10 C
Comune di Monopoli
martedì 20 Aprile 2021

Lo Stato Sociale: “Il successo è diventato il sesto membro della band”

Da leggere

Bruno Bellini
Bruno Bellini
Direttore Responsabile Lifestyleblog.it - Classe '81, da Monopoli (Bari) Dal 2015 partecipa al Festival di Sanremo come giornalista accreditato e componente della Giuria Stampa.

Combat Pop è il brano con cui Lo Stato Sociale è in gara al 71esimo Festival di Sanremo.

Abbiamo incontrato oggi (virtualmente) la band capace di conquistare il pubblico italiano con il loro esordio al Festival di Sanremo 2018.

Vi abbiamo conosciuti nel 2018, con il successo de Una vita in vacanza. Nel 2021 siete di nuovo qui, a Sanremo. Come siete cambiati da allora? 

Sicuramente il 2018 e il 2021 sono due punti, in mezzo c’è stato un mondo strano. Il 2018 ci ha cambiato la vita, siamo maturati, invecchiati bene allo stesso momento. 

Dal punto di vista musicale le performance ci hanno visti più sicuri e meno impauriti rispetto ad allora, dato il fatto che avevamo una grossa istanza da portare su quel palco. 

La nostra crescita passa non solo dalla musica ma da un’evoluzione del mondo che ha bisogno di trovare un modo di essere raccontato.

Sono state le luci della ribalta che hanno fatto bene e anche male. Come racconta Combat pop, si passa da un mondo di contraddizioni universali nell’arte ma anche a domande profonde che passano dentro di te. “Cosa ci faccio? Sono la persona giusta per essere quello che la gente vuole da me?”. 

Il successo è diventato il sesto membro della band: non lo dico io ma funziona così. Quel membro della band stravolge gli equilibri, devi gestirlo come un altro componente. Se siamo qui nel 2021 vuol dire che siamo riusciti a farlo bene. 

Come è nata Combat Pop, la canzone che portate in gara al Festival?

E’ nata prima come titolo. L’idea era quella di unire uno spirito battagliero di critica sociale su quello che ci circonda. Il tutto raccontando la nostra visione del mondo ed essere popolari per arrivare in questo modo a più persone. E’un pezzo che ci rappresenta molto come stile e voglia di non prendersi troppo sul serio. Ma anche nel cercare di portare un messaggio”.

Come state vivendo questo Festival? 

Con la passione di chi è dentro l’esperimento di Stanford e cerchiamo di navigare a vista, provando a divertirci il più possibile, stare davanti a Zoom il più possibile, fare le prove, spaccare sul palco. Questa è la nostra routine. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime news

Grillo, Conte: “E’ sconvolto, ma non trascurare dolore ragazza e familiari”

Su Beppe Grillo e il video in cui difende il figlio Ciro interviene Giuseppe Conte. "Ho avuto modo di...

Potrebbe interessarti