20.4 C
Comune di Monopoli
domenica 9 Maggio 2021

Cura dell’emofilia più facile grazie a tre fattori chiave

Da leggere

Tre elementi oggi rendono più facile la cura dell’emofilia: nuovi farmaci, la farmacocinetica e l’attività fisica”. Così Giuseppe Malcangi, Uosd Centro emofilia e trombosi del Policlinico di Bari ha argomentato le nuove prospettive di cura dell’emofilia durante la settima tappa di ‘Articoliamo’, campagna sostenuta da Sobi con il patrocinio di FedEmo e dedicata a favorire la cura e il benessere delle articolazioni nelle persone con emofilia. 

“Nuovi farmaci con emivita prolungata permettono di aumentare l’intervallo tra le somministrazioni del farmaco e così avere una quantità maggiore di fattore VIII nel sangue e quindi più protezione – assicura l’ematologo – poi c’è la farmacocinetica, che ci consente di quantificare la durata del farmaco nell’organismo e infine l’attività fisica: i pazienti che la praticano si assicurano una protezione più alta”. Una ricerca commissionata da Sobi ha rivelato come è cambiata l’attività fisica dei pazienti in epoca Covid: il 34% ha smesso di svolgerla, dato che sale al 50% nei pazienti con patologie gravi.  

“L’approccio al paziente emofilico oggi è sempre più multidisciplinare -conclude Malcangi – l’ematologo rimane il regista ma è importante il coinvolgimento di fisiatra e fisioterapista e dei loro piani di riabilitazione per evitare problematiche articolari”. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime news

Famiglia, Brunetta: “E’ tale se unione è amore e solidarietà, non solo figli”

"Non è vero che la famiglia è tale solo se ci sono figli". A scandirlo è il ministro della...

Potrebbe interessarti