Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Viaggi e Turismo

Camper sharing, il nuovo modo di viaggiare

Avete mai pensato di fare un viaggio in camper? Immagino già alcune risposte del tipo “No, perché non ne posseggo uno”.

Giusta osservazione! D’altronde, come potersi organizzare e, soprattutto, come poter comprare un camper vista la notevole spesa? Ma cosa fareste se vi dicessi che è finalmente arrivata la possibilità di poter vivere un’esperienza del genere sfruttando il camper sharing?

Al giorno d’oggi ci sono diverse realtà che offrono delle forme alternative all’utilizzo del camper e quella che sta prendendo sempre più piede in tutta Europa è Goboony. Si tratta di una piattaforma online che mette in contatto i proprietari privati di camper con dei viaggiatori appassionati dell’open air e del turismo itinerante.

L’idea alla base è proprio quella di dare l’opportunità a tutti di poter fare un viaggio del genere e, allo stesso tempo, andare incontro ai proprietari nell’ammortizzare i costi di mantenimento, senza dover lasciare il camper chiuso in garage per chissà quante settimane o mesi all’anno.

Goboony rientra in quella che viene definita la sharing economy, ossia l’economia della condivisione.

Questa, infatti, si concentra essenzialmente sulla condivisione di beni e servizi, piuttosto che sulla loro proprietà o sull’acquisto.

In questo modo ci sono benefici per entrambe le parti, c’è chi mette a disposizione un servizio riuscendo a ricavarci qualcosa, e chi dall’altra parte può soddisfare una necessità o bisogno senza spendere troppo. Questa idea viene ormai usata in tutti i campi, come per gli appartamenti, le macchine, i giardini e tanto altro ancora.

Una cosa fondamentale da tenere a mente è che il camper sharing non sostituisce le tradizionali forme di noleggio svolte dai professionisti del settore, perché si tratta di un’attività completamente diversa.

nfatti, si parla di modi alternativi di condivisione agevolando l’interazione tra proprietari privati e viaggiatori. Allo stesso tempo offrire un servizio di assistenza specializzato, supporto tecnico in italiano e un’assicurazione specifica per questo tipo di condivisione.

La piattaforma di camper sharing nasce dall’esperienza dei due fondatori olandesi, Mark e Foppe, che si sono conosciuti durante la loro vacanza in Nuova Zelanda, dove erano con le rispettive famiglie.

Da quel momento hanno iniziato a coltivare l’idea di creare una community per la condivisione non solo del camper in sé, ma proprio dell’esperienza del fare un viaggio di questo tipo. Proprio per questo motivo il loro motto è Share the Freedom, ossia condividi la sensazione di libertà assoluta.

Si, perché viaggiare in camper è anche questo. Pensate al non dover essere legati e limitati agli orari dei treni, autobus o aerei, ma soprattutto pensate alla bellezza del poter cambiare il vostro itinerario mentre siete in viaggio.

Arrivate in un posto e vi rendete conto che non è proprio come ve l’aspettavate, potete mettere in moto il motore e ripartire.

Al contrario, se inaspettatamente scoprite un posto meraviglioso, potete decidere all’ultimo minuto di fermarvi almeno un giorno in più. Nessuno vi impedisce di farlo!

egidio
Scritto da

Potrebbe interessarti...