Connettiti con noi

Interviste

Roberto Cerè, intervista al numero uno dei life-coach

Bruno Bellini

Pubblicato

il

Roberto Cerè

Roberto Cerè, intervista al numero uno dei life-coach che risolve i problemi nel business e nella vita

È uno straordinario life-coach, un travolgente motivatore, un preparatissimo allenatore mentale. Questo e tanto altro ancora è Roberto Cerè. Scopriamolo insieme attraverso la nostra intervista esclusiva:

Roberto, sappiamo che dal 16 al 20 ottobre ci sarà un importante evento legato alla tua Leadership Academy. Ci regali qualche anticipazione di questa iniziativa?

La Leadership Academy (https://www.leadershipacademymicap.com) è un evento di 5 giorni intensivi che si terrà a Montecarlo dal 16 al 20 ottobre, con ospiti di eccellenza assoluta. Questa edizione della Leadership Academy è speciale perché si può partecipare con una piccola donazione destinata alla realizzazione dell’orfanotrofio per bambini sieropositivi nella città di Pangani, in Tanzania. Solitamente il prezzo di partecipazione è di 3.500,00 euro a persona, ma per questa edizione speciale basta solo una semplice donazione, nulla di più! Sarà la più grande raccolta fondi mai realizzata nel mondo della formazione e del coaching. 1.800 partecipanti che per 5 giorni verranno guidati alla risoluzione dei loro problemi, nel business come nella vita. 

A chi si rivolge questo progetto?

Si rivolge sia ai bambini che andremo ad aiutare concretamente, con la Fondazione MICAP for Children; sia ai partecipanti che siederanno per 5 giorni nella prestigiosa Sala dei Principi del Grimaldi Forum, e che sono di tre tipologie:

-Imprenditori e liberi professionisti, che in questo momento sentono che le cose non stanno andando come avevano previsto. Le spese superano gli incassi o nonostante siano qualificati e preparati non riescono a posizionarsi come vorrebbero e meriterebbero.

-Ragazzi, che stanno vivendo l’incertezza dell’oggi, l’incognita del domani e che non hanno degli esempi positivi da emulare. 

-Formatori, autori, coach, che vogliono comprendere come attrarre più pubblico ai propri eventi e come sviluppare il proprio business online. 

Nel corso della tua carriera avrai fatto numero numerosi incontri… Quali ti hanno segnato di più?

Gli incontri e gli incroci sono quelli che disegnano le linee della nostra vita. Mi ha sicuramente “deviato” positivamente l’incontro con l’università. Senza la quale oggi non avrei una struttura professionale robusta. Mi ha segnato l’incontro con la cultura e il pragmatismo americano, a 24 anni mi sono trasferito per un anno a Los Angeles poi a New York per altri dodici mesi. Al di là delle esperienze che hanno disegnato il percorso umano, ci sono stati gli incontri con uomini e donne di valore che mi hanno ispirato e indirizzato. Un giovane medico, un amministratore delegato, e un sacerdote. Tre figure che resteranno per sempre nel mio percorso di vita, come tre incroci dove ho preso strade inaspettate ma avvincenti, grazie alle quali sono qui oggi.

Un incontro che, invece, non è ancora avvenuto e che vorresti capitasse a breve?

Un incontro che non potrà mai avvenire: con Nelson Mandela e Steve Jobs. Due leader agli opposti, con modalità e valori diversi che hanno a loro modo cambiato il mondo. Rimanendo negli incontri possibili, mi piacerebbe incontrare il Papa, per comprendere la visione di chi ha una così grande responsabilità.

A quali altri progetti, attualmente, ti stai dedicando?

In primis alla costruzione dell’orfanotrofio MICAP for Children, a Pangano, in Tanzania. Con la Fondazione MICAP for Children ONLUS, che ho fortemente voluto e ho costituito nel 2018, abbiamo acquistato un terreno e avviato i lavori di costruzione di un orfanotrofio capace di ospitare 200 bambini affetti da questa grave patologia. In questo momento nessuna struttura si sta prendendo cura di loro. Per noi è molto importante essere rapidi e realizzare al più presto i primi dormitori e l’infermeria. Per questo ho deciso di organizzare un grande evento, questo Ottobre a Montecarlo, dove per cinque giorni guiderò personalmente i partecipanti a risolvere i loro problemi di business e allo stesso tempo loro, con una piccola donazione, ci aiuteranno a proseguire il progetto di costruzione. E poi mi sto cimentando in un progetto ambizioso: portare il coaching nelle scuole medie superiori, alle quinte classi. Sono gli anni migliori per “impiantare” il seme della responsabilità, della forza di volontà, del prendere in mano il proprio destino. I ragazzi in quella fascia di età (16-18) vivono un forte stress adattativo: si sentono fortissimi, ma non hanno nessuna credibilità né autorevolezza nei confronti dei genitori e degli “adulti” in generale. Sono in un’età dove tornano a casa con un tatuaggio nuovo, un piercing, un ciuffo viola, o magari cambiano idea sul loro futuro ogni settimana. Questa esplosione di vita e di voglia positiva di spaccare tutto e lasciare il segno, se non viene incanalata, potenziata e direzionata correttamente rischia di scaricarsi a terra, facendo tanto fumo ma non producendo nessun progresso. Il mio progetto più intimo è quello di poter entrare nei loro cuori per guidare le loro pance a fare la cosa giusta, negli anni più belli della loro vita.

Della società di oggi cosa ti fa più paura? Cosa, invece, ti regala ottimismo?

Mi preoccupa la superficialità che stiamo vivendo. Indotti e sedotti dai social, in primis Instagram e Tick tock, che premiano e spingono alla brevità e alla volatilità. Tutto è rapido e sequenziale, e questo imprinting ti induce a non approfondire a non fermarti a non riflette ma a reagire. Siamo nella società del pollice. Con un pollice puoi decretare “successo o depressione” di un ragazzino, ragazzina. Un po come nell’epoca dei gladiatori che vivevano o morivano grazie ai pollici alzati o  rovesci del pubblico spettatore. Mi regala ottimismo invece vedere le nuove generazioni entrare nel loro profondo e sognare una vita e un mondo più giusto, efficiente, inclusivo. I giovani di oggi sono più belli, devono solo essere guidati e protetti dalla violenza mediatica dei social. Ricordiamoci che troppa libertà, equivale a nessuna libertà. Mancano le giuste regole, per diventare degli adulti ancora più affidabili.

Direttore Responsabile Lifestyleblog.it - Classe '81, da Monopoli (Bari). Fondatore e direttore della testata online Lifestyleblog.it, collabora anche per riviste nazionali e locali. Dal 2015 partecipa al Festival di Sanremo come giornalista accreditato e componente della Giuria Stampa. Vincitore del Premio Filottete 2015 che ogni anno premia le eccellenze italiane nell'ambito dello spettacolo e del giornalismo Web & Graphic Designer con la specializzazione in Grafica 3D conseguita a Verona.

Advertisement

Ultime News

La vita in diretta 2019 2020 La vita in diretta 2019 2020
Radio e Tv20 minuti fa

Ascolti tv (24 febbraio): La vita in diretta leader del pomeriggio

La vita in diretta si attesta ancora una volta leader di ascolti del pomeriggio raggiungendo il 17% di share. Risultati...

Lino Banfi e Beppe Convertini Lino Banfi e Beppe Convertini
Eventi59 minuti fa

Il premio Falcone e Borsellino per Lino Banfi e Beppe Convertini

A Roma si e’svolta la XXV edizione del Premio Internazionale Giuridico Scientifico ‘G. Falcone – P. Borsellino’ presso la Camera...

La descrizione di un attimo La descrizione di un attimo
Musica1 ora fa

La descrizione di un attimo compie 20 anni

Il 25 febbraio del 2000 usciva l’album La descrizione di un attimo dei Tiromancino. Album al cui interno è inclusa...

Diodato Diodato
Musica15 ore fa

Diodato: Fai rumore è disco d’oro

“FAI RUMORE”, il brano di DIODATO vincitore del Festival di Sanremo 2020, è certificato DISCO D’ORO. La canzone si è...

Uno Mattina in Famiglia Uno Mattina in Famiglia
Radio e Tv18 ore fa

Ascolti e informazione: il connubio vincente di Uno Mattina in Famiglia

Ascolti e informazione: è il connubio vincente di Uno Mattina in Famiglia che domenica 23 febbraio ha registrato ottimi dati....

Dottor Virgilio De Bono Dottor Virgilio De Bono
Interviste18 ore fa

Coronavirus: cosa è e come proteggersi. Il parere dell’esperto

Coronavirus: cosa è, come proteggersi e quanto è pericoloso. Ne abbiamo parlato con il dottor Virgilio De Bono, medico Chirurgo...

Flaminia Bolzan Flaminia Bolzan
Interviste18 ore fa

Coronavirus e paure: come comportarsi. Il parere dell’esperta

Coronavirus e paure: come comportarsi? Abbiamo chiesto il parere ad un’esperta: la dottoressa Flaminia Bolzan. Psicologa e Criminologa, è anche...

Laura Bozzi Laura Bozzi
Interviste20 ore fa

Laura Bozzi svela il mondo nascosto del gossip

Perché abbiamo così tanto bisogno di parlare degli altri? E perché, se tutti dicono di non seguire il gossip, i...

Gianluca Mech Gianluca Mech
Salute21 ore fa

Gianluca Mech: “Arance e limoni per mantenere alte le difese immunitarie”

In piena emergenza CoronaVirus, sono sempre più frequenti gli episodi di assalto ai supermercati. Una psicosi partita dai social-network che ha...

Oneplus Oneplus
Telefonia21 ore fa

OnePlus 8, la presentazione del nuovo smartphone avverrà online

L’impatto dell’emergenza coronavirus continua a mettere in serie difficoltà i ‘big’ della tecnologia, che dopo aver rinunciato al Mobile World...

Più Lette