2.7 C
Comune di Monopoli
giovedì 28 Gennaio 2021

Borsa da lavoro: 4 aspetti da valutare

Da leggere

Sanremo 2021: quali scenari?

Manca poco più di un mese al Festival di Sanremo 2021. Tanti gli interrogativi legati alla kermesse canora italiana,...

Le radio più ascoltate in Italia nel Secondo Semestre 2020

Sono stati diffusi ieri i dati TER relativi all'ascolto radiofonico nel giorno medio del secondo semestre 2020. RTL 102.5 si...

Lifestyle Awards Radio 2021: i vincitori

Oggi vi annunciamo i vincitori dei Lifestyle Awards 2021 per la categoria Radio. Ieri vi abbiamo svelato quelli della...

La borsa da lavoro è uno strumento indispensabile per coloro che hanno la necessità di riporvi all’interno i beni più preziosi per lo svolgimento della professione. Caratterizzata dalla classica forma a valigetta, con materiali di realizzazione variabili da modello a modello, la borsa da lavoro si contraddistingue per l’eccezionale praticità in una vasta gamma di ambienti lavorativi: pur non essendo ingombrante, infatti, la borsa permette a colui che ne fa uso di trasportare con sé tutti quegli oggetti che potrebbero tornare utili durante il lavoro e che è fondamentale tenere sempre a portata di mano. Tra i produttori italiani più noti di borse da lavoro, valigette, prodotti di pelletteria e simili troviamo Piquadro, le cui borse da lavoro si distinguono per il disegno elegante, la versatilità e la qualità dei materiali utilizzati per la progettazione. A tal proposito, vediamo 4 aspetti da valutare in vista di un eventuale acquisto di una borsa da lavoro Piquadro o similare.

Materiale di realizzazione della borsa

Il primo fattore da valutare in ottica di un acquisto della borsa da lavoro è il materiale con cui questa è stata realizzata. Generalmente gli oggetti in questione si distinguono in borse di pelle, a loro volta disponibili nella variante naturale e nella variante sintetica, e in borse di poliestere, un particolare polimero sfruttato anche per concepire prodotti per il settore dell’abbigliamento. Le borse in pelle, indipendentemente dal fatto che questa sia naturale o meno, si distinguono per la ricercatezza e l’eleganza del materiale, nonché per la loro resistenza all’usura. Tuttavia, bisogna sottolineare come le borse in pelle naturale, pur attestandosi come un oggetto di classe, tendano a rovinarsi più rapidamente nel tempo proprio per via della componente organica del materiale. Le borse da lavoro in poliestere, invece, si contraddistinguono per una maggior leggerezza rispetto alle borse in pelle, il che permette di riporvi al loro interno dispositivi più pesanti notebook e tablet.

Dimensioni e capienza interna della borsa da lavoro

Secondo aspetto da considerare prima di procedere con l’acquisto della borsa da lavoro è la dimensione della stessa, fattore che influisce anche sulla capienza interna dell’oggetto. Per coloro che avessero la necessità di dotarsi di una borsa capiente e in grado di offrire molto spazio per la collocazione degli oggetti, la scelta dovrà ricadere su modelli più ampi e voluminosi. Tuttavia, bisogna anche valutare la naturale conseguenza di un acquisto di questo tipo: una borsa di maggiori dimensioni risulterà più pesante e ingombrante, motivo per cui è bene ponderare con cognizione le proprie necessità.

Portabilità della borsa da lavoro

Il terzo aspetto da valutare a proposito della scelta della borsa da lavoro è la sua portabilità. Il concetto di portabilità diviene particolarmente importante per coloro che, oltre al tragitto che separa il lavoratore dalla propria abitazione al posto di lavoro, sono costretti a viaggiare per chilometri e chilometri a bordo di mezzi di trasporto diversi. Ciò significa che, a fronte di più cambi di mezzi e più spostamenti nel corso della giornata lavorativa, è essenziale valutare il comportamento della borsa e la sua portabilità generale: in questo caso entrano in gioco fattori come la qualità della maniglia e la sua ergonomia, elementi imprescindibili quando si tratta di dover tenere in mano la borsa per non poco tempo. Più alta sarà la qualità della maniglia, sulla quale insistono fattori legati alla consistenza del materiale, al posizionamento e all’aderenza della presa, e maggiore sarà la comodità nel trasportare la borsa da un luogo all’altro.

Presenza di più scomparti interni nella borsa

Passano gli anni e le mode, ma l’assunto è sempre lo stesso: una borsa da lavoro dotata di un gran numero di scomparti interni è una borsa da lavoro vincente. E lo possono confermare tutti quei lavoratori che, alle prese con mille impegni professionali, si trovano nella posizione di doversi districare tra progetti differenti e documenti vari, tra incombenze e incarichi da portare a termine. Una borsa da lavoro che possa vantare al suo interno una divisione a più scomparti permette al suo proprietario di suddividere i diversi ambiti della propria professione, avendo la possibilità di organizzare come meglio crede lo spazio che una valigetta esile e compatta è in grado di offrire. Predisponendo un ordine preciso all’interno della borsa si dimezzeranno i tempi di ricerca di eventuali documenti, oggetti di cancelleria, dispositivi digitali e quant’altro, evitando così di fare un’eccessiva confusione. Alla luce di tutto ciò, possiamo affermare che la presenza degli scomparti è uno dei fattori più importanti da valutare prima dell’acquisto di una borsa da lavoro.

Ultime news

Al via Il Cantante Mascherato 2021

“Il Cantante Mascherato”, il talent game show torna su Rai1 da venerdì 29 gennaio 2021. Milly Carlucci condurrà, per...

Potrebbe interessarti