35.7 C
Comune di Monopoli
lunedì 26 Luglio 2021

In Finlandia il futuro del tessile è green

Da leggere

Dal consumo di acqua e suolo, all’uso di additivi chimici, e poi emissioni di gas serra e inquinanti nel corso dei processi produttivi. Il settore tessile ha un forte impatto sull’ambiente, per questo bisogna trovare nuove soluzioni sostenibili per ogni fase del ciclo di vita di un tessuto. Senza contare che dei 92 milioni di tonnellate di rifiuti tessili prodotti su scala globale, il 75-85% viene bruciato o destinato alle discariche. A mettere in campo soluzioni per un futuro green del settore è la Finlandia, dalla gestione dei rifiuti tessili, al trattamento, vendita e utilizzo, fino alla raccolta, riciclo e identificazione, e poi di nuovo alla gestione degli scarti tessili. 


“Sostituendo le materie prime con componenti riciclati o utilizzando, per esempio, fibre tessili a base di legno, e mantenendo i materiali già esistenti nell’economia il più a lungo possibile, abbiamo l’opportunità di avere un notevole impatto sull’intero sistema globale e sulle filiere tessili”, dice Marika Ollaranta, responsabile del programma Bio and Circular Finland di Business Finland, l’organizzazione finlandese per il commercio, gli investimenti, la promozione dei viaggi e il finanziamento dell’innovazione.  

Vediamo alcuni esempi concreti di cosa si sta facendo in Finlandia, grazie alle esperienze di Rester, NordShield, Emmy, Spinnova e Infinited Fiber Company, aziende che mettono a disposizione di tutto l’ecosistema tessile innovazioni Made in Finland. 

In Finlandia l’hub per il riciclo tessile su larga scala
 

Il sito punta a diventare uno dei più grandi impianti di raffinazione tessile del Nord Europa, facendo della Finlandia uno degli hub di riciclo dei paesi nordici. Le due linee di produzione dell’impianto lavoreranno i prodotti tessili post-consumo domestico e quelli pre-consumo, derivanti dal settore B2B. Al suo lancio, l’impianto tratterà in un anno 12.000 tonnellate di prodotti tessili a fine vita. Il piano è di aumentare il volume in futuro per raddoppiarne la capacità. 

“La nostra visione è quella di costruire un’eco-comunità, Green Field Hub, a Paimio, e creare un sistema circolare che permetta il riutilizzo e il riciclo dei tessili su larga scala, insieme agli altri attori dell’ecosistema”, dice Outi Luukko, Ceo di Rester. 

L’azienda tessile finlandese Spinnova produce la fibra direttamente dalla pasta di legno senza dispersione e senza utilizzare sostanze chimiche nocive. La produzione di fibra tessile sostenibile fatta con il metodo di Spinnova crea 0% di rifiuti, 0% di microplastiche e ha emissioni di CO2 e consumo di acqua minimi. 

“Vogliamo aiutare a colmare il deficit di sostenibilità dell’industria tessile rendendo i materiali a base di cellulosa efficienti dal punto di vista dei costi ed ecologici, così che divengano i preferiti dai brand. Sostituire il cotone con la fibra brevettata Spinnova potrebbe avere un impatto significativo sull’intera filiera, riducendo le emissioni e l’uso di acqua”, afferma Emmi Berlin, responsabile della comunicazione di Spinnova. La collaborazione di Spinnova con l’iconica casa di design Marimekko ha ottenuto un riconoscimento, nella categoria Sostenibilità, agli Innovation by Design Awards 2020 di Fast Company.

 

Un modello interamente circolare è possibile
 

“La tecnologia di Infinited Fiber non dipende da una singola materia prima, ma offre un modo per creare valore da più flussi di materiale di scarto, riducendo la pressione sulle risorse naturali, sulla terra e sull’acqua. La tecnologia può essere alimentata con una gamma di materie prime ricche di cellulosa per creare fibre tessili uniche con l’aspetto naturale del cotone ma proprietà superiori. Le fibre create hanno proprietà antimicrobiche naturali, sono biodegradabili, non contengono microplastiche e possono essere riciclate insieme ad altri scarti tessili”, dice Petri Alava, cofondatore e Ceo di Infinited Fiber Company. 

Infinited Fiber Company è anche a capo del New Cotton Project finanziato dall’Ue, un consorzio di marchi, produttori, fornitori, innovatori e istituti di ricerca che sta aprendo una nuova strada dimostrando un modello interamente circolare per la produzione commerciale di indumenti. Per un periodo di tre anni, i materiali tessili di scarto saranno raccolti, selezionati e rigenerati in fibre tessili a base di cellulosa della Infinited Fiber Company, che saranno utilizzate per realizzare tessuti per l’abbigliamento ideato, prodotto e venduto dal marchio globale Adidas e dalle aziende del gruppo H&M. 

L’azienda biotecnologica finlandese NordShield ha creato una tecnologia antimicrobica a base naturale che funziona contro batteri, funghi e virus, priva di metalli pesanti e che può essere applicata a tessuti e fibre così come a dispositivi medici, plastiche e persino alla pelle. “Offrendo un’alternativa superiore ai prodotti antimicrobici attualmente esistenti, incidiamo positivamente sul mondo e contribuiamo a creare una nuova normalità, che faccia sentire le persone più sicure possibile. La nostra tecnologia riduce al minimo il carico chimico sull’ambiente ed è anche competitiva dal punto di vista dei costi”, dice Kristoffer Ekman, Ceo di NordShield. 

Il NordShield BioLayr è una soluzione antibatterica che rende i tessuti antimicrobici in maniera duratura e può essere applicata a molteplici prodotti, come ad esempio quelli per l’igienizzazione di mani, piedi, superfici e maschere facciali. I test condotti nel dicembre 2020 e nel gennaio 2021 confermano la sua efficacia duratura fino a cinque settimane. I prodotti NordShield Brilliant contengono alcol per un effetto immediato, ma l’efficacia di lunga durata deriva dalla loro tecnologia innovativa non evapora ma forma una barriera fisica, simile a un’armatura, sulla superficie trattata.  

Emmy Clothing Company è un marketplace online nordico leader nel comparto dell’abbigliamento usato di prima qualità. Il webstore permette ai consumatori, ai rivenditori di abbigliamento e ai marchi di moda di rivendere, scoprire e acquistare in modo facile ed efficiente capi premium, con informazioni chiare e certe in merito alla qualità, alla disponibilità e alle opzioni di consegna. Tutti gli articoli sono ispezionati a mano e controllati per certificarne l’autenticità. Inoltre, la piattaforma fornisce ai consumatori e ai partner un servizio completamente trasparente rispetto al riutilizzo dei tessuti, e informazioni sulle caratteristiche qualitative dei capi e sull’impatto ambientale dell’abbigliamento. 

“Allungare il ciclo di vita dell’abbigliamento è la nostra missione. Il modo più sostenibile è quello di utilizzare l’abbigliamento nella sua forma originale. Vogliamo offrire ai nostri clienti un modo divertente, comodo e gratificante per riciclare i vestiti”, dice Taru Marjamaa, Cmo di Emmy. 

Altri articoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli