6.8 C
Comune di Monopoli
giovedì 25 Febbraio 2021

Medico contro vaccino Covid: “Ricorso a Tribunale Ue”

Da leggere

Nasce RaiPlay Sound: la nuova piattaforma multidevice

La Rai, sempre più player di riferimento del mercato digital.Dopo il successo riscontrato con Raiplay, dal 2021 anche...

Rinnovo patente: 6 cose da sapere

Una delle scadenze più difficili da ricordare e temute da tutti gli automobilisti: il rinnovo patente.Non è raro...

Il nuovo Nissan Qashqai

Nei giorni scorsi Nissan ha presentato la terza generazione del nuovo Qashqai.Sono stati mantenuti intatti i principi guida della...

“Sono il primo firmatario del ricorso al Tribunale della Unione Europea finalizzato ad ottenere la sospensione dell’utilizzo di vaccini genici fino a quando non sia svolta e terminata una sperimentazione completa che certifichi, da parte di un autorevole ente terzo, la loro effettiva efficacia e sicurezza. I vaccini attuali sono stati autorizzati dalla Commissione Europea sulla base di una mera autodichiarazione di loro validità rilasciata dai produttori. Questi ultimi saranno tenuti a fornire prova della loro efficacia quando ormai tutti i cittadini europei saranno vaccinati”. Così il medico Mariano Amici su Facebook lancia la sua ennesima battaglia contro i vaccini anti-Covid. Amici, medico di famiglia di Ardea (Roma), è già stato segnalato all’Ordine di Roma e provincia per le sue posizioni negazioniste nei confronti del virus Sars-CoV-2 e dei vaccini.  

“In sostanza – spiega – il rischio che cerco di contribuire a sventare è che si diventi tutti cavie di una sperimentazione che non è stata condotta adeguatamente”. 

“Prima di commercializzare un farmaco di particolare invasività ed incertezza quanto alle sue conseguenze perché di formulazione genica – prosegue Amici – è necessario che sia valutato il rispetto di tutte le leggi in materia di sperimentazione e sicurezza”.  

“Il mio ruolo di medico mi impone non di oppormi al vaccino in quanto tale, battaglia che non ho mai fatto – puntualizza – ma di salvaguardare il diritto alla salute ed il principio di precauzione a favore dei miei pazienti in ossequio al giuramento che feci quando iniziai questa meravigliosa professione. L’auspicio – conclude – è quello che in poche settimane il Tribunale Europeo possa fare chiarezza e sollecitare lo svolgimento di sperimentazioni più adeguate”. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime news

Ambasciatore e carabiniere uccisi, oggi i funerali di Stato

Sono previsti per oggi 9.30 presso la Chiesa di Santa Maria degli Angeli, a Roma, i funerali di...

Potrebbe interessarti