13.2 C
Comune di Monopoli
venerdì 23 Aprile 2021

I medici sono preoccupati per la potenziale “bomba a orologeria” rappresentata dai pazienti oncologici e i tempi di attesa “significativi” per le endoscopie a causa del COVID-19

Da leggere

DÜSSELDORF, Germania, 24 marzo 2021 /PRNewswire/ —  

Secondo i nuovi dati pubblicati oggi da Fujifilm per dare il via agli ESGE Days 2021, gli specialisti in endoscopia di tutta Europa temono che, come conseguenza della pandemia da COVID-19, i pazienti presenteranno tumori in stadi più avanzati.  

Con il rinvio e la cancellazione delle cure non di emergenza a causa del COVID-19, i medici sono sempre più preoccupati che queste misure possano portare a gravi conseguenze per i pazienti. Secondo il sondaggio, 8 su 10 (82%) tra endoscopisti, infermieri e chirurghi di gastroenterologia intervistati da SERMO, hanno dichiarato di temere che a causa della pandemia i pazienti presenteranno tumori in stadi più avanzati e che saranno più difficili da curare.[4]
 

I servizi di endoscopia sono stati notevolmente colpiti dalla pandemia. Il sondaggio mostra che per oltre tre quarti degli intervistati (79%), il COVID-19 ha notevolmente aumentato i tempi di attesa per l’endoscopia.  

Mentre il 76% degli intervistati ha evidenziato che adesso le endoscopie richiedono più tempo a causa delle ulteriori misure di prevenzione delle infezioni messe in atto a causa del COVID-19, oltre la metà (56%) è ancora preoccupata per la trasmissione del COVID-19 durante la procedura endoscopica.[5]
 

In risposta, Fujifilm ha prodotto un endoscopio transnasale con boccaglio di protezione da droplet, per aiutare a proteggere gli operatori sanitari in prima linea in questo periodo difficile. Gli endoscopi transnasali di alta qualità possono migliorare l’efficienza[6] e ridurre significativamente la sensazione di soffocamento per i pazienti[7], il che può contribuire a limitare il rischio di contagio per gli operatori sanitari e i pazienti, mentre il boccaglio in PPE contribuisce a ridurre il rischio per gli operatori sanitari di infezione da COVID-19 e da altri agenti patogeni.[8]
 

Mat Tallis, Business Manager per l’Europa di Fujifilm EU, ha dichiarato:  

“I risultati del sondaggio dimostrano chiaramente che i medici di tutta Europa sono particolarmente preoccupati per la sicurezza e i tempi di attesa dei loro pazienti.  

“Dobbiamo lavorare insieme per affrontare queste sfide e garantire un’assistenza di alta qualità ai pazienti facilitando le procedure endoscopiche, migliorando al contempo le misure di sicurezza per ridurre al minimo i rischi di infezione.  

“È per questo motivo che noi di Fujifilm abbiamo sviluppato una soluzione endoscopica transnasale e un nuovo boccaglio che riduca i droplet per aiutare gli operatori sanitari e i loro pazienti a superare i ritardi in modo rapido e sicuro”. 

Il dott. Edward J Despott, responsabile clinico dei servizi di endoscopia presso il Royal Free Hospital di Londra, ha dichiarato:  

“Sono particolarmente preoccupato per il rinvio e la cancellazione delle cure non urgenti e per l’impatto che questo sta avendo sui pazienti.  

“Nell’interesse dei pazienti è fondamentale far ripartire le endoscopie, ma questo obiettivo deve essere raggiunto in modo sicuro.  

“L’endoscopia transnasale è una soluzione poiché è molto più tollerabile e meno traumatica per i pazienti, migliora le tempistiche delle procedure e aumenta l’efficienza. Dà agli endoscopisti la capacità di operare con buoni livelli di sicurezza e protezione dal COVID-19, riducendo il rischio di trasmissione del virus limitando la diffusione via aerosol. Il tutto senza compromettere la qualità”. 

NOTE PER I REDATTORI  

Per ulteriori informazioni, contattare Will Culliford all’indirizzo eluxeo@lexcomm.co.uk, numero di telefono +44 (0) 207 025 2300. 

Informazioni su FUJIFILM Europe GmbH  

FUJIFILM Europe GmbH (Düsseldorf, Germania) costituisce la sede strategica d’Europa e supporta le società europee del gruppo formulando strategie aziendali e di marketing. Le aziende Fujifilm in Europa operano in oltre 50 gruppi che impiegano più di 4.500 persone nel settore ricerca e sviluppo, produzione, vendite e assistenza tecnica. In tutta Europa copre un’ampia gamma di settori industriali, che comprendono: il campo medico, le arti grafiche, l’elettronica, la chimica, l’ottica, i supporti per la registrazione e le tecnologie fotografiche Nell’ultimo decennio, l’azienda si è concentrata più intensamente sulla sanità e ora guarda a oltre 80 anni di esperienza nel campo dell’imaging medico. Oggi, Fujifilm fornisce l’intero spettro della cura dei pazienti, dalla prevenzione alla diagnostica e alle soluzioni terapeutiche.  

Per maggiori informazioni, visitare il sito: www.fujifilm.eu
 

[1]  indagine SERMO su 308 medici, dati su file (febbraio 2021)[2] indagine SERMO su 308 medici, dati su file (febbraio 2021)[3] indagine SERMO su 308 medici, dati su file (febbraio 2021)[4] indagine SERMO su 308 medici, dati su file (febbraio 2021)[5] indagine SERMO su 308 medici, dati su file (febbraio 2021)[6] Despott E, Advancing minimally invasive aspects of flexible gastrointestinal endoscopy, Imperial College di Londra, ottobre 2012, p.52. https://doi.org/10.25560/25139 [7] Despott E, Advancing minimally invasive aspects of flexible gastrointestinal endoscopy, Imperial College di Londra, ottobre 2012https://doi.org/10.25560/25139
[8] Test condotti internamente hanno dimostrato che, confrontando il numero di droplet trovati all’interno di un’area di 200 mm x 40 mm, il boccaglio “B1” elimina oltre il 99% dei droplet di dimensioni uguali o maggiori di 5μm dispersi nell’aria con un colpo di tosse rispetto al nostro boccaglio già in uso 

  

  

  

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime news

Il salmone affumicato, un gusto unico per un’occasione speciale

Se chiedessimo a tutti quali sono le cose che più amano fare, saranno sicuramente pochissime le persone che non...

Potrebbe interessarti