Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Hi-Tech

Flash Player, l’addio definitivo entro il 2020

E’ stato uno dei componenti multimediali che più di ogni altro ha contribuito a definire la storia del web, permettendoci di visualizzare animazioni e brevi filmati con un click, ma anche per il popolare Flash Player sembra essere giunta la fine di un’era.

Come rivelato recentemente da Microsoft, infatti, la tecnologia di Adobe si prepara ad essere abbandonata definitivamente anche dai suoi browser di punta, ovvero Edge e Internet Explorer. Il tutto fa parte di un graduale processo di dismissione di Flash Player, più volte preso di mira dagli hacker e utilizzato come vettore per la diffusione di malware.

Una scelta che si allinea a quella di Adobe, che ha deciso di non aggiornare più questa tecnologia di riproduzione dei formati multimediali, abbandonando il supporto agli update di sicurezza a partire dal 31 dicembre 2020. Il suo posto verrà preso dal valido standard HTML 5, già in uso da alcuni anni e mirato ad offrire tutto ciò che ci propone oggi Flash.

Cosa cambierà concretamente per gli utenti? In sintesi, Microsoft eliminerà i riferimenti al player Adobe dal browser Edge, così come da Internet Explorer 11, rimodellando l’interfaccia utente e adottando gli standard HTML 5 e WebGL, che inoltre godono di una maggiore apertura alle applicazioni di terze parti.

Edge e Internet Explorer si allineano così ai browser rivali Firefox e Opera, che ormai da tempo cercano di dissuadere i loro utenti alla visualizzazione dei contenuti in Flash, proponendo dei plug-in alternativi: ad oggi, infatti, se decidiamo di utilizzare la tecnologia Adobe, dobbiamo dare il nostro espresso consenso attivando l’opzione “Consenti ai siti di eseguire Flash Player” dal menu Impostazioni.

Finisce così l’epopea di Flash, tra innumerevoli alti e bassi: un cambiamento di percorso che comunque non comporterà nessun disagio per gli utenti, con il beneficio aggiunto di poter usufruire di una tecnologia più moderna, aperta e sicura nei riguardi di potenziali attacchi di cyber crime che continuano ad imperversare.

Scritto da

Potrebbe interessarti...