Connettiti con noi

Salute

I benefici e i rischi dello smart working: le 10 raccomandazioni

Redazione

Pubblicato

il

Si parla sempre più di smart working – ovvero il “lavoro agile” da casa o da remoto fondato sulla collaborazione profonda tra persone e organizzazioni .

Ma anche del suo ruolo centrale all’interno delle politiche di welfare aziendale per favorire una miglior conciliazione tra vita privata e quella professionale.

Smart Working: fa davvero bene alla nostra salute? 

MioDottore – piattaforma leader in Italia e nel mondo specializzata nella prenotazione online di visite mediche e parte del gruppo DocPlanner – ha coinvolto due specialisti, la dottoressa Monica Pesenti, psicologa di Monza e Brianza e l’osteopata e massofisioterapista modenese Tommaso Sarti, per approfondire pro e contro di tale approccio, sia a livello psicologico che fisico, raccogliendo consigli e azioni utili.

Lavoro da casa: gli effetti benefici sulla psiche

Lavorare in modo agile, da un luogo familiare, aiuta a sentirsi più sereni, tranquilli e rilassati nella gestione e nell’organizzazione del proprio lavoro, con effetti positivi sulla salute e sulla produttività. Una postazione di lavoro in un ambiente confortevole, ridefinito secondo le proprie necessità e la propria creatività, stimola la riflessione e favorisce la concentrazione, mentre la gestione più autonoma della to do list spinge a superare i propri limiti a vantaggio della scoperta di risorse individuali, aumenta il senso di responsabilità nel raggiungimento degli obiettivi e crea rapporti di fiducia più solidi con il team di lavoro. 

“Tutto questo genera una maggiore motivazione, autostima e senso di autoefficacia, con un conseguente aumento del benessere psicologico e dell’energia vitale”, spiega la dottoressa Pesenti.

Nel ritmo frenetico della vita quotidiana poter ottimizzare il proprio tempo e riuscire a conciliare in modo efficiente gli impegni personali e quelli lavorativi è sicuramente importante. Ad esempio, eliminare il tragitto casa-lavoro, in molti casi fonte di stress e nervosismo, consente di dedicare una parte consistente della propria giornata ad attività utili per rigenerarsi non solo a livello mentale, ma anche emotivo e fisico; inoltre, trovarsi già tra le mura domestiche permette di organizzare con più calma la propria routine e l’organizzazione familiare, soprattutto per chi è genitore.

Trucchi per evitare burnout, distrazioni e nervosismo

La psicologa di MioDottore ricorda che spesso i nuovi strumenti tecnologici, se da un lato agevolano chi lavora da remoto, dall’altro assottigliano il confine tra vita privata e vita lavorativa: si tende, infatti, a essere sempre raggiungibili e disponibili e questo può creare o aumentare i conflitti all’interno del nucleo familiare. Non solo, restare connessi troppo a lungo espone anche a rischi per la propria salute psichica, che può essere compromessa a causa dello svilupparsi della dipendenza tecnologica o burnout, termine con il quale si indica lo stress provato al lavoro e che determina un logorio psicofisico ed emotivo. Il segreto è cercare di non sovrapporre il tempo di prestazione lavorativa con quello personale e predisporre la postazione di lavoro con supporti necessari allo svolgimento dell’incarico senza eccedere utilizzando dispositivi elettronici personali, talvolta fonte di distrazione e irritabilità.

Come illustra la dottoressa Pesenti, può accadere che si creinointerferenze e situazioni di disagio dovute dalla condivisione di spazi con altri componenti della famiglia o eventuali animali domestici, tutti fattori che non aiutano la concentrazione e creano ulteriore stress. Per questo, quando si lavora da casa, è importante dare ai familiari più informazioni possibili sulla struttura del lavoro che si deve svolgere, descrivere le esigenze e le emozioni che si provano quando si viene disturbati e stabilire nuove norme condivise nella quotidianità per “ristrutturarsi” e per creare una maggiore empatia. È bene rispettare il più possibile i tempi che scandiscono vita lavorativa e familiare per non alimentare screzi, anche creare un luogo di lavoro lontano dalle parti comuni può aiutare, così come scandire l’orario giornaliero con un inizio e una fine, con pause a intervalli regolari (es: 10 minuti ogni due ore) e attività rigeneranti a fine giornata. Praticare sport, dedicarsi ai propri hobby o ad attività all’aria aperta, così come seguire un’alimentazione adeguata e regolare, e non trascurare il proprio aspetto, sono azioni importanti per assicurare il benessere psicofisico.

Il corpo può trarne benefici: ma attenzione sempre alla postura

L’osteopata e massofisioterapista di MioDottore, Tommaso Sarti, concorda sugli aspetti positivi dello smart working, ma segnala anche alcuni svantaggi che, se trascurati, possono avere ripercussioni gravi sul fisico. L’assenza di vincoli orari o spaziali porta a un aumento delle energie del lavoratore, ripercuotendosi sulla sua produttività in modo positivo. Lavorare da casa consente di risparmiare il tempo impiegato per recarsi in ufficio, consente di dormire di più ed essere quindi più riposati”, illustra lo specialista modenese.  “Tuttavia, esistono alcuni rischi per il corpo, uno dei principali è la tendenza ad assumere posture errate, sedendosi scomposti su divani e poltrone.”

In questi casi, la colonna vertebrale assume forme che alterano notevolmente il portamento, sovraccaricando alcune articolazioni e cambiando lo stato di tensione della muscolatura, con possibili disturbi muscolo-scheletrici. La posizione seduta, infatti, grava sulla colonna molto più che la stazione eretta e si può andare incontro a contratture muscolari, protrusioni o ernie discali che, se sottovalutate, rischiano di cronicizzare.

Anche il modo in cui si posizionano gli arti superiori quando si è seduti è importante: per esempio, l’utilizzo del mouse che porta il polso a mantenersi in estensione per un periodo di tempo prolungato, può favorire l’insorgenza del tunnel carpale. È fondamentale, dunque, a casa come in ufficio, predisporre una postazione di lavoro il più possibile ergonomica, collocare lo schermo del computer frontalmente, con il margine superiore all’altezza degli occhi e la tastiera fronte allo schermo, così da evitare ripetuti movimenti degli occhi e del collo con conseguenti dolori cervicali.

10 raccomandazioni d’oro per il fisico

Per preservare il benessere dei lavoratori smart lo specialista di MioDottore ha stilato un pratico decalogo di suggerimenti su cosa fare e non fare:

1.       Posizionare frontalmente monitor, tastiera e tutto il materiale di lavoro;

2.       Utilizzare una seduta ergonomica o il supporto di un cuscino dietro alla regione lombare;

3.       Preferire un tappetino per il mouse con poggia-polsi;

4.       Interrompere l’attività lavorativa più o meno ogni mezz’ora, alzandosi in piedi e camminando per qualche minuto;

5.       Scegliere un ambiente luminoso durante le ore diurne e abbassare la luminosità dei monitor nelle ore serali per non disturbare il sonno;

6.       Non tenere le gambe accavallate per troppo tempo;

7.       Non lavorare in posizioni scomposte su divano o poltrona;

8.       Non tenere oggetti nelle tasche posteriore dei pantaloni;

9.       Non inclinare la testa di lato per sorreggere il telefono durante le chiamate;

10.   Non piegare la testa in avanti per leggere, ma alzare il foglio o il dispositivo elettronico.

Advertisement
Advertisement

Iscriviti alla nostra Newsletter

Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Leggi la nostra Privacy Policy.

Ultime News

Hi-Tech48 minuti fa

Apple rimuove a sorpresa dallo Store un’app per stalking

Non bastano più i profili social per tenere traccia dei “movimenti” online di chi ci sta più a cuore, che...

Uno Mattina in Famiglia Uno Mattina in Famiglia
Radio e Tv2 giorni fa

Uno Mattina in Famiglia (16 e 17 novembre)

Dopo la straordinaria puntata di sabato 16 novembre, Monica Setta e Tiberio Timperi si apprestano a far compagnia per una...

Fabio Fazio - Che tempo che fa Fabio Fazio - Che tempo che fa
Radio e Tv2 giorni fa

Che tempo che fa: la puntata del 17 novembre

Domenica 17 novembre 2019, alle ore 21.00 su Rai2, nuovo appuntamento con Che Tempo Che Fa di Fabio Fazio, con...

Un giorno in pretura Un giorno in pretura
Radio e Tv2 giorni fa

Un giorno in Pretura: la puntata del 17 novembre

Domenica 17 novembre alle 20.30 in esclusiva su Rai3 Un giorno in pretura proporrà la prima parte del processo Cucchi...

Kilimangiaro Kilimangiaro
Radio e Tv2 giorni fa

Kilimangiaro, la puntata del 17 novembre

Camila Raznovich dà il via alla quinta puntata del Kilimangiaro, in onda domenica 17 novembre, alle 16.00, su Rai3. Ospiti e anticipazioni...

Radio e Tv2 giorni fa

Domenica In, la puntata del 17 novembre

Decima puntata puntata di Domenica In, in onda il 17 novembre, alle 14:00 su Rai 1, in diretta dagli Studi...

Linea Verde 2019/2020 - Beppe Convertini e Ingrid Muccitelli Linea Verde 2019/2020 - Beppe Convertini e Ingrid Muccitelli
Radio e Tv2 giorni fa

Linea Verde: la puntata del 17 novembre

Domenica 17 novembre, su Rai1 alle 12.20, a Linea Verde è protagonista l’Umbria. Il futuro ha un cuore antico: negli...

Radio e Tv2 giorni fa

Una storia da cantare su Rai1

Con il nuovo programma Una storia da cantare, Rai1 celebra – in tre uniche prime serate – le straordinarie vite...

Melaverde Melaverde
Radio e Tv2 giorni fa

Melaverde, la puntata del 17 novembre

Domenica 17 novembre, alle ore 11.50 su Canale 5, nuovo appuntamento alla scoperta dell’Alto Garda Bresciano con “Melaverde”. Il programma...

Food & Beverage2 giorni fa

Il miglior pizzaiolo italiano 2019 è a Monopoli

Francesco Marasciulo ha vinto il titolo di quinto Master Pizza Champion 2019 entrando così tra i migliori pizzaioli d’Italia. Pizzaiolo pugliese, proveniente da...

Più Lette