2.7 C
Comune di Monopoli
lunedì 18 Gennaio 2021

Stefano Coletta: “Con Fiorella Mannoia apriamo il 2021 per dire qualcosa di profondo”

Da leggere

Serena Rossi è “Mina Settembre”

Mina Settembre è un dramedy sentimentale ambientato a Napoli, che ha per protagonista un’assistente sociale alla continua ricerca di...

Quelli che il calcio: ospiti Stefano De Martino e Fiona May

Nuovo appuntamento, domenica 17 gennaio alle 14 su Rai2, con “Quelli che il calcio”. Tra gli ospiti in studio:...

Linea Verde: la puntata del 17 gennaio

Linea Verde nel suo viaggio al centro del buono e del bello d’Italia domenica 17 gennaio, alle 12.20 su...
Bruno Bellini
Bruno Bellini
Direttore Responsabile Lifestyleblog.it - Classe '81, da Monopoli (Bari) Dal 2015 partecipa al Festival di Sanremo come giornalista accreditato e componente della Giuria Stampa.

Stefano Coletta, direttore di Rai1, introduce il ritorno in tv di Fiorella Mannoia con un nuovo programma che celebra la musica e il suo valore nella vita di tutti noi: domani, venerdì 15 gennaio, e il 22 gennaio, sarà protagonista della prima serata del venerdì su Rai 1 con “LA MUSICA CHE GIRA INTORNO” (in onda dalle 21.25).

“Sono contento: è questo il mio sentimento che mi appartiene per questo progetto che torna su Rai1 in prima serata e riporta Fiorella Mannoia la amo sin da bimbo” – dichiara il direttore di Rai1 Stefano Coletta, che manifesta la sua stima per la cantautrice – “Ho sempre seguito la Mannoia per la forza della sua testualità oltre che vocalità. Rappresenta il mix , tra talento musicale che si unisce a talento di una “donna con le palle”. Conoscete la mia correttezza ma non uso mai queste espressioni.

Quando penso a lei penso al suo brano Il peso del coraggio: non si è mai tirata indietro e prende posizione. Ha fatto molte battaglie, non sto parlando di un’amica perché ci siamo visti poche volte ma parlo di un’artista che unisce coraggio, gentilezza e questa fa spesso la differenza nel portare avanti il proprio pensiero. Mi ha sempre colpito la sua reattività a violenza e ingiustizia con coraggio e grandissima eleganza. Per me non è elegante solo musicalmente, è gentile nel suo essere. Sono stato durante la registrazione della prima puntata a vederla e ogni volta mi rimanda questa rappacificazione con la sua identità e mondo che la circonda”.

Stefano Coletta svela inoltre quello che era il suo desiderio appena giunto al timone della rete ammiraglia della tv di stato. Il suo arrivo a Rai1 ha portato senza dubbio una ventata di cambiamento e di innovazione, ma soprattutto di gradimento. E anche per le parole e i messaggi lanciati attraverso il primo canale.

“Uno dei primi pensieri appena arrivato a Rai1 era di far si che Fiorella potesse tornare a dire tanto attraverso la musica e le parole nel servizio pubblico della Rai. Perché incarna il servizio pubblico. In pieno lockdown è stata un’artista che ha preso sulle spalle il peso di tutto ciò che aveva coinvolto il mondo artistico. E’ venuta a Rai1 a denunciare questa situazione disperata che aveva lasciato a casa tante famiglie, soprattutto dei lavori meno visibili degli artisti. Anche in quell’occasione ho colto la densità del suo impegno. E’ di grande contentezza pensare che nella Rai1 che dirigo i telespettatori potranno ascoltarla non solo per musica ma anche per parole in queste due prime serate”. 

Non soltanto: Coletta è anche un estimatore della Mannoia musicalmente parlando.

Conosco Fiorella musicalmente. Prima della conferenza ho ascoltato una canzone che ha reinterpretato: C’e tempo di Fossati e mi è tornata in mente perché arriva un tempo nella vita per tante cose. Ho pensato come forse Fossati abbia avuto come riferimento un pezzo della Bibbia che mi ha colpito da sempre. “C’è un tempo per demolire e un tempo per ricostruire, un tempo di morte e di rinascita”. Un testo molto intenso che ho ascoltato nel remake di Fiorella sul testo di Fossati durante il lockdown. Siamo ancora nel pieno di questa paralisi che ha mutato tutte le nostre vite, le nostre professioni. Questa pagina storica è stata una bomba inaspettata di mutazione, quasi biologica. Non soltanto sta mietendo tantissime vittime e sta spaventando tutti. Ma ha mutato il nostro piu profondo modo di essere umani. E Fiorella, che sento simile a me, ja un’estroversione che è bellissima. Si riapre il 2021 con questo doppio appuntamento per reagire e per dire qualcosa di profondo, pur nella leggerezza, rispetto a questo tempo. Ringrazio Fiorella per aver accolto il nostro invito di voler tornare con questo impegno non soltanto artistico ma valoriale. Soltanto a Sanremo si trova la stessa ricchezza che si troverà in queste puntate”.

Grande attesa per questo debutto in onda dalle 21.25 su Rai1 venerdì 15 22 gennaio.

Ultime news

Sicilia: una terra ricca di cultura e ottimo cibo

La Sicilia è una delle regioni più importanti d’Italia dal punto di vista culturale. Non a caso migliaia di...

Potrebbe interessarti