10.8 C
Comune di Monopoli
mercoledì 21 Aprile 2021

Nara: l’ex capitale giapponese invasa dai cervi

Da leggere

Il Giappone è un paese estremamente affascinante e ricco di innovazione, ma anche di tradizione e cultura.

Fare un viaggio nel Sol Levante permette di scoprire luoghi di estremo incanto che sono simbolo di un’epoca ormai passata come i vari templi, i luoghi sacri i monumenti e molto altro.

Ma dall’altra parte il Giappone è anche terra di innovazione e futuro, che permette di entrare in contatto con realtà che non si vedono in altri paesi; visitare città come Tokyo, Kyoto o Osaka permette di imbattersi in esempi di innovazione brillanti e geniali, che vanno dai gabinetti ultratecnologici ai sushi bar centralizzati che ti portano le ordinazioni direttamente al posto attraverso un nastro centralizzato.

Essendo il Giappone anche paese natale di moltissimi fumetti e cartoni animati risulta un paese molto giovane, che presenta infatti numerosissime sale giochi in cui i ragazzi possono divertirsi con centinaia di videogame, ma anche con molte sale slot (un po’ come le Slot Gratis online giocabili anche nel nostro paese) in cui poter tentare la fortuna.

Uno dei luoghi più affascinanti e ricchi di cultura e tradizione è sicuramente Nara, città di circa 400.000 abitanti che è stata capitale del Giappone dal 710 al 794 ed è stata dichiarata patrimonio dell’UNESCO nel 1998.

Nara è una città ricca di luoghi storici da visitare che rimandano alla cultura giapponese tradizionale tra i quali troviamo il Tempio Todaiji, uno dei più grandi ed importanti templi buddisti in legno di tutto il Giappone, il Giardino Isuien, un giardino ricco di piccoli stagni, o il santuario Kasuga Taisha, dedicato alla divinità protettrice della città.

Ma uno dei posti più famosi e conosciuti di Nara è sicuramente il suo parco, Nara Koen, situato al centro della città. Ciò che rende questo parco una delle attrazioni più famose dopo la sua fondazione nel 1880 è sicuramente la presenza di numerosissimi cervi e cerbiatti che girano liberi tra i prati. Il cervo viene considerato nella religione shintoista il messaggero degli dei, quindi la presenza di questi animali viene vista come una sorta di vera e propria benedizione, che li porta a considerarli come sacri.

Questi girano indisturbati per tutta la città e sono diventati nel corso del tempo parte integrante del territorio; gli abitanti infatti li rispettano e li curano come fossero persone, facendo loro anche attraversare la strada in modo naturale.

Questi docili animali sono diventati ben presto estremamente apprezzati dai turisti, che li accarezzano e danno loro da mangiare, anche grazie a piccoli chioschetti che vendono cibo da dare loro.

Dar da mangiare ai cervi è un vero e proprio rituale: prima di avvicinare a loro il cibo bisogna infatti alzare il braccio e tenere in mano lo snack (una specie di biscotto) e attendere che l’animale faccia tre inchini, al fine di ringraziare la persona per il cibo che gli sta per donare.

Dopo gli inchini si è liberi di avvicinare la mano alla bocca del cervo che provvederà in men che non si dica a mangiare ciò che gli è stato offerto.

I cervi sono diventati il vero simbolo della città di Nara, che vengono raffigurati anche in vari luoghi come ad esempio sui tombini o sui cartelli stradali.

Questa città è un ottimo esempio di perfetta coesistenza tra natura e cultura urbana, che dimostra quanto sia possibile convivere in perfetta armonia con ciò che è naturale senza doverlo distruggere o modificare.

Se si viaggia in Giappone, visitare Nara è una tappa obbligatoria.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime news

Vaccino Pfizer in Italia, da oggi oltre 1,5 milioni dosi a regioni

Inizierà oggi la consegna alle regioni di oltre 1,5 milioni di dosi di vaccino Pfizer di previsto arrivo in...

Potrebbe interessarti