Home Notizie George Floyd, processo Chauvin verso verdetto: giuria riunita

George Floyd, processo Chauvin verso verdetto: giuria riunita

0

Il processo per la morte di George Floyd entra nella fase finale. Finite le arringhe, la giuria si sta riunendo per deliberare il verdetto sul caso: i giurati dovranno decidere se l’ex agente Derek Chauvin è colpevole di omicidio per aver tenuto premuto per oltre 9 minuti il ginocchio sul collo del 46enne afroamericano, che l’implorava di fermarsi.  

Prima che lasciassero l’aula per iniziare le loro deliberazioni, il giudice Peter Cahill ha illustrato le istruzioni a cui si dovranno attenere: “In qualità di giurati, vi viene chiesto di prendere una decisione importante in questo caso”, ha detto il giudice, chiedendo ai giurati di prendersi “il tempo necessario per riflettere attentamente sulle prove”, di analizzare il motivo per cui si sta prendendo la decisione, esaminando se pregiudizi stiano influendo su di essa, di “ascoltarsi a vicenda” perché “l’ascolto di diverse prospettive può aiutarvi a identificare meglio i possibili effetti di pregiudizi nascosti”, di resistere alla tentazione di “saltare a conclusioni basate su simpatie o antipatie personali” e di stare in guardia contro “generalizzazioni, sentimenti viscerali, stereotipi o pregiudizi inconsci” fino ad arrivare a un verdetto unanime. 

Nella sua arringa l’avvocato Eric Nelson, difensore dell’agente, ha detto ai giurati che le informazioni che Chauvin aveva al momento in cui ha trattenuto Floyd avrebbero spinto qualsiasi agente ragionevole a intraprendere le stesse azioni, sostenendo che non ha senso affermare che altri fattori come l’uso di droghe e la situazione cardiaca non abbiano avuto “alcun ruolo” nella morte di Floyd. “Lo Stato non è riuscito a dimostrare le sue accuse oltre ogni ragionevole dubbio – ha detto Nelson – Pertanto, il signor Chauvin dovrebbe essere ritenuto non colpevole di tutte le accuse”. 

Nella replica il procuratore Jerry Blackwell ha invece sostenuto che Nelson abbia interpretato male la legge. “Quando parla di causalità, parla di fentanil, insufficienza cardiaca, ipertensione, dice che dobbiamo dimostrare oltre ogni ragionevole dubbio che nessuno di questi altri fattori ha avuto un ruolo”, ha detto il rappresentante dell’accusa. Invece, “quello che dobbiamo dimostrare è che le azioni dell’imputato sono state un fattore causale sostanziale nella sua morte. Non deve essere l’unico fattore causale. Non deve essere il più grande fattore sostanziale. Deve solo essere uno dei fattori”, ha detto Blackwell. 

“Non ci sono scuse per gli abusi della polizia”, ha rimarcato a più riprese il procuratore. “Hanno detto che i paramedici hanno impiegato più tempo del previsto ad arrivare. Sarebbero dovuti essere lì entro tre minuti. E il buon senso vi dirà che il semplice fatto che i paramedici abbiano impiegato più tempo di quanto il signor Chauvin possa aver pensato, non era un motivo per usare forza eccessiva o per essere indifferenti al fatto che qualcuno non respira più e non ha polso”. 

“E’ stato detto, ad esempio, che il signor Floyd è morto perché il suo cuore era troppo grande. Avete sentito quella testimonianza – ha sottolineato concludendo la sua replica -. E ora dopo aver visto tutte le prove e aver ascoltato le prove, sapete la verità, e la verità è che il motivo per cui George Floyd è morto è perché il cuore del signor Chauvin era troppo piccolo”. 

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version