17.3 C
Comune di Monopoli
sabato 27 Febbraio 2021

10 film in uscita nel 2021 da non perdere

Da leggere

Sanremo 2021: da stasera il PrimaFestival

Torna PrimaFestival in diretta tutti i giorni da sabato 27 febbraio alle 20.30 su Rai1, subito dopo il Tg1....

Nuovo Dpcm Draghi, stretta fino a Pasqua: chi apre e chi chiude dal 6 marzo

Si delinea il nuovo Dpcm, il primo del premier Mario Draghi, con le misure anti-Covid che saranno in vigore...

C’è Posta per te, la puntata del 27 febbraio

Sabato 27 febbraio ottavo e penultimo appuntamento con Maria De Filippi e “C’è Posta per Te”.Appuntamento su Canale 5,...
Andrea Sala
Andrea Sala
Giornalista, ex-caporedattore di diversi siti di intrattenimento (l'ultimo MondoFox.it per FOX Italia), esperto SEO, amante del cinema e della scrittura.

Siamo onesti, il 2020 non è stato un anno facile per il cinema. Le sale chiuse per l’emergenza COVID hanno fatto male, malissimo alla settima arte e il risultato, oltre alle ovvie e prevedibili perdite monetario, è stato quello di vedere parecchi titoli cambiare finestra d’uscita.

Alcuni sono stati rilasciati in formato on demand su varie piattaforme di streaming, le vere superstar della pandemia quanto a utilizzo e diffusione.
Altri film, invece, sono stati addirittura congelati fino a data da destinarsi (e virus permettendo). Un esempio a caso? Tomb Raider 2.

Bene, l’avvento dei vaccini ha sicuramente portato una ventata d’ottimismo un po’ dappertutto, anche se il futuro resta incerto.

Quello che è certo è che il tempo continua a scorrere e il tanto odiato 2020 è finito, lasciando il passo a un 2021 ricco di interessanti uscite cinematografiche (sempre virus permettendo, sia chiaro).

Ma andiamo dritti al punto: ecco una personalissima selezione di film che, nel momento in cui scrivo, sono ancora previsti (alcuni in forse) per questo 2021 e che dovresti davvero vedere. In un modo o nell’altro.

L’ordine in cui sono proposti è assolutamente casuale e non indica alcun tipo di classifica. Forse i primi sono quelli che il sottoscritto attende di più, ma non è certo un demerito degli ultimi.

Dune

Timothée Chalamet nel film Dune nel palazzo Atreides
Timothée Chalamet è Paul Atreides

Il tanto atteso film diretto da Denis Villeneuve ha subito parecchi scossoni: previsto per dicembre 2020, arriverà in USA l’1 ottobre 2021, in contemporanea nelle sale – come il regista spera ardentemente – e sulla piattaforma di streaming HBO Max per il primo mese di programmazione.

Con un cast di questo livello – oltre a Timothée Chalamet troviamo Rebecca Ferguson, Oscar Isaac, Josh Brolin, Zendaya, Charlotte Rampling, Jason Momoa e Javier Bardem, per citarne solo alcuni nomi – e con Villeneuve alla regia, le aspettative sono altissime.
Non dimentichiamo che il materiale sui cui lo stesso Villeneuve con Jon Spaihts and Eric Roth hanno basato il copione è un capolavoro senza tempo della sci-fi, ovvero il romanzo Dune di Frank Herbert datato 1965.

Il regista canadese ha già mostrato di cosa è capace con Sicario del 2015, Arrival del 2016 e soprattutto con Blade Runner 2049 del 2017.
Coi mostri sacri ci sa fare e io mi fido.

Ecco il trailer, in tutta la sua epicità:

La trama narra del duca Leto Atreides, che con la sua famiglia si trasferisce dal pianeta Caladan sul desertico Arrakis, unico luogo dove è possibile raccogliere la preziosa spezia capace di sbloccare incredibili potenzialità negli esseri umani, allungare la vita e permettere di viaggiare nello spazio.

Su Arrakis, noto anche come Dune, sanguinosi avvenimenti porteranno il giovane Paul Atreides a farsi carico del futuro della sua casata e non solo.

Uscita in italia: non definita (ma spero comunque nel 2021).

The Many Saints of Newark

Altro giro, altro film distribuito da Warner Bros che arriverà quest’anno in USA.

Attorno al titolo c’è un hype pazzesco da quando hanno iniziato a diffondersi i primi rumors. Dopo tutto è il prequel de I Soprano, memorabile serie TV targata HBO che è sicuramente fra le 5 migliori di sempre (e non lo dico solo io).

James Gandolfini ci ha lasciati nel 2013 mentre era in vacanza a Roma, ironia della sorte, distruggendo così ogni possibilità di continuare la serie TV. Però ci sono i prequel e The Many Saints of Newark è proprio questo: un prequel de I Soprano ambientato fra gli anni ’60 e ’70 nei sobborghi di Newark, New Jersey.

La tensione fra la comunità italoamericana e quella di colore porterà un giovane Tony Soprano a “farsi le ossa” per quello che lo aspetta in futuro, ovvero la guida delle “attività” di famiglia, con legami profondi con i boss di New York e la camorra del Bel Paese.

Anche qui, il cast è pazzesco. Nei panni del giovane Tony troviamo Michael Gandolfini, ovvero proprio il figlio di James che avrà l’onere e l’onore di vestire i panni del padre. E i pantaloni a zampa del futuro boss.

Assieme a lui citiamo Jon Bernthal, Corey Stoll, Alessandro Nivola, Billy Magnussen, Ray Liotta e Vera Farmiga.

Il copione è stato curato da David Chase, il creatore de I Soprano, con Lawrence Konner, anch’egli sceneggiatore della serie. Alla regia troviamo Alan Taylor, che ha diretto – indovina un po’ – diversi episodi del leggendario show HBO.

Insomma, con queste premesse e una schiera di amatissimi personaggi da mostrare “in gioventù”, l’attesa verso The Many Saints of Newark è davvero tanta.

E non dimentichiamoci la cucina. Mi aspetto vagonate di “gabogool” (capocollo) e almeno una citazione degli ziti al forno tanto amati da Tony.

Pronti ad ammirare le gesta di Tony, il padre “Johnny Boy” Soprano, la madre Livia Soprano, Dickie Moltisanti (il padre di Christopher), Corrado Soprano senza occhiali e un sempre tosto Paulie Gualtieri? Io si, da parecchio tempo.

Uscita in USA prevista per il 24 settembre 2021, ancora nei cinema e su HBO Max.

Uscita in Italia: non ancora annunciata. Potrebbero farcela entro fine anno, però.

Ghostbusters: Legacy (Ghostbusters: Afterlife)

Operazione nostalgia? Forse, ma una possibilità gliela concediamo.

Dopo il non proprio eccelso reboot, sembra che questa volta il vero spirito – pessimo gioco di parole, me ne scuso – dei primi due mitici capitoli sia stato infuso in un film che davvero intende rendere giustizia a un caposaldo della mia nostra infanzia.

Ci sono Bill Murray, Dan Aykroyd, Ernie Hudson e Sigourney Weaver nei loro ruoli storici, Paul Rudd che sta bene un po’ ovunque e i più giovani ma altrettanto talentuosi Finn Wolfhard e Mckenna Grace
E sì, c’è anche la Ecto-1 e gli zaini protonici, le trappole e tutto quanto.

Solo a guardare il trailer si torna indietro negli anni ’80, no?

La trama narra di una famiglia squattrinata che è costretta a trasferirsi in un piccolo paese (Summerville, Oklahoma), nella fattoria di famiglia.

Una volta arrivati lì si troveranno alle prese con eventi soprannaturali e un certo passato legato al celebre nonno ormai scomparso.

Non mancherà anche il gap generazionale fra i più giovani e il mito – perchè di quello si tratta – dei Ghostbusters originali.

Bill Murray ha speso parole di elogio nei confronti del copione. Se lo dice lui, per me va bene.

Ghostbusters: Legacy (che per qualche motivo è stato così battezzato da noi, rispetto all’originale Ghostbusters: Afterlife) esce l’11 giugno in USA.

In Italia ancora non si sa, anche se appare improbabile che esca durante la comunemente fiacca finestra estiva.
Che poi, se saremo costretti ancora a spostamenti limitati si potrebbe anche fare…

Top Gun: Maverick

Tom Cruise torna a volare alto in Top Gun: Maverick, nei gloriosi panni del tenente Pete “Maverick” Mitchell che nel sequel dell’indimenticabile film del 1986 diretto da Tony Scott dovrà insegnare il mestiere a un gruppo di aspiranti piloti.

Fra i giovani studenti anche Bradley “Rooster” Bradshaw (Mile Teller), figlio del grande amico di Maverick, ovvero Nick “Goose” Bradshaw.

Insomma, fra manovre impossibili ad alta quota e ricordi strappalacrime, ci sarà anche tempo per una nuova storia d’amore per il nostro eroe? Sostituiamo Kelly McGillis con Jennifer Connelly et voilà.
E c’è anche una bella corsa in moto, come ai vecchi tempi.

Dopo uno slittamento, il film è al momento previsto per il 2 luglio 2021 in USA.

Uscita in Italia: ignota. Ma se non è un film da estate questo…

Luca

Luca sulle pagine di Empire Magazine

Ambientato in Liguria, diretto dall’italianissimo Enrico Casarosa e con il marchio Pixar a dare quel tocco di animazione blasonata: Luca si prospetta un film davvero interessante come (quasi) tutti i progetti della casa di produzione americana.

La storia gira intorno a Luca, un ragazzo che vivrà una classica estate italiana in un piccolo borgo ligure sospeso nel tempo, fra bagni in mare, pasta a non finire (al pesto, ovviamente), gelati e scorribande in scooter.

Durante la sua vacanza Luca incontrerà un ragazzo, Alberto, con cui legherà tantissimo. Quest’ultimo però, nasconde un segreto e sotto al mare esistono dei misteriosi mostri marini…

Sarà una storia imperniata sull’amicizia, con la cornice nostrana a rendere il percorso di coming-of-age ancora più magico.

La curiosità attorno al progetto di Casarosa, che si è già accaparrato una nomination all’Oscar con il delizioso corto La Luna – guardalo su Disney+, te lo consiglio -, è davvero tanta.

Il mix di un’Italia estiva vista dagli occhi di un ragazzo, di un’amicizia profonda e di uno stile punteggiato di omaggi al maestro Miyazaki promettono benissimo.

Luca è assolutamente da non perdere. E non solo per un po’ di (sano) campanilismo italiano.

Il film arriverà in USA il 18 giugno di quest’anno.

Uscita in Italia di Luca? Ancora non si sa. Però un’anteprima proprio in Riviera ligure sarebbe la ciliegina sulla torta (il mio è solo un suggerimento).

Matrix 4

Niente più verde e nero

Dopo Revolutions del 2003 si torna a vivere la realtà che forse tanto reale non è.

Neo, l’eletto interpretato da Keanu Reeves, si ritroverà con Trinity (Carrie-Ann Moss) e Niobe (Jada Pinkett Smith) per… qualcosa che ha a che vedere con The Matrix.
Non si conosce davvero nulla sul copione, quindi è piuttosto inutile fare congetture.

Sappiamo però che il copione scritto da David Mitchell, Aleksandar Hemon e Lana Wachowski, che si è occupata anche della regia e della produzione, è piaciuto molto a Reeves, tanto da convincerlo a tornare.
Se non fosse stato degno del franchise, nessuno dei “vecchi” sarebbe salito a bordo del progetto.

Non ci saranno Laurence Fishburne e Hugo Weaving, rispettivamente interpreti di Morpheus e del tenace Agente Smith, ma ci saranno tanti nomi nuovi per la saga: Yahya Abdul-Mateen II, Neil Patrick Harris, Jessica Henwick, Priyanka Chopra e molti altri, in ruoli ancora ignoti.

È tutto talmente segreto che non si potrà che correre al cinema, quando The Matrix 4 uscirà.

Già, ma quando? Dopo un’iniziale slittamento al 2022 (!), Warner Bros. ha poi deciso di affidare l’importante finestra natalizia a Neo e soci, che debutteranno al cinema e su HBO Max il 22 dicembre. In USA, sia chiaro.

Un titolo così, però, farebbe un figurone durante le feste anche in Italia. Il tempo per preparare il lancio ci sarebbe, visto che le riprese sono terminate a novembre 2020.

https://twitter.com/keanuplanet/status/1342880892147167232

The French Dispatch

Mister simmetria e colori pastello, Wes Anderson, avrebbe dovuto mostrare al mondo la sua ultima fatica a luglio del 2020 ma, ancora, il virus ci ha messo lo zampino.

Ad oggi il film non ha ancora una data d’uscita, ma si vocifera l’anteprima a Cannes il prossimo maggio e mi pare più che azzeccato.

La commedy-drama pennellata da Anderson racconta del giornale The French Dispatch, edizione europea dell’Evening Sun di Liberty, Kansas, d’istanza fra Parigi e la città fittizia di Ennui-sur-Blasé.

La redazione del giornale decide di pubblicare un numero speciale commemorativo, in occasione delle morte del direttore, con gli articoli più di successo prodotti negli anni.

I tre plot narrativi seguono tre degli episodi narrati sulle pagine del French Dispatch: il rapimento di uno chef, un artista condannato all’ergastolo per un duplice omicidio e un reportage sui moti studenteschi del ’68.

Neanche a dirlo, il cast è composto da un vastissimo parterre di star: dagli aficionados Bill Murray, Tilda Swinton, Adrien Brody, Willem Dafoe e Owen Wilson, a Benicio del Toro, Léa Seydoux, Frances McDormand, Timothée Chalamet, Jeffrey Wright, Saoirse Ronan, Elisabeth Moss, Christoph Waltz, Henry Winkler e molti, molti altri.

Solo la curiosità di vedere come Anderson ha condensato tutto questo talento in 103 minuti vale il prezzo del biglietto.

Già dal trailer ci aspettiamo inquadrature secondo il classico canone estetico di Anderson – e un esteso uso del bianco e nero – con una storia dai toni leggeri e malinconici.
Non si sbaglia con il regista americano.

E l’uscita di The French Dispatch? Come detto non è ancora stata fissata, ma ci sono buone possibilità anche per l’Italia in questo 2021.

Venom – La furia di Carnage (Venom: Let There Be Carnage)

Ok, Venom del 2018 non mostrata nemmeno una gocciolina di sangue e questo, onestamente, andava un po’ contro alla violenza che il simpatico simbionte predicava per tutto il film.

Detto questo, la pellicola con Tom Hardy è molto godibile e offre oltre due ore di intrattenimento di buon livello che lascia – furbescamente – la porta aperta un sequel che, puntuale, è arrivato.
Cioè, doveva arrivare, ma poi il COVID ha fatto la sua comparse e anche il simbionte Marvel ha dovuto fermarsi ai box.

Nel film diretto da Andy Serkis – sì, quell’Andy Serkis – ritroveremo Tom Hardy/Venom alle prese con Cletus Kasady, un pericoloso omicida in cui trova “alloggio” il simbionte Carnage.

Dopo l’exploit di Joker del 2019, qualcuno ha capito che i film sui supereroi/cinecomic destinati agli adulti funzionano e da tempo si parla di un rating R per il film con Hardy e Harrelson. Questo aspetto, oltre alla più pura curiosità, lo rende ancora più sfizioso.

Venom: Let There Be Carnage al momento è previsto in uscita il 25 giugno 2021 in USA, cosa che fa ben sperare anche per noi.

Spider-Man 3

Diciamocelo, anche se non sei fan – come me – dei cinecomic, gli Spider-Man dell’era Tom Holland sono francamente divertenti e curati al punto giusto: veicolano bene la “spensieratezza” dell’Uomo Ragno con tutto il comparto produttivo di Marvel a sostenere la storia.

Il primo Homecoming soddisfa e il secondo Far From Home… pure.

Ecco perché il terzo capitolo, con l’ipotesi di uno Spider-Verse in cui convivono anche gli Spider-Man di Tobey Maguire e Andrew Garfield fa ben sperare. Anche Kirsten Dunst dovrebbe tornare, mentre il Doctor Octopus di Alfred Molina è già certo, così come Jamie Foxx nei panni di Electro.

Dopo due buone prove, dunque, il terzo film dell’Uomo Ragno con il suo mashup col passato promette dell’ottimo intrattenimento, con la giusta dose di ironia.

Jon Watts è alla regia, con Zendaya, Jacob Batalon, Tony Revolori e Marisa Tomei a completare il cast. Ah, questa volta ci sarà anche Benedict Cumberbatch nei panni di Doctor Strange, con il probabile ruolo di mentore del giovane Peter Parker. Tony Stark, purtroppo, non è più “disponibile” e dovremo accontentarci dello Stregone Supremo (che pure è uno dei personaggi più intriganti del MCU, a mio avviso).

Gli ultimi rumors, inoltre, indicano con insistenza anche la presenza del Daredevil di Charlie Cox (quello della serie TV).

Il film è atteso nelle sale americane il 17 dicembre 2021 e farebbe un figurone anche da noi, per le feste natalizie.

A Quiet Place 2

Il primo film diretto, sceneggiato e interpretato da John Krasinski è stato un successo che ha messo l’ex The Office sul radar del cinema che conta (e gli ha portato in dote una nomination agli Oscar 2019 per il miglior montaggio sonoro).

Oltre all’operato di Krasinski, anche il cast ha giocato un ruolo fondamentale per il film: la moglie dell’attore e regista, Emily Blunt, è perfetta nel ruolo di madre/protettrice dei due figli, mentre la giovane Millicent Simmonds e Noah Jupe sono i piccoli da proteggere (ma nemmeno troppo).

Il mondo silenzioso messo su pellicola da Krasinski è affascinante e terrificante allo stesso tempo: dopo la “dipartita” eroica del suo personaggio, sono davvero curioso di sapere cosa succederà alla famiglia guidata dalla sola Evelyn Abbott (Emily Blunt).

Va citata anche la presenza di Cillian Murphy, Djimon Hounsou e tanti mostri spaventosi, in uno scenario distopico che nulla ha da invidiare alle città abbandonate di The Walking Dead.

Il film è in uscita il 17 settembre 2021 in USA, spostato proprio di fresco: un’uscita anche in Italia nei prossimi mesi resta plausibile.

Bonus: altri film che tocca mettersi in agenda

Questi qui sopra sono i film che personalmente attendo di più, ma ce ne sono altri che vale la pena elencare.

In ordine sparso:

  • Nomadland – 29 gennaio (USA). Frances McDormand in una storia perfetta per Frances McDormand: dopo la morte del marito, una donna vagabonda per l’America sul suo camper. Leone d’oro a Venezia 2020 cme Miglior film e pioggia di premi internazionali per la regista Chloé Zhao
  • Raya e l’ultimo drago – 5 marzo (USA e su Disney+). Nuovo lungometraggio Disney ambientato in un mondo di fantasia fra draghi quasi estinti, avventura e redenzione.
    La protagonista, Raya, è una delle prime eroine Disney dagli occhi di grandezza “normale”. Il nuovo che avanza.
  • Black Widow – 7 maggio 2021 (USA). Il primo film della Fase 4 del MCU è tutto di Natasha Romanoff, uno dei personaggi più profondi e umani di tutto l’Universo Cinematografico Marvel. Ecco perché il suo film standalone ambientato dopo Civil War intriga e incuriosisce: chi c’è dietro l’inflessibile ex-spia del KGB? Chi vuole annientarla?
  • The Suicide Squad – 6 agosto 2021 (USA e HBO Max). Il film sulla squadra suicida di supercattivi può contare sulla regia di James Gunn (Guardiani della Galassia e Guardiani della Galassia 2) e su un cast pazzesco: Margot Robbie, Idris Elba, John Cena, Joel Kinnaman, Peter Capaldi, Sylvester Stallone e Viola Davis.
    Ma non è tutto, dovranno vedersela coi nazisti: mi aspetto schiaffi e sarcasmo da supereroi.
  • Elvis – [UPDATE: spostato il 3 giugno 2022] (USA e su HBO Max). Il biopic di Baz Baz Luhrmann – ancora senza titolo – mostrerà l’ascesa a Re del Rock di Elvis, sotto la “guida” del manager Tom Parker.
    Austin Butler si guadagnato il ruolo del protagonista, mentre Tom Hanks sarà il suo impresario.
    C’è tutto quello che serve per un blockbuster.

Bene, questi sono i film che personalmente vi consiglio di tenere d’occhio in questo 2021 ancora incerto.

C’è qualche titolo che avreste incluso in lista? Ditemelo nei commenti.

Ultime news

Covid, ‘proteina Neanderthal’ può ridurre gravità malattia: lo studio

Una proteina, ereditata dall'uomo di Neanderthal e che si è conservata per generazioni, potrebbe rivelarsi un'arma contro il Covid-19....

Potrebbe interessarti