Connettiti con noi

Internet

Linkedin: come trovare lavoro nel 2018 grazie al social network

Redazione

Pubblicato

il

Una miniera di preziosi contatti, che propone ogni giorno centinaia di nuove proposte di lavoro di aziende su scala internazionale. Anche in Italia sono sempre di più le persone che sfruttano le potenzialità di LinkedIn per trovare un posto di lavoro. Per avere successo in questa missione, arriva il decalogo degli esperti del mondo del lavoro.

Qual è l’ufficio di collocamento del terzo millennio? LinkedIn ovviamente. Sono i numeri a dimostrarlo: se nel mondo sono 500 milioni gli utenti del social network dedicato ai professionisti, ben 10 milioni sono residenti in Italia, circa il 10% della popolazione totale. Secondo i dati del Milan Economic Graph, analizzando su Linkedin la presenza della sola città di Milano, centro economico del Paese, sono stati segnalati oltre 945mila professionisti, con una crescita del 14% rispetto al 2016, ben 108mila aziende, +12.5% rispetto al 2016, e oltre 9mila offerte di lavoro, il doppio rispetto a quelle rilevate nella passata edizione. Si tratta della quinta città al mondo per connessioni su LinkedIn, dietro solo a Londra, Amsterdam, San Francisco e Giacarta. Ma come è possibile avere successo nell’ardua ricerca di un posto di lavoro in modalità 3.0? Spesso, purtroppo, si confondono l’utilizzo e lo scopo di Linkedin con quelli di altri social e si finisce per farne un uso scorretto e tutt’altro che efficace. Per facilitare il compito, gli esperti di FourStars, agenzia per il lavoro ed Ente Promotore accreditato dal Ministero del Lavoro, hanno stilato un decalogo di consigli per trovare lavoro con Linkedin ottimizzando il proprio profilo e sfruttando a pieno le potenzialità della piattaforma. Secondo gli esperti, il primo aspetto da tenere sott’occhio è quello delle informazioni relative agli head hunter “improvvisati” e il tema della distanza tra candidato e cacciatore di teste, oltre ad attivare un’efficace strategia di personal branding.

Come recruiter utilizzo Linkedin quotidianamente – spiega Davide Monaca, Responsabile Selezione di FourStars – Tramite il social network svolgo la ricerca diretta di profili junior e senior per le nostre aziende clienti, mi aggiorno costantemente sulle ultime novità del settore HR, monitoro i trend di mercato e le attività dei competitor. Ritengo che sia uno strumento fondamentale per il mio settore di competenza e le attività che svolgo in FourStars. Bisogna però fare attenzione, poiché con l’affermarsi dei social network sono nati 2 fenomeni. Innanzitutto i social hanno permesso di accorciare le distanze tra il Responsabile Selezione e i candidati, dando la possibilità anche ai candidati di valutare i recruiter stessi. Inoltre, chiunque può improvvisarsi specialista del settore, Head Hunter o esperto di ricerca diretta. Perciò è fondamentale capire che le informazioni reperite sui social devono sempre essere verificate”.

Per avere successo professionale, secondo gli esperti è necessario attivare quindi una strategia di personal branding, che si definisce lavorando non solo sulla presenza online, ma anche sulla web reputation, attraverso il giudizio degli altri utenti: una “reputazione digitale” costituita dalla raccolta di giudizi e opinioni riguardo l’immagine di sé che viene comunicata sul web. La web reputation costituisce quindi di un’attività strategica, fondamentale non solo per le aziende, ma anche per chiunque abbia la necessità di posizionarsi positivamente sul mercato del lavoro, quindi per qualsiasi candidato che si appresti ad avviare il proprio percorso professionale. L’utilizzo delle strategie di marketing, tipiche dei marchi aziendali, per promuovere la propria Web reputation professionale è definito personal branding. Per renderlo efficace è necessario prendere coscienza della propria reputazione digitale e, per quanto possibile, individuare e rimuovere contenuti deleteri per la propria immagine.

Una strategia che porta a grandi risultati, anche in breve tempo. “Mi sono registrata su LinkedIn per trovare nuove opportunità lavorative – racconta Giulia Saccà, giovane risorsa di FourStars assunta grazie a LinkedIn – Ho iniziato compilando nel dettaglio le sezioni del mio profilo, inserendo le parole chiave in linea con la mia figura professionale e una breve presentazione, provando a mettere in risalto le mie competenze. Ho proseguito pubblicando e condividendo contenuti riguardanti il mio ambito lavorativo e svolgendo attività di networking, ampliando la mia rete di contatti professionali, cercando tra i profili compatibili con il mio settore d’interesse. Linkedin ha dato una svolta alla mia ricerca e alla mia carriera: ho avuto infatti la possibilità di sostenere una decina di colloqui di lavoro nell’arco di un mese e ricevuto due proposte lavorative, che non avrei mai ottenuto tramite i canali di ricerca tradizionali”.

Ma non è tutto. Le possibilità di trovare lavoro con Linkedin sono in costante aumento: sono state recentemente introdotte nuove funzionalità, utilissime per promuoversi con il personal branding e definire il proprio profilo. Ad esempio Pulse offre la possibilità di pubblicare contenuti sotto forma di articoli o post, come se si trattasse di un blog professionale, un ottimo strumento per promuovere il proprio profilo, aumentandone i collegamenti e la visibilità. Linkedin Learning invece è un portale di formazione professionale che mette a disposizione degli utenti corsi specifici per accrescere le proprie competenze. Presto disponibile in Italia, Open Candidates è una funzionalità che permette di segnalare la propria disponibilità a valutare nuove offerte, senza comunicarlo apertamente al datore di lavoro. Linkedin Students, app per Android e iOS in arrivo nel Bel Paese, mette in contatto studenti e neolaureati con professionisti e potenziali datori di lavoro, attraverso un’analisi delle competenze acquisite.

Ecco infine il decalogo con i consigli per trovare lavoro nel 2018 grazie a Linkedin:

1. SCEGLI UNA FOTO SERIA E NON TROPPO IMPOSTATA: Dovrai mostrare un’immagine di te che sia coerente con la tua personalità, senza cadere troppo nell’informale, ma neanche nel formale.

2. CREA UN PROFILO PROFESSIONALE E COMPLETO: Segui le indicazioni suggerite per la creazione del tuo profilo professionale e inserisci, in maniera dettagliata, le informazioni riguardanti il tuo percorso

lavorativo e formativo.

3. CONNETTITI CON LE AZIENDE ADATTE: Connettiti con le aziende e le persone che possiedono un profilo professionale interessante o coerente con la tua ricerca. Cerca un collegamento con tutte le aziende che operano nel tuo settore di riferimento, per essere sempre aggiornato riguardo le loro attività e circoscrivere il tuo campo di interesse.

4. GUARDATI INTORNO: Controlla le opportunità segnalate nella sezione “Lavoro”: troverai molte offerte di lavoro in linea con i tuoi interessi, il tuo settore, il tuo luogo di residenza.

5. CONDIVIDI MOLTI CONTENUTI: Fatti notare con nuovi post, purché siano pertinenti. Oltre ad aumentare la tua visibilità e l’efficacia del tuo profilo, ti consentirà di dimostrare la tua competenza e il tuo interesse in un settore.

6. PARTECIPA ATTIVAMENTE AI GRUPPI DI DISCUSSIONE: Scegli con attenzione i gruppi in cui si parla di argomenti che conosci bene o di competenze che possiedi. Grazie alla tua partecipazione ai gruppi, potrai rimanere costantemente aggiornato e incrementare le tue conoscenze.

7. SE NON ESISTE, CREALO: Se sei interessato a un argomento specifico, ma non esiste un gruppo che ne discuta, puoi addirittura crearne uno e diventarne il protagonista.

8. MISSIONE CONFERMA COMPETENZE: Cerca sempre di ottenere la conferma delle tue competenze da parte di altri utenti, è fondamentale per migliorare la web reputation.

9. AGGIORNA SEMPRE IL TUO PROFILO: Per suscitare l’interesse altrui e allargare la tua rete di contatti professionali, devi mostrati sempre aggiornato.

10. CERCA CONTENUTI INTERESSANTI DA CONDIVIDERE: Cerca contenuti interessanti da pubblicare per dimostrare a chi ti sta “osservando” che sei sempre aggiornato e non ti lasci sfuggire le ultime tendenze.

Advertisement
Advertisement

Ultime News

Radio e Tv12 ore fa

Grande Fratello, anticipazioni della puntata del 20 maggio

Domani, lunedì 20 maggio, in prima serata su Canale 5, settimo appuntamento con “Grande Fratello”, il reality prodotto da Endemol Shine Italy condotto da Barbara d’Urso. In studio anche...

Radio e Tv17 ore fa

Eliana Michelazzo confessa: “Ho mentito”

Eliana Michelazzo, agente di Pamela Prati, cambia ancora versione e si confessa in esclusiva alle telecamere di «Live – Non...

Musica22 ore fa

Eurovision Song Contest 2019: ha vinto Laurence. Mahmood secondo

L’olandese Laurence si aggiudica l’edizione 2019 dell’Eurovision Song Contest. Il cantante, dato tra i favoriti, ha trionfato con il brano...

Radio e Tv2 giorni fa

Chiusura di stagione con record per “Il Paradiso delle Signore”

Chiusura di stagione con record per “Il Paradiso delle Signore”.  Ultima puntata da record per la serie tv che supera...

Fabio Fazio - Che tempo che fa Fabio Fazio - Che tempo che fa
Radio e Tv2 giorni fa

Che Tempo Che Fa: ospiti e anticipazioni della puntata del 19 maggio

Un nuovo appuntamento con “Che Tempo che fa” di Fabio Fazio andrà in onda domenica 19 maggio dalle 20.35 su...

Musica2 giorni fa

Chi vince Eurovision Song Contest 2019? La finale

Grande attesa per la finalissima dell’Eurovision Song Contest 2019, in diretta da Tel Aviv questa sera. Chi si aggiudicherà la...

Salute2 giorni fa

Come i pazienti ipertesi combattono la malattia

In occasione della Giornata Mondiale contro l’Ipertensione, OMRON Healthcare annuncia i risultati di uno studio  per indagare la diversa propensione delle persone affette da...

Musica2 giorni fa

Eurovision Song Contest: la sorpresa Hatari (Islanda)

Gli Hatari (Islanda) sono senza dubbio tra le sorprese di questo Eurovision Song Contest 2019 a Tel Aviv. Non a...

Calcio2 giorni fa

Allenatore Juve: chi sostituirà Allegri?

Si dividono le strade tra la Juventus e Massimiliano Allegri. Ad ufficializzare la notizia quest’oggi la società bianconera mentre i...

Salute2 giorni fa

Quanta acqua beve un tennista

In occasione degli Internazionali di Tennis scopriamo quanta acqua bevono i tennisti professionisti che si sfidano a Roma Questo fine...

Più Lette

Copyright © 2011 Lifestyleblog.it | Testata on-line iscritta al Tribunale di Bari al n. 23/2011 | Direttore Responsabile: Bruno Bellini Lifestyleblog.it: news e approfondimenti su Tv, Musica, Auto, Motori, Hi-tech, Cinema, Moda e tanto altro ancora.