Connettiti con noi

Food & Beverage

La crescita del food delivery in Italia

Redazione

Pubblicato

il

Il food delivery piace agli italiani, che ne apprezzano varietà e versatilità nelle diverse occasioni di consumo, ma anche facilità di utilizzo e velocità: a casa come al lavoro, per una serata con amici o anche per un momento di relax davanti a tv e film preferito!

Il ritratto della società che vede sempre più integrata questa modalità di consumo è valido non solo nelle metropoli, ma anche e sempre più nelle province italiane, dove si registra una crescita di ordini a domicilio che aumenta in modo esponenziale, guidando complessivamente la crescita del fenomeno in Italia nel 2019. Accanto, anche il consolidamento delle città ritenute ormai “big” e dove il food delivery è un’abitudine più consolidata.

Questo atteggiamento positivo verso il food delivery va di pari passo con la presenza sempre più capillare anche di Just Eat, app leader per ordinare online cibo a domicilio in tutta Italia, che presenta la terza edizione dell’Osservatorio del food delivery online, che dal 2017 analizza da un punto di vista privilegiato lo sviluppo, l’andamento, i gusti, le abitudini e le caratteristiche demografiche e geografiche dell’Italia che ordina tramite app. Una crescita, quella di Just Eat, che oggi ha raggiunto una presenza sul territorio in oltre 1.000 comuni e più di 105 province, in ogni regione italiana, oltre 12.000 ristoranti partner e circa 34 milioni di pasti consegnati dal 2014 lungo tutta la Penisola.

Daniele Contini, Country Manager di Just Eat in Italia, commenta così il fenomeno che racconta un Paese in cui grandi città e province concorrono insieme a far crescere il digital food delivery: “Più che mai come quest’anno è l’Italia delle province a guidare la crescita del food delivery, sia con importanti incrementi di ordini, sia per l’interesse crescente da parte del mercato della ristorazione verso le potenzialità del digitale come vero e proprio acceleratore di business. Da nord a sud stiamo assistendo a una crescita delocalizzata del fenomeno, mentre le grandi città come Roma, Milano, Bologna e Torino mantengono lo scettro per numero di ordini come valore assoluto, consolidando ulteriormente il food delivery come abitudine sempre più consueta.

La crescita nei grandi centri urbani è fondamentale per creare una realtà radicata e consolidata e ci impegniamo ogni giorno per questo obiettivo. Entrare in contesti di dimensioni più contenute e provinciali è una sfida che ci siamo posti, per permettere a sempre più italiani di provare le specialità locali e lontane a domicilio, per far apprezzare la praticità e la comodità del digitale, ma anche per proseguire nel percorso di digitalizzazione del tessuto della ristorazione italiana.”

Secondo le stime dell’Osservatorio Just Eat, oggi il digitale rappresenta circa il 18% dell’intero settore del domicilio (quest’ultimo vale circa 3,2 miliardi di euro, valore totale del mercato del domicilio online e offline) mostrando un incremento pari a 7 punti percentuali in più di penetrazione del digitale, rispetto al 2018, e con un potenziale ancora molto consistente di espansione e sviluppo, soprattutto nei centri minori e in provincia, nel cosiddetto “rest of Italy” ove già si trova il 45% dei ristoranti partner di Just Eat.

Nell’ultimo anno inoltre assistiamo a una crescita del +30% dei ristoranti che hanno scelto Just Eat e quindi il digitale, per implementare il proprio business e incrementare i propri ordini a domicilio, con un’espansione territoriale da nord a sud di città ove il servizio è presente pari al +27%, crescita guidata dal nord Italia con un +52%, soprattutto in Friuli e Trentino, e arrivando a servire il 64% della popolazione.

Gusti e abitudini degli italiani: le cucine più ordinate e i nuovi trend

La top 10 delle cucine più ordinate nella terza edizione della “Mappa del Cibo a Domicilio in Italia” dà conferma della predilezione della pizza, un dato che rispecchia quanto accade a livello internazionale e che la attesta come una vera e propria regina! In Italia la preferenza è per la variante margherita, seguita da diavola e da capricciosa. Secondo posto confermato rispetto al 2018 per gli hamburger, in particolare con il bacon cheeseburger, terzo posto per il giapponese, che conquista il podio con nigiri sakéedamame euramaki Philadelphia. Il cinese piace soprattutto in piatti come involtino primavera, riso alla cantonese e ravioli alla griglia. Al quinto posto ci sono i panini, che ingolosiscono con la versione che lascia libera scelta sugli ingredienti e al sesto la cucina italiana con cotoletta di pollo come piatto preferito; in settima posizione ecco il pollo che piace in particolare in piatti come pollo e patate, nuggets, alette calde e speziate.

dolci nel 2019 vs 2018 prendono il posto dell’indiano, guadagnando l’ottavo posto, e come piatto il tiramisù fa da padrone, poi il cornetto alla crema alla nocciola spalmabile e la vaschetta di gelato. L’indiano, in nona posizione, segue con cheese naan, samosa e chicken tikka masala. Chiude la classifica delle cucine più ordinate quella messicana con burrito di pollo, burrito con chili e nachos.

Quali sono invece i piatti più ordinati a livello nazionale? Ecco la classifica: pizza margherita, patatine fritte, pizza diavola, involtino primavera, supplì, pizza capricciosa, olive ascolane, riso alla cantonese, crocchette di patate nigiri sake.

Ma se le cucine più ordinate rispecchiano gusti consolidati e ordinazioni in termini di valori assoluti, quali sono i nuovi food trend del momento? Ci sonograndi novità nella classifica delle cucine che dimostrato la maggior crescita nel 2019, e che raccontano un atteggiamento di consumo più incline da un lato ai sapori tradizionali di paesi molto lontani, come Caraibi, Cina e Libano, e dall’altro a sapori più mediterranei, senza che manchi anche qualche golosità.

Re indiscusso e trend già incoronato nel corso dell’anno è infatti il poké, che registra un dirompente +4.000% di crescita di richieste, seguito da duenovità che dimostrano curiosità e voglia di sperimentare sapori tradizionali molto diversi da quelli italiani: la cucina tradizionale cinese, che con bao & ravioli mostra un incremento del +546% e la cucina libanese che conquista il terzo posto come food trend con +180%, scalando tra l’altro ben 3 posizioni fra le diverse edizioni dell’Osservatorio.

Scalzate quindi quest’anno gastronomia (ora all’ottavo posto con +62%) e rosticceria che regnavano nel 2018 con food trend del momento. Le novità in termini di food trend a domicilio continuano al quarto e quinto posto con i dolci (+170%) e i tramezzini (+94%). Fanno poi ingresso in classifica per la prima volto la cucina vegetariana in sesta posizione con +85%, il thailandese in settima con +67%, e lo spagnolo in decima con +53%, preceduto al nono posto dal pollo con +60%,che conferma la posizione del 2018.

Le abitudini da Nord a Sud città per città

La prima tappa del food delivery è Milano, che come cucina ordinata più in crescita attesta quella che gode del primato nazionale, ovvero il pokè (+16.000%), come Torino (+2.500%) e Roma (+1.000%). Bologna apprezza sempre più i cibi lontani, come il libanese (+620%), mentre situazione opposta per Napoli, fedele alla tradizione dei sapori nostrani e predilige l’italiano (+156%). A Genova si assiste al nuovo trend della pinsa (+360%), seguito dalle crepes, mentre a Brescia e a Verona cresce di più la gastronomia (+163% e +240%), a Trieste vince il trend delle piadine (+850) seguito ancora dal libanese (+612) e a Firenze si affaccia come cucina più in crescita il thai (+447). Più healthy Bari, che registra il trend del vegetariano (+1000%), mentre in Sicilia crescono di più i panini a Catania (+85%) e il gelato a Palermo (+83%)

Bolzano sceglie sempre più il giapponese (+250%), come Terni (+58%), Trieste le piadine (+850%), mentre Pesaro il greco (+320%).

La classifica delle città più in crescita per quantità di ordini vede primeggiare tra le grandi Trieste, Napoli e Bari, seguite da Catania, Genova e Palermo, ma è l’Italia delle province a guidare, quest’anno, la crescita con ai primi posti due estremi geografici del nostro paese: Bolzano e Catanzaro, seguite da AlessandriaAsti e Novara, con il loro Asse Piemontese, PesaroCosenzaSassari e Mantova. Per quanto riguarda invece le città che registrano la maggior quantità di ordini (valore assoluto) troviamo: Roma, Milano, Bologna, Torino, Genova, Napoli, Trieste, Palermo, Pisa e Parma.

Crescita maggiore, anche per il numero di ristoranti affiliati, sempre in provincia, con Bolzano +620% di ristoranti, Terni +142%, Pesaro +135% e Barletta +130%.

In un confronto generale Nord-Sud, emerge anche che al Nord impazza il pokè (25% in più vs. Sud), si mangiano più pizza, più sushi e più indiano rispetto al Sud, dove però i dolci conquistano maggior favore (15% in più), così come i burger (12% in più Napoli vs. Milano), il pollo (se ne mangia circa l’8% in più a Palermo e Napoli vs. Milano) e i panini, soprattutto a Napoli (16% in più vs. Milano).

Chi sono i food delivery users

I più attivi nel food delivery sono i Millennials con il 58%, che reggono lo scettro di chi ordina di più a domicilio, soprattutto pizza, ma anche dolci.

Nel ranking delle professioni che ordinano di più ci sono in sequenza: impiegati con il 40%, studenti con il 30%, liberi professionisti con il 15%, seguiti da disoccupati con il 5% e casalinghe con il 2%.

Sono soprattutto gli uomini, 55% vs. donne 44%, a ordinare e a preferire pizza e hamburger, nonché a variare con maggior frequenza i ristoranti.

Le donne invece preferiscono variare le cucine, ed è così che sebbene abbiano una predilezione per l’healthy food, alternano poké e sushi con i dolci, che consumano di più rispetto agli uomini.

Le famiglie e gli adulti (36-45 anni) sono i maggiori spendenti, fra essi soprattutto i liberi professionisti, che amano variare di più, mentre gli impiegati fanno più ordini da app e preferiscono la cucina cinese e la pizza. Gli studenti, pur preferendo la pizza, mangiano più healthy di impiegati e liberi professionisti!

Curiosità e ordini WOW

Il sabato è la giornata in cui si tende a ordinare di più. Relax con amici e… una birretta? C’è chi ha fatto anche di più, infatti nel 2019 sono state ordinate in un colpo solo ben 100 birre a domicilio a Reggio Calabria, mentre Roma ha preferito la stessa quantità (100 pezzi) ma di arrosticini e ad Avezzano è stato registrato un ordine di 82 sushi misti!

Infine, per dare un’immagine del volume di ordini, basti pensare che in un anno sono state ordinate tante pizze da coprire la distanza tra Roma e Rovaniemi in Lapponia, con 3.500 km di pizza e una quantità di uramaki il cui peso totale sarebbe di oltre 230 tonnellate, come l’Obelisco Lateranense di Roma.

Advertisement
Advertisement

Iscriviti alla nostra Newsletter

Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Leggi la nostra Privacy Policy.

Ultime News

Chi l'Ha visto? Chi l'Ha visto?
Radio e Tv2 ore fa

Chi l’Ha visto? La puntata del 13 novembre

Mercoledì 13 novembre alle 21.20 su Rai3, a Chi l’ha visto?  i genitori di Salvatore Cipolletta, il ventiquattrenne morto mentre era in...

X Factor 2019 - i giudici X Factor 2019 - i giudici
Radio e Tv2 ore fa

X Factor 2019: gli ospiti del 14 novembre

Dopo la doppia eliminazione della scorsa settimana che ha decretato l’uscita di scena di Lorenzo Rinaldi e Marco Saltari, X FACTOR...

Com’è cambiata la scrittura ai tempi dello smartphone Com’è cambiata la scrittura ai tempi dello smartphone
Hi-Tech2 ore fa

Com’è cambiata la scrittura ai tempi dello smartphone

In occasione del I love to write day, che si celebra il 15 novembre, Wiko, il brand franco-cinese di telefonia, ha deciso di coinvolgere la...

Chiara Ferragni Unposted Chiara Ferragni Unposted
Hi-Tech2 ore fa

Chiara Ferragni e i social: come contrastare gli haters

La possibilità di chiedere un documento o il codice fiscale a chi si iscrive su una piattaforma social per contrastare...

Simone Frulio Simone Frulio
Musica3 ore fa

Battito di Mano, l’album di Simone Frulio

 Venerdì 15 Novembre esce l’Album Battito di Mano di Simone Frulio con la Casa Discografica Momo, le Edizioni Musicali Fonoplay e la Distribuzione Digitale Pirames International. Dopo il lancio...

Fortnite Fortnite
Hi-Tech3 ore fa

Fortnite, un ban a sorpresa colpisce gli account di molti giocatori

Considerato uno degli sparatutto in terza persona di maggior successo dei tempi moderni, Fortnite continua a tenere banco sui nostri...

Pneumatici invernali Pneumatici invernali
Motori15 ore fa

Le gomme invernali, viaggio nella storia dell’auto

Novembre è il mese in cui scatta l’obbligo di montare sulle proprie automobili l’attrezzatura adatta ad affrontare la stagione invernale...

Il Collegio 4 Il Collegio 4
Radio e Tv2 giorni fa

Il collegio, la puntata del 12 novembre

Sarà ricca di imprevisti e di sorprese la quarta puntata de Il Collegio, in onda martedì 12 novembre alle ore...

Cannavacciuolo Cannavacciuolo
Radio e Tv2 giorni fa

Antonino Chef Academy su Sky

Parte oggi, 12 novembre 2019, Antonino Chef Academy su Sky. Dieci giovani, talentuosi cuochi e la possibilità di aggiudicarsi un...

Ghali Ghali
Musica2 giorni fa

Flashback, il nuovo singolo di Ghali

Flashback è il nuovo singolo di Ghali che anticipa il secondo album in uscita nel 2020 e da oggi è...

Più Lette