Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Interviste

Roberto Cerè: “Natale è il momento perfetto per tirare le somme”

Nel LifeStyle Christmas Edition non poteva mancare il più famoso mental-coach italiano, Roberto Cerè, che ci racconta in esclusiva il suo Natale e i tutti i suoi nuovi progetti legati al 2020.

Roberto, generalmente come vivi il periodo natalizio?

È un momento perfetto per tirare le somme dell’anno. Perfetto perché si è più propensi all’introspezione, alla riflessione e alla condivisione. È diventato ormai un rituale ritrovarmi con i mie figli, con la donna che amo e un pugno di amici a fare un bilancio guidato di come sono andate realmente le cose nell’anno che sta chiudendo. Dal punto di vista famigliare io e la mamma dei bambini (siamo divorziati) abbiamo i ragazzi ad anni alterni. Quest’anno sono con me da Natale sino al nuovo anno. Andremo in crociera ai Caraibi, due settimane di sole e giochi. Due anni fa siamo andati in Tanzania per un safari strepitoso. Non avevo mai visto i mei figli (Sofia di 13 e Luca di 10) essere così entusiasti di svegliarsi alle 4 della mattina, tutte le mattina, per andare a “caccia fotografica” di leoni, rinoceronti, bufali…

Quali sono i ricordi del Natale di quando eri bambino?

Una magia! Ho avuto la fortuna e l’ingenuità di credere a Babbo Natale sino a 12-13 anni. Forse ero fesso, ma oggi sono felice di avere avuto tutti quei natali in cui rimanevo con il fiato sospeso per non fare rumore e non disturbare l’arrivo di Babbo Natale. Mi ricordo svegliarmi prestissimo per correre sotto all’albero e cercare i mei regali. Tanta serenità in casa, il calore di una madre e un padre che avrebbero fatto tutto per me e mia sorella. Sono veramente grato per l’amore che sono riusciti a darci per tutti quegli anni.

Cosa ti piacerebbe trovare sotto l’albero?

Giornate d’amore e di distensione. Ho voglia di connettere con i mei figli e con Sofia, la figlia di Antonia, la ragazza con cui condivido la mia vita da 4 anni. Il regalo più bello è vedere loro star bene, divertirsi e crescere sani. Abbiamo tutto quello che ci serve, e forse anche di più. A fare la differenza non sono più gli oggetti ma le esperienze che riusciamo a vivere insieme.

E all’Italia, idealmente, cosa faresti trovare sotto l’albero?

All’Italia farei trovare sotto l’albero una leadership ferma, rigorosa e giusta. L’Italia è un bellissimo paese da visitare, un pessimo paese nel quale crescere. Lo so che può sembrare un pensiero ingiusto ed eccessivo verso la nazione che mi ha visto nascere e crescere sino ai miei 30 anni. Ormai da 20 anni vivo tra la Danimarca, Montecarlo e Dubai. Culture diverse, valute diverse, religioni diverse… e stili di leadership diversi. Proprio questa diversità mi porta a vedere l’Italia (che amo profondamente) come un’anziana signora violentata e allo sbando. Un vero peccato, abbiamo dei punti di forza riconosciuti in tutto il mondo: l’arte, il senso estetico e del bello, i nostri architetti, i nostri chef, i nostri stilisti, ma anche il nostro cinema… eppure in assenza di una seria e illuminata guida diventiamo un paese dove l’intelligenza si trasforma in furbizia, e tutti cercano di prevaricare. E questo accade non perché si voglia essere “cattivi” ma perché non abbiamo un recinto nel quale muoverci, delle regole certe, delle punizioni certe, è valido tutto e il contrario di tutto.

Siamo a fine anno: tracciamo un bilancio di questo 2019 che per te è stato importantissimo…

Strepitoso!! Non avrei potuto sognare di meglio: tanto tempo con i miei figli, con Antonia, con le mie passioni; un evento da 2.000 presenze che per 5 giorni si sono fatti guidare a Montecarlo durante la Leadership Academy MICAP; una nuova edizione del MICAP (Master internazionale in coaching ad alte prestazioni); e soprattutto l’avvio dei lavori di costruzione dell’orfanotrofio MICAP Village a Pangani, in Tanzania. Sono molto felice e ancora più sereno. Le mie ragazze, Giovanna e Roberta, alla guida della mia organizzazione sono state molto brave ad alleggerire le mie responsabilità operative. Per cui: si!,sono molto soddisfatto.

Nel 2020, a livello lavorativo, quale traguardo ti piacerebbe raggiungere?

Portare il coaching nelle scuole medie superiori. In quella fascia di età dove i ragazzi e le ragazze vivono il confronto, il giudizio e il rifiuto. Un’età critica per le scelte che si fanno. Scelte che non sempre si possono comprendere a quell’età ma le cui conseguenze si portano sulle spalle per il resto della vita. Sono convinto che a questi ragazzi non debba essere solo insegnata la geografia, la matematica e la fisica, ma anche l’amore per se stessi, l’ingegnieneria dei comportamenti, e la capcità di presentarsi e di presentare le proprie idee.

E a livello personale?

Il 19 novembre 2020 compierò 50 anni. Mezzo secolo, un lasso di tempo generoso per mettersi in gioco e dimostrare a se stessi il proprio valore. Si chiude un capitolo importante – la fase dove sono cresciuto e ho costruito – per iniziare una nuova fase – quella dove aiuterò i mie delfini a crescere e a costruirsi. Sono orgoglioso di quello che i miei studenti stanno realizzando, molti di loro sono sul mercato da tempo con risultati sorprendenti, e questa è una grande gioia. Per il compleanno mi sono fatto un regalo: l’iscrizione alla 50esima maratona di New York. Compiamo 50 anni insieme, tutti e due a novembre. Quale modo migliore per dimostrare non sono poi così vecchio, se non correre una maratona! Sarà la mia undicesima.
Redazione
Scritto da

Iscriviti alla nostra Newsletter

Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Leggi la nostra Privacy Policy.

Potrebbe interessarti...

Interviste

Ha solo 23 anni ma ha le idee molto chiare, a partire dal nome d’arte dove il cognome Cioffi ha la meglio sul nome, Andrea. Salentino di...

Interviste

“Con il cosiddetto Dl Rilancio è stato stabilito che le aziende che hanno già usufruito di 9 settimane di cassa integrazione ne hanno a...

Interviste

Se tornasse L’inverno, Come respiri, E poi arrivò dicembre, Meccaniche dell’esitare e Io rinasco in te, disponibili da qualche giorno sui principali digital stores,...

Interviste

Nei giorni scorsi vi abbiamo raccontato del nuovo singolo Wavy, di Malcky G. Abbiamo incontrato il giovane rapper italo americano con il quale abbiamo...

Copyright © 2011 Lifestyleblog.it | Testata on-line iscritta al Tribunale di Bari al n. 23/2011
News e approfondimenti su Tv, Musica, Auto, Motori, Hi-tech, Cinema, Moda e tanto altro ancora.
Direttore Responsabile: Bruno Bellini Lifestyleblog.it