Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Festival di Sanremo

Anna Tatangelo: “Sono molto grata a Pippo Baudo”

SANREMO – Torna a Sanremo dopo quattro anni e presenta un nuovo album. Anna Tatangelo si racconta dopo la sua esibizione sanremese dedicata alle cover, presentando il brano “Dio come ti amo”.

Ieri il picco di ascolto durante la tua performance con ”Dio come ti amo”.
Questo mi lusinga tantissimo. Essere la più vista del Festival capitò anche quattro anni fa nella mia eliminazione di “Bastardo”. Sono strafelice, la prima cosa che farò sarà di twittare, postare su Facebook, Instagram. Per me è diventato un canale non dico principale ma importante. Anche grazie ai social la gente ha avuto modo di conoscermi. Anni fa ero introversa e anche i giornalisti ponevano molte domande sulla vita privata. Oggi si torna a parlare di musica e noti la differenza.

A proposito di social, com’è il tuo rapporto?
I social sono fondamentali. All’inizio più postavo foto e più mi massacravano. Così facendo sono iniziati ad aumentare i miei followers. Man mano è stato un crescendo, finalmente hanno visto che non sono la ragazza distaccata. Sono una persona normale che sta a casa, mamma una compagna una donna a tutti gli effetti. Una donna, che va in giro in tuta, senza trucco. Hanno visto la normalità.

E tra l’altro cucini bene?
Bravo, così ci piace (sorridendo, ndr)

Raccontaci di questa avventura sanremese dagli esordi a oggi.
Il primo Sanremo mi ha catapultato nel mondo della musica, esperienza indimenticabile. “Ragazza di periferia” è la canzone con cui mi identificano tutti perché non appena parte l’intro di quella canzone la cantano tutti. Quest’anno è un anno particolare. A distanza di anni sono libera di godermi tutto e per tutto e penso che sul palco si sia visto nei miei occhi e nel mio sorriso. Cosa che è mancata negli ultimi anni.

Com’è cambiato il modo di cambiare la musica dopo che sei diventata mamma?
E’cambiato, assolutamente si. Il mio modo di approcciarmi al mondo e fare musica parte tutto dall’interno. Quando diventi mamma vedi tutto sotto un’altra prospettiva. La graduatoria di importanza delle cose la cambi ovviamente. Prima per fare un’intervista andavo col tacco numero 10, oggi vengo con la scarpetta. Ci sono delle priorità.

Quanto conta l’immagine e il look per un’occasione come Sanremo.
Inizialmente ci stavo male, in Italia non siamo abituati a curare l’immagine perché la cantante deve fare la cantante. Per me non è così, perché bisogna adeguarsi a quello che arriva dall’estero. Quando arriva chi cura il look da fuori viene considerata come una strafiga. In Italia non è così. Avere noi delle belle donne e curarci, perché no?. Mi rifaccio a Mina cantava, ballava, recitava… faceva tutto. Per me l’artista deve essere completo. Mi sono messa di impegno e ho imparato. Devo dire che Baudo capì che c’era qualcosa in me, sicuramente la semplicità con la quale mi presentai al Festival. Fu il primo a dirmi “devi studiare dizione”. Ha creduto tanto in me e gliene sono grato.

Come valuti questa edizione di Sanremo e la conduzione di Conti?
Vedo un Sanremo normale, quello che doveva essere dai tempi di Baudo. Carlo è uno di famiglia. E’Entrato nelle case degli italiani. Noi siamo sempre ospiti dei suoi programmi e abbiamo un rapporto diverso. E’una persona molto competente, uno dei pochi competenti nella musica, ha fatto musica. Mi è piaciuto di più quando è partito con la musica, subito dopo il “buonasera”. Altri avrebbero tenuto a lungo la storia. Con le piccole cose ha fatto la differenza. Tra cui il fatto di aver fatto salire sul palco famiglia con figli: li è stato attuale. Non ha creato nessuna distanza ed è un merito lodevole per lui.

Emma e Arisa vallette di questa edizione. L’anno prossimo affiancheresti tu per la conduzione?
Magari l’anno prossimo… Mi prenoto già.

Prossimi impegni?
Sono tanti. Parte un tour negli stores per promozionare “Libera”, disco uscito ieri. Successivamente una tournee per l’Italia e poi vedrete su Italia 1 un programma con me ed Alvin, scritto da Federico Moccia.

anna-tatangelo

Advertisement
Bruno Bellini
Scritto da

Direttore Responsabile Lifestyleblog.it - Classe '81, da Monopoli (Bari) Dal 2015 partecipa al Festival di Sanremo come giornalista accreditato e componente della Giuria Stampa.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Leggi la nostra Privacy Policy.

Potrebbe interessarti...

Festival di Sanremo

Un post su instagram scioglie i dubbi legati al Festival di Sanremo 2021, che vedrà ancora una volta Amadeus al timone della kermesse canora....

Festival di Sanremo

Sanremo 2020 e le canzoni: la situazione a due mesi dalla fine della rassegna. Quali sono le più ascoltate in radio? Quali resistono nel...

Festival di Sanremo

Sanremo 2021: Il Festival posticipato di qualche mese? E’ una delle ipotesi vista l’emergenza Coronavirus che sta attanagliando il nostro paese. Il patron del...

Musica

A meno di un mese dalla fine del Festival di Sanremo 2020, ecco che arrivano le prime certificazioni oro per alcuni brani in gara....

Copyright © 2011 Lifestyleblog.it | Testata on-line iscritta al Tribunale di Bari al n. 23/2011
News e approfondimenti su Tv, Musica, Auto, Motori, Hi-tech, Cinema, Moda e tanto altro ancora.
Direttore Responsabile: Bruno Bellini Lifestyleblog.it