Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Lifestyle

Cartografia italiana del bricolage: quale regione è più fai da te?

ManoMano.it, il più grande eCommerce di #bricolage e DIY (do it yourself) in Europa, ha realizzato un sondaggio per indagare la propensione al fai da te degli italiani. Sono emersi modelli diversi a seconda delle zone, ma in generale c’è un crescente interesse per l’home made. Questa nuova tendenza, infatti, non solo permette di risparmiare in un periodo di crisi, ma aumenta anche la gratificazione per la creazione di prodotti con un ‘valore affettivo’ aggiunto. Così oltre un terzo degli intervistati (il 69,4%) dichiara di occuparsi di bricolage e/o della riparazione di piccoli guasti casalinghi, il 65,8% dichiara di creare oggetti e progetti con le proprie mani.

“Il desiderio di creare o riparare un oggetto con le proprie mani soddisfa due esigenze fondamentali: – sottolinea Philippe de Chanville, co-fondatore di ManoMano – da una parte l’opportunità di risparmiare sull’intervento di tecnici, utile in un momento come questo in cui è indispensabile eliminare le spese superflue; d’altra parte, riparare un oggetto conferisce all’oggetto stesso un valore maggiore, per l’investimento di tempo e fatica che accresce la sua preziosità, come nel concetto di kintsugi[1] caro alla tradizione giapponese. Purtroppo in Italia ancora non si approfitta appieno delle realtà online, che permettono un ulteriore risparmio economico e un’amplissima scelta”.

L’area italiana con più propensione al bricolage è il Sud, con l’86% di appassionati di fai da te, seguita dal Centro (72%) e infine dal Nord (51,5%). La regione che spicca su tutte è la Calabria (con il 100% degli intervistati che dichiara di occuparsi delle riparazioni domestiche e di fai da te), mentre il fanalino di coda che chiude la classifica è il Piemonte (solo il 42,8% si dedica al bricolage). Gli ambiti più gettonati per le riparazioni casalinghe e i progetti di bricolage sono quelli più tradizionali, dal montare i mobili (86,3%), al giardinaggio (60,8%) e alla decorazione (56,9%), ma quasi la metà degli intervistati si occupa anche di riparazioni di idraulica ed elettricità.

Tra chi ama creare oggetti e progetti con le proprie mani, le tecniche preferite sono la lavorazione del legno (56,3%), le ristrutturazioni (33,3%) e il decoupage (31,3%), mentre sono meno esplorare ceramica (6,3%) e modellistica (12,5%). Di conseguenza, il materiale più utilizzato è il legno (70,8%), seguito da pitture ed elementi decorativi (56,3%) ma è diffuso anche il recupero di materiali di scarto (47,9%), evidenziando una propensione al riuso che ben si sposa con le nuove istanze green ed ecologiste.

Per gli amanti del fai da te italiani, il luogo di acquisto delle materie prime prescelto rimane ancora il negozio fisico, principalmente la grande distribuzione (61,6%), mentre solo l’8,2% effettua i propri acquisti online. Anche se oltre un intervistato su tre cerca online consigli e suggerimenti per acquistare i prodotti, più della metà si fida di più del consiglio del personale in negozio (52,2%). La spesa annua per prodotti di bricolage è sotto i 50 euro per quasi la metà degli intervistati, solo uno su cinque spende oltre i 100 euro in un anno.

ManoMano_CP4

Lifestyleblog.it
Scritto da

Potrebbe interessarti...

Bestseller: i più venduti

Le 10 macchine da caffè più vendute nel 2020: ecco un breve elenco delle più gettonate sul mercato. Il caffè, si sa, è un...

Lifestyle

I tessuti per la casa svolgono un ruolo importante nell’arredamento della casa. Possono essere utilizzati non solo per scopi decorativi, ma possono anche svolgere...

Lifestyle

Non ce lo auguravamo, ma sta capitando: da qui ai prossimi giorni saremo chiamati nuovamente a trascorrere sempre più tempo nelle nostre case e...

Lifestyle

Beko ha sviluppato Hygiene Shield, la rivoluzionaria linea di prodotti per la casa creata per rispondere, in seguito all’emergenza sanitaria e al lockdown mondiale,...