Covid e variante indiana, cosa dicono gli esperti

La variante indiana del covid “ci preoccupa come tutte quelle che appaiono nel mondo e di cui sappiamo poco”. E in questo momento “di riaperture e zone gialle dobbiamo avere la massima attenzione e capire tre cose: se è più trasmissibile rispetto al ceppo originale, se è più letale e se resiste ai vaccini”. Lo spiega all’Adnkronos Salute Massimo Andreoni, direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit) e primario di Infettivologia al Policlinico Tor Vergata di Roma.  


“Il virus ancora non si è stabilizzato e si modifica – sottolinea Andreoni – e può evidentemente far partire nuove varianti. Dobbiamo tracciare e monitorare per individuarlo in anticipo”.  

La comunità indiana in Italia è molto numerosa, cosa occorre fare per evitare che possano diffondersi focolai locali o d’importazione? “Se queste persone sono state in India recentemente o hanno avuto contatti stretti con persone tornate nelle ultime 2-3 settimane – avverte l’infettivologo – nel caso di sintomi occorre che si sottopongano a un tampone, si segnalino alle Asl o al medico di famiglia”. Sul blocco dei voli dall’India deciso dal ministro della Salute, Roberto Speranza, “ha fatto bene: in questa situazione è una misura necessaria”, osserva Andreoni. 

La variante indiana di Sars-CoV-2 “di sicuro ci piace poco perché ha due mutazioni nella proteina Spike, l’uncino” che il coronavirus utilizza per attaccare le cellule bersaglio, “che rendono più facile l’inserimento all’interno dell’organismo”. Tuttavia “è necessario fare ancora alcune valutazioni” su questo mutante virale, spiega ad ‘Agorà’ su Rai3 Fabrizio Pregliasco, virologo dell’università Statale di Milano.  

Da un lato, precisa l’esperto, bisognerà “capire se e quanto” questa variante “è più contagiosa” rispetto al virus originale, “come sembra”. E poi sarà necessario chiarire se sfugge ai vaccini e da questo punto di vista “sembrerebbe, in particolare da uno studio israeliano sul vaccino Pfizer, che una capacità di protezione, seppur ridotta, ci sia. Questo rilancia la fondamentale esigenza di procedere il più velocemente possibile con le vaccinazioni”, ammonisce Pregliasco. 

Il virologo approva la decisione annunciata dal ministro della Salute, Roberto Speranza, sul blocco degli ingressi dall’India: “E’ una scelta precauzionale che condivido”, commenta, anche “alla luce della situazione epidemiologica indiana, che sicuramente vede in questa recrudescenza terribile” di Covid-19 “che stanno vivendo anche una riapertura eccessiva in quel contesto e difficoltà organizzative”. 

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Covid Germania, quasi 12mila nuovi contagi e 60 morti

Articolo successivo

Riaperture, Galli: "Rischio alto. In Usa contagi su nonostante vaccino"

Articoli correlati
P