tramite una normale fotografia da smartphone. L’applicazione provvederà poi a rinominarlo e posizionarlo in una cartella virtuale appropriata e facilmente reperibile digitando poche parole chiave: possiamo creare così i nostri spazi per la conversazione di scontrini, ricette, ricevute e documenti personali.

Stack riesce a comprendere efficacemente la presenza di alcune parole chiave per la futura ricerca dei documenti a cui siamo interessati (pensiamo ad esempio all’utilità di keyword quali “scadenza”, “pagato” e “ordinato” in un’operazione di reperimento dei dati che ci interessano) e a raggruppare file simili per categorie, semplificandoci notevolmente la vita rispetto ad altri tipi di gestione.

Molti di noi vorranno sicuramente provare la nuova app Google (che è già disponibile per i sistemi Android, mentre si attende lo sviluppo della versione iOS), ma a quanto pare dovremo ancora aspettare qualche settimana, in quanto è accessibile esclusivamente dal Google Play Store USA: considerando l’avanzamento dei test, entro Maggio potremo iniziare a digitalizzare vecchi e nuovi documenti dando l’addio definitivo all’ingombrante carta.

1 commento

  1. Non Credo Proprio Che la Carta Sparica, Vengono Bug, Errori di Connessione, Internet potrebbe essere Bloccato e non riusciamo Ad Accedere, Poi Leggere su Carta è molto più Sicura, possono Rubarci molti Dati, Attacchi Hacker, e se Succederebbe un Guasto Inevitabile Perdita Di Tutti i Dati e Ancore se Arrivasse una Tempesta Solare sarebbe la Fine Del Digitale, è Molto Meglio, così possiamo Riflettere anche con Pazienza, Lentezza e Tempo, Purtroppo sstiamo diventando Stolti e Stupidi (Senza Offesa) Desidero solo farvi Ragionare,che purtropo anche qui non Ascolteranno, Come dice un Proverbio: “Non c’è peggior Sordo chi non vuol Sentire” Allora Peggio Per Tutti Voi!!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime news

Huawei, arrivano aggiornamenti di sicurezza

Mentre Huawei è impegnata a dare i tocchi finali al suo sistema operativo mobile Harmony OS, nato per far...

Potrebbe interessarti