Connettiti con noi

Interviste

Irene Fornaciari e la sua musica

Bruno Bellini

Pubblicato

il

Irene Fornaciari - foto Marco Piraccini

Irene, bambina timida ed introversa, cresce in una casa “magica”, fatta non di marzapane, ma di musica.

Sogna di fare la veterinaria senza rendersi conto che la passione per la musica è già parte di lei.

Una voce soul potente, un talento innegabile che cresce sotto lo sguardo amorevole del papà che la lascia andare, quando lei decide che è il momento di farlo.

Un Musical, “I dieci comandamenti”, poi Sanremo, più volte e collaborazioni importanti; un’artista che ha fatto tanta strada, ma che ci riserverà ancora tantissime sorprese.

Irene Fornaciari - foto Marco Piraccini
Irene Fornaciari – foto Marco Piraccini

Irene, sei stata cresciuta a pane e musica: quali sono i tuoi ricordi? 

Per me era talmente normale vivere in una casa dove si faceva musica; solo crescendo ho capito quanto fossi fortunata.  Ho ricordi bellissimi e preziosi di mio papà mentre compone e di me che bambina, lo osservavo per ore affascinata. Le sue prove, infinite, e i suoi musicisti a farmi compagnia. Nell’osservarlo, nell’ascoltare la sua musica, provavo un senso di libertà infinita. Sognavo di afferrare il microfono e cantare ma rimanevo lì, rapita ad ascoltare.

Come hai vissuto il timore di essere giudicata dal “tuo babbo”, quando hai cominciato a fare musica?

Di lui mi ha sempre impressionato la dedizione, la passione che metteva nel suo lavoro. Papà ha sempre lavorato tanto e io sono cresciuta in quell’ottica di perfezionismo e attenzione per il proprio lavoro. Ho sempre avuto una grandissima stima per lui e la prima volta che venne a vedermi al musical con tutta la famiglia, ebbi un’ansia incredibile e non solo per lui.  All’inizio mi ha guidata: avevo bisogno del suo aiuto, fino a quando ho deciso di muovermi da sola. Il distacco è stato un po’ sofferto, il suo desiderio di proteggere i miei passi, era forte. Quando andai a fare il provino dei “Dieci Comandamenti” mi disse – Irene lo sai che non sarà una passeggiata?-. 

Hai avuto il privilegio di incontrare persone illustri. Ci regali qualche ricordo? Chi tra tutti è impresso nel tuo cuore?

Tra tutti, Pavarotti. Ho ricordi bellissimi; una persona meravigliosa dall’animo speciale. Io ero appassionata di cavalli per cui lo adoravo a prescindere avendo lui la stessa passione. Un giorno andai con lui a Modena, dove aveva i suoi cavalli. A pranzo, dicendo di essere a dieta, si divorò una montagna di verdure lesse e un calice di vino che ai miei occhi di bambina appariva di dimensioni spropositate. Solare, divertente, dolcissimo con me e mia sorella. Seguo ancora oggi il consiglio che sentivo dare a mio padre contro il mal di gola, per preservare la voce – “Mangia le acciughe, mangia le acciughe!”-

Come nasce la tua musica?

La Scuola Fornaciari  prevede che nasca prima la melodia accompagnata dal testo abbozzato in “inglese maccheronico”. Poi l’arrangiamento, che ha un ruolo fondamentale perché è quello che conferisce lo stile, la definizione del brano. Allo stesso modo come un abito di ottima fattura,  prevede cura dei particolari e piccoli fondamentali dettagli a renderlo prezioso e unico. In ultimo, la sfida più ardua: trasformare “quell’ inglese maccheronico” nel testo italiano. Questo è e rimane la mia modalità; fa parte di me. Un insegnamento prezioso del mio “maestro”, del mio babbo.

Da  “nascondiglio”, la musica diventa il tuo modo di mostrarti al mondo. Come ti senti nel farlo? 

La  sensazione più forte, è quella di leggerezza e libertà. Quando canto non sento il bisogno di indossare maschere. Con la mia musica riesco a non avere filtri, mi sento bene. I nervi si rilassano: sono Irene pienamente. Nonostante tutto, nei rapporti interpersonali, all’inizio faccio ancora fatica ad aprirmi.

Quando sei ancora sotto il palco, a preparare il tuo spettacolo, quali sono le tue emozioni?

Voglio dare sempre il massimo, quindi sono molto tesa. Desidero creare un’onda di emozioni e arrivare al pubblico, regalare a tutti la possibilità di viaggiare con me. Generalmente ho molta ansia nell’attesa della fatidica data zero. Magicamente, quando comincio a cantare, riesco a sentirmi libera e leggera. La musica trasforma le mie paure in scampoli di felicità.

Irene, canti sotto la doccia?

Assolutamente si! Adoro i bagni. Nei bagni c’è un riverbero eccezionale; inoltre c’è l’umidità adatta a fare i miei esercizi, i miei vocalizzi. Quindi si, canto, canto e ri-canto sotto ogni doccia!

Direttore Responsabile Lifestyleblog.it - Classe '81, da Monopoli (Bari). Fondatore e direttore della testata online Lifestyleblog.it, collabora anche per riviste nazionali e locali. Dal 2015 partecipa al Festival di Sanremo come giornalista accreditato e componente della Giuria Stampa. Vincitore del Premio Filottete 2015 che ogni anno premia le eccellenze italiane nell'ambito dello spettacolo e del giornalismo Web & Graphic Designer con la specializzazione in Grafica 3D conseguita a Verona.

Advertisement
Advertisement

Iscriviti alla nostra Newsletter

Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Leggi la nostra Privacy Policy.

Ultime News

Hi-Tech49 minuti fa

Apple rimuove a sorpresa dallo Store un’app per stalking

Non bastano più i profili social per tenere traccia dei “movimenti” online di chi ci sta più a cuore, che...

Uno Mattina in Famiglia Uno Mattina in Famiglia
Radio e Tv2 giorni fa

Uno Mattina in Famiglia (16 e 17 novembre)

Dopo la straordinaria puntata di sabato 16 novembre, Monica Setta e Tiberio Timperi si apprestano a far compagnia per una...

Fabio Fazio - Che tempo che fa Fabio Fazio - Che tempo che fa
Radio e Tv2 giorni fa

Che tempo che fa: la puntata del 17 novembre

Domenica 17 novembre 2019, alle ore 21.00 su Rai2, nuovo appuntamento con Che Tempo Che Fa di Fabio Fazio, con...

Un giorno in pretura Un giorno in pretura
Radio e Tv2 giorni fa

Un giorno in Pretura: la puntata del 17 novembre

Domenica 17 novembre alle 20.30 in esclusiva su Rai3 Un giorno in pretura proporrà la prima parte del processo Cucchi...

Kilimangiaro Kilimangiaro
Radio e Tv2 giorni fa

Kilimangiaro, la puntata del 17 novembre

Camila Raznovich dà il via alla quinta puntata del Kilimangiaro, in onda domenica 17 novembre, alle 16.00, su Rai3. Ospiti e anticipazioni...

Radio e Tv2 giorni fa

Domenica In, la puntata del 17 novembre

Decima puntata puntata di Domenica In, in onda il 17 novembre, alle 14:00 su Rai 1, in diretta dagli Studi...

Linea Verde 2019/2020 - Beppe Convertini e Ingrid Muccitelli Linea Verde 2019/2020 - Beppe Convertini e Ingrid Muccitelli
Radio e Tv2 giorni fa

Linea Verde: la puntata del 17 novembre

Domenica 17 novembre, su Rai1 alle 12.20, a Linea Verde è protagonista l’Umbria. Il futuro ha un cuore antico: negli...

Radio e Tv2 giorni fa

Una storia da cantare su Rai1

Con il nuovo programma Una storia da cantare, Rai1 celebra – in tre uniche prime serate – le straordinarie vite...

Melaverde Melaverde
Radio e Tv2 giorni fa

Melaverde, la puntata del 17 novembre

Domenica 17 novembre, alle ore 11.50 su Canale 5, nuovo appuntamento alla scoperta dell’Alto Garda Bresciano con “Melaverde”. Il programma...

Food & Beverage2 giorni fa

Il miglior pizzaiolo italiano 2019 è a Monopoli

Francesco Marasciulo ha vinto il titolo di quinto Master Pizza Champion 2019 entrando così tra i migliori pizzaioli d’Italia. Pizzaiolo pugliese, proveniente da...

Più Lette