13.9 C
Comune di Monopoli
lunedì 12 Aprile 2021

Emofilici sedentari causa Covid, articolazioni a rischio

Da leggere

Articolazioni a rischio per le persone con emofilia. Complice la pandemia di Covid-19, fra i pazienti che convivono con la malattia rara di origine genetica legata a un difetto della coagulazione del sangue è aumentata la sedentarietà. L’attività fisica si è ridotta o azzerata, con pericoli per la salute articolare. E’ quanto emerge da un’indagine commissionata da Sobi, azienda che con il patrocinio di FedEmo (Federazione Associazioni emofilici) promuove la campagna ‘Articoliamo’.  

I risultati della ricerca indicano che il 40% degli intervistati non ha mai svolto un’attività fisica, dato che sale al 72% dei giovani under 18, mentre è pari al 48% fra i 19-40enni e al 63% da 41 anni a oltre 60. Ma dopo l’inizio dell’emergenza Covid, tra marzo e ottobre 2020, il 34% di chi faceva sport ha smesso di praticarlo; un dato che aumenta al 50% nei pazienti con una forma grave di emofilia. E chi non ha sospeso l’esercizio fisico ha comunque ridotto gli allenamenti fino al 15% in meno rispetto a prima della pandemia. Non solo: l’indagine mostra che appena il 57% ha effettuato uno screening articolare nei 9 mesi precedenti all’intervista, e che il 43% degli intervistati non lo ha mai fatto finora.  

“L’attività fisica è fondamentale per mantenere un apparato muscoloscheletrico sano ed evitare il rischio di sovrappeso – sottolinea Anna Chiara Giuffrida, dirigente medico e specialista in ematologia, Unità operativa complessa di Medicina trasfusionale, Azienda ospedaliera universitaria integrata di Verona – Nei pazienti con emofilia, inoltre, le articolazioni e i muscoli non stimolati dall’attività fisica sono più a rischio di sanguinamenti. Per questo è importante controllare lo stato articolare periodicamente e riconoscere le articolazioni più fragili. Attenzione anche alla ripresa dell’attività fisica: articolazioni e muscoli fermi per mesi sono maggiormente soggetti a traumi. Nei Centri per l’emofilia, luoghi sicuri anche in periodo Covid, i pazienti possono richiedere un programma su misura per ripartire ad allenarsi in sicurezza”.  

“Dai dati dell’indagine emergono due grandi problematiche – commenta Luigi Ambroso, vice presidente di FedEmo – La prima è una diminuzione sostanziale dell’attività fisica da parte delle persone con emofilia, certamente favorita dalla pandemia che ha determinato la chiusura di palestre e piscine. La seconda è l’assenza di controlli periodici alle articolazioni, che permetterebbero di valutare l’efficacia della terapia in relazione ai micro-sanguinamenti. Come pazienti vogliamo ricordare i tre cardini per il mantenimento di un’ottima salute articolare: profilassi, controlli periodici alle articolazioni e attività fisica”.  

Proprio per sensibilizzare le persone con emofilia e i loro familiari è nato Articoliamo, un progetto multipiattaforma che si sviluppa attorno a un sito Internet interamente dedicato alle persone con emofilia (www.articoliamo.com), online da luglio – spiega una nota – ricco di materiali utili e interattivi a disposizione di pazienti e caregiver, tra cui video-allenamenti, indicazioni, ricette e suggerimenti per una corretta alimentazione. Inoltre, un tour da settembre 2020 sta attraversando l’Italia con incontri di informazione virtuali tra specialisti e persone con emofilia e momenti di formazione per gli stessi specialisti sull’ecografia articolare. Gli appuntamenti itineranti proseguiranno anche nel 2021 in altre città di tutta la Penisola. 

Due i messaggi dell’iniziativa: “Garantire un’adeguata protezione con la terapia di profilassi per ridurre i sanguinamenti e mantenere in buone condizioni scheletro e muscoli; prendersi cura di sé attraverso l’attività fisica per prevenire i danni articolari e mantenere in buona salute il sistema muscolo-scheletrico”. Un obiettivo possibile grazie anche ai consigli riportati in un decalogo per la corretta prevenzione della salute articolare, curato da Elena Boccalandro, fisioterapista e osteopata del Centro emofilia e trombosi ‘A. Bianchi Bonomi’ del Policlinico di Milano. 

Ecco le 10 regole per fare esercizio fisico a casa in sicurezza: 1) Allenati in uno spazio comodo, privo di oggetti che potresti urtare e possibilmente aerato; 2) Indossa indumenti idonei all’attività fisica. Utilizza calze antiscivolo o scarpe da tennis per garantire la tua stabilità; 3) Esegui gli esercizi su un tappetino o una coperta spessa per proteggere la colonna vertebrale; 4) Parti dal riscaldamento prima di sollecitare la muscolatura con esercizi di rinforzo o di carico; 5) Non avere fretta di eseguire i movimenti. Impara a conoscere i tuoi limiti e le tue potenzialità. 

Ancora: 6) Ricordati di potenziare i muscoli progressivamente: aumenta prima il numero di ripetizioni, poi le serie, e dopo il carico; 7) Non dimenticare di svolgere esercizi propriocettivi, che sono fondamentali per garantire al tuo corpo maggiore stabilità e destrezza nei gesti quotidiani (come camminare, correre, salire e scendere le scale). Su www.articoliamo.com trovi un’intera sezione dedicata; 8) Se avverti dolore durante l’allenamento, vuol dire che stai caricando troppo. Alleggerisci il carico o le ripetizioni e, se il dolore persiste, fermati e comunicalo subito al tuo medico; 9) Se le articolazioni cominciano a sanguinare, interrompi subito l’allenamento e contatta il tuo medico; 10) Al termine di ogni allenamento, esegui degli esercizi di allungamento o di stretching. Ricordati di arrivare a un punto di tensione muscolare che non provochi dolore. 

Il decalogo per allenarsi
 

L’emofilia ai tempi della pandemia
 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime news

Edilizia, Di Franco (Fillea): “Settore invecchiato, attrarre giovani con Carta Identità Edile”

Un settore invecchiato dove solo l'11% della manodopera ha meno di 30 anni e con zero opportunità di percorsi...

Potrebbe interessarti