Connettiti con noi

Interviste

Basilicata e turismo: intervista a Francesco Garofalo, Presidente Sezione Turismo di Confindustria Basilicata

Bruno Bellini

Pubblicato

il

POLICORO – Basilicata in forte ascesa sul piano del turismo. Negli ultimi anni la regione ha registrato un notevole incremento di consensi in ambito turistico e con il traino di Matera Capitale Europea della Cultura per il 2019 si appresta a crescere ulteriormente nei prossimi anni. Di questo e tanto altro ancora ne abbiamo parlato con Francesco Garofalo, Presidente Sezione Turismo di Confindustria Basilicata, nonchè imprenditore di successo nel settore turistico con Welcome Lucania.

Partiamo da un’affermazione: la Basilicata sta emergendo a livello turistico…
Il nostro contenitore ha una caratterizzazione molto importante. Abbiamo strutture di villaggi a quattro stelle, garantendo una uniformità qualitativa molto importante e possiamo accogliere contemporaneamente grandi eventi. Questo ha aiutato molto i tour operator nazionali e stranieri, anche per diversificare l’offerta turistica. La Puglia, così come la Sicilia e la Campania, sono proposte in vari modi. La Basilicata, invece, rappresenta una novità.
Sulla scia delle masserie pugliesi si è sviluppata anche qui la trasformazione di aziende agricole in ricettività alberghiera. Molte di queste strutture sono vicine al mare e questo ha fatto in modo che la visita dell entroterra si è ampliata. Ad esempio, abbiamo creato Wine tour che hanno riscosso successo, visto che il turismo esperienziale è richiesto sul mercato. La Puglia ci ha traghettato commercialmente per la vicinanza e l’aeroportualità ha dato una spinta in più: con un hub aeroportuale e i voli diretti, il 50% del lavoro è già fatto. Poi è il mercato che sceglie. Molto è stato fatto negli ultimi otto anni da APT Basilicata. Il turismo è cresciuto del 30% negli ultimi otto anni: nel 2015 abbiamo raggiunto 750.000 arrivi con circa 2.500.000 di presenze. C’è molto da fare, è un punto di partenza.

Matera Capitale Europea della Cultura per il 2019 può dare una spinta maggiore in tal senso…
Lo scenario di Matera 2019 apre nuovi orizzonti. Come Confindustria, abbiamo messo insieme le associazioni di categoria per istituire un tavolo tecnico operativo in pianta stabile. Non solo per risolvere le problematiche del turismo legate a Matera 2019, ma per costruire l’opportunità commerciale che ci darà il turismo che ci darà. Un “modello Matera” perché tutta l’imprenditoria, con la parte politica, può essere da esempio per l’intera regione. Il turismo culturale entra da Matera e vogliamo congiunturarlo al metapontino perché la ricettività della “città dei sassi” è scarna, con circa 3000 posti letto tra hotel, bed and breakfast, affitta camere… E poi c’è una marea di abusivi, altro problema da affrontare perché le aspettative su Matera 2019 sono tantissime e ognuno si butta a capofitto, creando ovviamente delle problematiche di qualità dei servizi.
Sarà una grandissima opportunità, ragion per cui la partnership pubblica e privata deve essere il punto di partenza. Dipenderà da noi se questa operazione può riuscire o meno.
Matera si è altresì targettizzata sul turismo congressuale. E’ la location più richiesta perché le grandi città hanno fatto la loro storia, adesso Matera è la città con un appeal maggiore perché è particolare, ha la sua tipicità ed è unica. il timing di percorrenza da Bari aiuta molto e ci crea quest’altro spiraglio di opportunità sul turismo.
C’è tanto da fare: manca un teatro, un centro congressuale strutturato in una certa maniera. Nessuno si aspettava un’evoluzione simile. Matera è cresciuta del 40% e fa crescere tutto il territorio.
Se siamo bravi tutti a congiunturare cosa arriva a Matera su tutto il territorio regionale, sarà davvero una grande sfida.

Non soltanto Matera, anche il metapontino ha dato segnali di crescita…
Bisogna dare atto al dinamismo imprenditoriale. Gente che ha investito milioni di euro quando vent’anni fa era una scommessa, quando il territorio non percepiva l’importanza del turismo. Soprattutto la politica non ha percepito cosa può portare il turismo e legarlo all’enogastronomia, che è un importante appeal. Ma non si è capito neanche a livello nazionale. Se riflettiamo non esiste un ministero dedicato al turismo.
Come in agricoltura, nel metapontino, gli imprenditori hanno dato lezioni di economia sul territorio, anche nel turismo si sta crescendo pian piano e notevolmente sotto la spinta della Puglia. Il privato però non può fare tante cose e sarebbe pertanto auspicabile che anche la classe politica percepisse meglio il senso del turismo, partendo dalla pulizia, al decoro, alla segnaletica: problematica che attanaglia i comuni ogni anno.
Oggi ci sono ancora investimenti per circa 40 milioni di euro sul territorio, ci sarà l’apertura di un nuovo villaggio a Scanzano e l’amplimanento di un altro a Nova Siri. E’un territorio molto dotato quello del metapontino.

Cosa andrebbe migliorato a suo parere?
Rafforzerei il concetto di servizi, le infrastrutture che ci mancano così come il recupero dei centri storici dei paesi che sono una peculiarità del territorio. Basti pensare a  Pisticci, Bernalda, Montalbano, Tursi, Rotondella, Valsinni o Colobraro, prossimi al mare.
Oltre alle infrastrutture, andrebbero migliorati anche i collegamenti ferroviari. La Pista Mattei (Pisticci, ndr) è un bene necessario che aprirebbe nuovi scenari con l’allungamento della pista. La Regione metterà una dotazione finanziaria affinché si possano fare collegamenti con Roma e Milano a giorni alterni. E’ un primo passo che speriamo si concretizzi. Anche il nord della Calabria protende per questo territorio, per cui potremmo essere la cenerentola del turismo vista la posizione geografica in cui ci troviamo.

Per l’estate 2016 cosa si prevede?
Molte strutture aprono già in occasione delle festività pasquali: sarà un buon termometro. Le prenotazioni sono soddisfacenti. Sarà importante creare un appeal con il metapontino: Matera, inutile citarla, non ha disponibilità di tanti posti letto. Per cui sarà importante organizzarsi per prendere quello che non c’è a Matera, portarlo in questo territorio per poi riportarlo lì. Matera giustifica un giorno e mezzo – due di visita: questo è il timing. Il metapontino è una zona ideale, dal turismo archeologico, a quello dei Borghi: C’è molto da vedere. La Basilicata è patrimonializzata e giustifica un tour di sei giorni. Lo scenario è quello di proporre a livello turistico il sud Italia, includendo anche la Basilicata: questa è la scommessa. Anche su questo l’imprenditoria si è organizzata, facendo una rete di impresa di Confindustria con le regioni meridionali. Un altro dato che bisogna capire è questo. I tour operator fanno affari e dove vedono difficoltà preferiscono cambiare. O il territorio è pronto a livello imprenditoriale e strutturale, o altrimenti perdiamo questa opportunità.

francesco-garofalo-basilicata

Direttore Responsabile Lifestyleblog.it - Classe '81, da Monopoli (Bari). Fondatore e direttore della testata online Lifestyleblog.it, collabora anche per riviste nazionali e locali. Dal 2015 partecipa al Festival di Sanremo come giornalista accreditato e componente della Giuria Stampa. Vincitore del Premio Filottete 2015 che ogni anno premia le eccellenze italiane nell'ambito dello spettacolo e del giornalismo Web & Graphic Designer con la specializzazione in Grafica 3D conseguita a Verona.

Advertisement

Iscriviti alla nostra Newsletter

Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Leggi la nostra Privacy Policy.

Ultime News

Melaverde Melaverde
Radio e Tv2 giorni fa

Melaverde, la puntata del 19 gennaio

Domenica 19 gennaio, alle ore 11.50 su Canale 5, nuovo appuntamento con Melaverde, il programma dedicato ad agricoltura, ambiente e...

Linea Verde Linea Verde
Radio e Tv2 giorni fa

Linea Verde, la puntata del 19 gennaio

Rai Uno, domenica 19 gennaio, alle 12.20, dedicherà un’intera puntata di Linea Verde all’Iglesiente, Sardegna selvaggia. Dove si svolge la...

Barbara D'Urso Barbara D'Urso
Radio e Tv2 giorni fa

Live non è la d’Urso: la puntata del 19 gennaio

Domenica 19 gennaio 2020, in prima serata su Canale 5, riparte “LIVE – NON È LA D’URSO“, il programma di VideoNews...

Storie Senza Tempo Storie Senza Tempo
Libri2 giorni fa

Storie Senza tempo, i romanzi che hanno rivoluzionato l’universo femminile

Storie Senza tempo: RBA presenta la nuova collana inedita dedicata alla migliore selezione dei romanzi che hanno rivoluzionato l’universo femminile. ...

City Angels City Angels
Eventi3 giorni fa

City Angels, gli angeli di Milano

Lo scorso 6 gennaio in occasione dell’Epifania i City Angels insieme alla madrina, Daniela Javarone, sono stati i protagonisti del...

Red Bull Cliff Diving 2019 Red Bull Cliff Diving 2019
Eventi3 giorni fa

La Red Bull Cliff Diving a Polignano il 19 luglio 2020

La Red Bull Cliff Diving World Series 2020 inaugura la sua 12esima edizione e dà il benvenuto al nuovo decennio con tre location inedite. Quando...

Camila Raznovich Camila Raznovich
Radio e Tv3 giorni fa

Kilimangiaro, la puntata del 19 gennaio

Un documentario sulla Tunisia del film maker Salvatore Braca aprirà la puntata di Kilimangiaro. Il programma di Rai3 condotto da...

Mara Venier Mara Venier
Radio e Tv3 giorni fa

Domenica In: la puntata del 19 gennaio

Domenica In va in onda il 19 gennaio alle 14.00 su Rai1 condotta da Mara Venier. Ospiti e anticipazioni della...

Francesca Fialdini Francesca Fialdini
Radio e Tv3 giorni fa

Da Noi A Ruota Libera: la puntata del 19 gennaio

Domenica 19 gennaio, alle 17.35 su Rai1, nella nuova puntata di “Da Noi…A Ruota Libera”. Ospiti e anticipazioni della puntata Francesca...

Michele Zarrillo Michele Zarrillo
Festival di Sanremo3 giorni fa

Michele Zarrillo al Festival di Sanremo 2020

Michele Zarrillo parteciperà alla 70° edizione del Festival della Canzone Italiana di Sanremo, in gara nella categoria Campioni, con il brano “Nell’estasi o nel fango”, scritto...

Più Lette