2.9 C
Comune di Monopoli
domenica 17 Gennaio 2021

Protezione dei punti vendita e dei POS: alcuni suggerimenti per non perdere la connessione e i clienti

Il mondo digitale di oggi deve dire addio al downtime

Da leggere

Serena Rossi è “Mina Settembre”

Mina Settembre è un dramedy sentimentale ambientato a Napoli, che ha per protagonista un’assistente sociale alla continua ricerca di...

Quelli che il calcio: ospiti Stefano De Martino e Fiona May

Nuovo appuntamento, domenica 17 gennaio alle 14 su Rai2, con “Quelli che il calcio”. Tra gli ospiti in studio:...

Linea Verde: la puntata del 17 gennaio

Linea Verde nel suo viaggio al centro del buono e del bello d’Italia domenica 17 gennaio, alle 12.20 su...

Avete mai provato ad assistere, in coda alle case di un supermarket, ad un “buco” di disponibilità della rete dati? Si creano code praticamente in tutte le casse, i clienti sono invitati a prelevare allo sportello bancomat e a ripassare in cassa per pagare in contanti. Risultato: clienti spazientiti, carrelli abbandonati, perdite nelle vendite… Nel mondo sempre più tecnologico di oggi, ogni negozio, supermercato o ipermercato dovrebbe garantirsi la tranquillità di una protezione completa della rete dati e dell’alimentazione elettrica.

In particolare, se pensiamo a un punto vendita, vi sono alcuni dispositivi elettronici che non possono permettersi tempi di downtime, primi fra tutti i POS (point-of-sale) e le casse. Si tratta di apparati che devono essere protetti contro le interruzioni e i disturbi dell’alimentazione elettrica, alla pari dei PC desktop o dei router e degli switch che forniscono la connettività di rete.

In caso di interruzione del servizio, infatti, possono verificarsi significative perdite economiche; e, oltre a questo, le conseguenze effettive dei periodi di inattività possono essere anche più gravi e avere ripercussioni sulle abitudini di acquisto e sulla soddisfazione dei clienti:

  • Dopo 2,5 minuti, se la linea non dà cenni di ripresa, i clienti si sentono frustrati
  • Da 1 a 3 clienti abbandonano l’acquisto se devono aspettare più di 5 minuti
  • Il 50% dei clienti in futuro eviterà un rivenditore o marchio, se in passato è stato costretto ad aspettare più di 5 minuti

“Se un mancato guadagno è immediatamente evidente, un cliente perduto e un danno alla reputazione che ha richiesto anni, se non decenni per diventare quella che è, può avere esiti disastrosi,” ha dichiarato Davide Zardo, Vice-presidente Divisione IT di Schneider Electric. “Le conseguenze dei tempi di inattività non si fermano qui: chi si occuperà di ripristinare il servizio? Spesso non vi è personale dedicato o esperto in queste problematiche, e il problema può prolungarsi, insieme al danno.”

Oltre a mantenere la continuità di alimentazione a casse e dispositivi di rete dati durante le interruzioni di corrente, un UPS protegge questi dispositivi da eventuali danni causati da blackout e altri eventi correlati all’alimentazione – come picchi di tensione, riduzioni della tensione di ingresso, rumore di fondo o frequenze instabili.

Ultime news

Domenica in: ospiti e anticipazioni della puntata del 17 gennaio

La 19^ puntata di ‘Domenica In’, in onda domenica 17 gennaio, in diretta dagli Studi ‘Fabrizio Frizzi’ di Roma...

Potrebbe interessarti