Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Interviste

Intervista a Andrea Preti

Andrea Preti
Andrea Preti

E’ uscito lo scorso 18 luglio Di tutti i colori, una divertente commedia di Max Nardari con Andrea Preti, Giancarlo Giannini, Alessandro Borghi, Nino Frassica, Tosca d’Aquino e Paolo Conticini.

Giorgio, interpretato da Andrea Preti, è un giovane ambizioso in eterna lotta con il padre: a causa delle bugie perde il lavoro ed è costretto a fingersi gay per entrare in una casa di moda. Ma anche qui, le sue bugie avranno le gambe corte… 

Abbiamo incontrato Andrea, in un’intervista esclusiva per Lifestyleblog. 

Andrea, da giovedì scorso il film è uscito nelle sale italiane: che cosa ti aspetti da questo film? 

Generalmente non amo avere aspettative: lascio che sia il pubblico a decidere. Il mio invito è quello di andare a vedere questo film e condividere il messaggio sociale che stiamo diffondendo. Quindi, andate al cinema!

Andrea Preti con Giancarlo Giannini

Che cosa significa avere lavorato con un “mostro sacro” del cinema come Giancarlo Giannini? 

E’ stato un grande onore e una grande opportunità per imparare. Giancarlo è una persona intelligente, umile, paziente. E’ stato come un padre sia sul set dove interpreta il ruolo di mio padre, sia fuori dal set. Mi ha dato tanti consigli: ora capisco ancora di più il motivo della sua lunga carriera. 

L’uscita di questa pellicola coincide con un periodo in cui si parla molto di omossessualità e tra l’altro proprio questa’anno ricorrono i 50 anni del Gay Pride: che cosa pensi a riguardo?

Sicuramente è un grande passo in avanti ma la strada per una evoluzione culturale sul tema dell’omossessualità è ancora lunga e tortuosa. L’accettazione di una diversità è un atto di intelligenza sociale e di democrazia. Credo che ci sia bisogno di gesti importanti, fatti soprattutto da chi è etero: nel mio caso, ad esempio, ho scelto di interpretare questo ruolo per aiutare le persone a riflettere su quanto sia assurdo parlare di “diversità”.

E’ questo il tuo messaggio nel film? 

Anche: innanzitutto,mai dire bugie! Hanno sempre le gambe corte! Scherzi a parte, nel film mi fingo gay per lavoro e da qui inizia una serie di situazioni tragicomiche! Ho voluto condividere un messaggio di rispetto e amore libero, il tutto con una nota fresca e allegra, in pieno stile della commedia italiana. 

Cambiamo argomento e parliamo di TV: l’Isola dei Famosi ti ha fatto conoscere al grande pubblico. La rifaresti? 

Certamente, ma con una consapevolezza diversa. Non è stata una grande esperienza, in quanto sono spesso al centro di polemiche e pettegolezzi che non fanno parte della mia vita. Ho scelto questo programma per poter farmi conoscere come persona, prima di tutto. 

C’è un programma che vorresti fare a breve? 

Mi piacerebbe Ballando con le stelle, ma per il momento sono impegnato al cinema e a teatro. In ogni caso, vorrei partecipare ad un programma dove poter emergere come persona, accettando sfide e raggiungendo un obiettivo. 

La tua immagine è sempre stata associata alla figura di un uomo bello e impossibile: come fai a mantenerti in forma? 

Non esageriamo! Mi vedo tanti difetti! Sicuramente la genetica mi ha aiutato: poi alimentazione sana e attività fisica. Sono molto disciplinato su questo. Sull’Isola ho perso in poco tempo oltre 15 kg e questo è stato un duro colpo per me! Ci tengo all’aspetto fisico ma non ne sono ossessionato. 

A che cosa stai lavorando? 

Prossimamente sarò ancora al cinema con una commedia di Paolo Ruffini, un progetto che mi vedrà anche come regista. 

Il cinema quindi resta la tua priorità? 

Si: anche in questo momento, mentre stiamo facendo questa intervista, sto scrivendo. E’ stata la mia prima passione. Forsi in pochi sanno che nel 2015 ho vinto il Festival del Cinema di Mosca con la pellicola One more day. Da lì è partita la mia avventura in questo straorinario mondo.

E anche a Mosca la première del film de Di tutti i colori è stata accolta con un fiume di applausi e consensi!

Si, in questo senso la Russia mi ha portato sempre fortuna! E’ stata una grande emozione, una reazione del pubblico davvero sorprendente. 

Dove ti vedrai tra 10 anni? 

Vorrei continuare a lavorare come regista, avere trasformato i miei progetti in realtà ed essere un papà e un marito felice.

Alberto Nano
Scritto da

Iscriviti alla nostra Newsletter

Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Leggi la nostra Privacy Policy.

Potrebbe interessarti...

Interviste

Ha solo 23 anni ma ha le idee molto chiare, a partire dal nome d’arte dove il cognome Cioffi ha la meglio sul nome, Andrea. Salentino di...

Interviste

“Con il cosiddetto Dl Rilancio è stato stabilito che le aziende che hanno già usufruito di 9 settimane di cassa integrazione ne hanno a...

Interviste

Se tornasse L’inverno, Come respiri, E poi arrivò dicembre, Meccaniche dell’esitare e Io rinasco in te, disponibili da qualche giorno sui principali digital stores,...

Interviste

Nei giorni scorsi vi abbiamo raccontato del nuovo singolo Wavy, di Malcky G. Abbiamo incontrato il giovane rapper italo americano con il quale abbiamo...

Copyright © 2011 Lifestyleblog.it | Testata on-line iscritta al Tribunale di Bari al n. 23/2011
News e approfondimenti su Tv, Musica, Auto, Motori, Hi-tech, Cinema, Moda e tanto altro ancora.
Direttore Responsabile: Bruno Bellini Lifestyleblog.it