3.6 C
Comune di Monopoli
sabato 16 Gennaio 2021

BASTILLE: il video “survivin”

Da leggere

Samsung svela la Serie Galaxy S21

La nuova serie top di gamma Samsung Galaxy S21 arriva in tre differenti modelli per rispondere alle esigenze di ogni stile di...

Fiorella Mannoia: “E’ un grande onore riaprire lo spettacolo nel 2021”

“E’ un grande onore riaprire lo spettacolo nel 2021, di essere io quella che riporta sul palco la musica,...

Emma e Alessandra Amoroso: “Abbiamo imparato l’amore per noi stesse”

“Pezzo di cuore” è il titolo di uno dei duetti più attesi degli ultimi 10 anni, tra due delle...

I Bastille hanno pubblicato il suggestivo video animato di “survivin” diretto dal regista britannico/iraniano Reza Dolatabadi, che già aveva lavorato al precedente “WHAT YOU GONNA DO???”

L’animazione ideata per “survivin” attinge dalla passione sia del regista per Edward Hopper, sia di Dan per Federico Fellini. L’uso della fotografia di Dolatabadi contribuisce a creare un corto fantasioso e suggestivo che rende il sentimento di caduta della canzone.

Lavorando a distanza, durante l’isolamento, con un team di animatori provenienti da tutto il mondo, l’ambizione dell’opera era quella di creare un paesaggio immaginario  avvincente e cinematografico degno del grande schermo. “Nel complesso volevo dare al video una sensazione di grandiosità, quasi come se appartenesse al grande schermo, e per questo abbiamo dovuto costruire una città in 3D” spiega il regista.

“survivin” è stato definito dal magazine Clash “a tonic for these troubled times”. La canzone parla della  versione di noi stessi che scegliamo di dare agli altri. Su uno sfondo sonoro accattivante, il frontman Dan Smith con immediatezza e onestà riflette sull’ansia, sul dubbio di sé e sulla frenesia della vita moderna.

Dan Smith ha iniziato a scrivere “survivin” alla fine dello scorso anno con l’intenzione di fare un resoconto sincero degli alti e bassi durante i sette anni di esistenza dei Bastille. “Ci sono state volte in cui mi sono sentito come se fossi stato in una lavatrice e su un nastro trasportatore allo stesso tempo”, spiega Dan, “ma quando la gente mi chiedeva come stavo, la risposta era sempre il solito cliché britannico: ‘Sì, tutto bene, tutto bene'”. “Poi è arrivato il periodo dell’isolamento e non sentivo la canzone più adeguata, ma alla fine ho pensato anche che il 2020 è l’anno in cui abbiamo smesso tutti di fingere che tutto vada bene”.

Ultime news

La ricetta per la ripresa, parla Montefusco: “Comunicare è la parola d’ordine”

In un’intervista fiume ad Affaritaliani, Claudio Montefusco (vicepresidente del Gruppo Ballandi e fondatore di Live.com, la  società leader nella...

Potrebbe interessarti