12.8 C
Comune di Monopoli
mercoledì 20 Gennaio 2021

Ennio Fantastichini e Sergio Rubini sostengono il NEST e il loro giovane collega Adriano Pantaleo

Da leggere

Samuel: “Negli ultimi due anni ho avuto un periodo deflagrante”

Samuel torna sulla scena musicale con "Brigatabianca" il nuovo album da solista a distanza di quattro anni da “Il...

Elodie e i Pinguini Tattici Nucleari firmano le frasi dei Baci Perugina per San Valentino 2021

Elodie e i Pinguini Tattici Nucleari firmano le frasi dei Baci Perugina per San Valentino 2021. La scelta è...

Negramaro: dal 22 gennaio il nuovo singolo “La cura del tempo”

I Negramaro tornano in radio con un nuovo singolo “La cura del tempo” (Sugar Music). Si tratta del secondo brano estratto...

Nasce nella periferia est di Napoli, a San Giovanni a Teduccio il Nest – Napoli est teatro, progetto socio-culturale che si sviluppa sul territorio campano in cui Francesco Di Leva, Adriano Pantaleo e Carmine Guarino, giovani stelle emergenti del cinema italiano, hanno avvertito la necessità di dar vita ad uno spazio creativo e multifunzionale, che sarà inaugurato il 29 e 30 novembre con la partecipazione di Ennio Fantastichini e Sergio Rubini.

La struttura dove ora vive il Nest accoglieva una vecchia palestra di una scuola dismessa della periferia est di Napoli, un luogo abbandonato al degrado. L’appartenenza a quartieri periferici di Napoli, ritenuti “difficili” e spesso emarginati, ha sollecitato l’idea di dover fare qualcosa, di contribuire a riqualificarli. Da qui la scelta del collettivo artistico Nest, – di cui fanno parte anche, il regista Giuseppe Miale di Mauro e gli attori Giuseppe Gaudino e Andrea Vellotti – di unire le forze e formare un unico gruppo con l’associazione Gioco, immagine e parole, nata nel 1995 e costituita da persone che hanno sempre creduto nel cambiamento attraverso la solidarietà e l’agire sociale, inteso come risorsa creativa e agente di trasformazione.

Per questo, attraverso un lavoro tenace e costante, quella vecchia palestra si è trasformata in una sala teatro, sala posa e spazio espositivo, una location per laboratori, eventi culturali, workshop e mostre – afferma Adriano Pantaleo, e prosegue – L’obbiettivo è di rendere il Nest un polo di riferimento culturale per la nostra città ma anche di aprire le porte a tutti coloro che vogliano intraprendere un viaggio artistico e sociale, in particolare a quelle categorie ritenute socialmente più deboli, ma potenzialmente più forti dal punto di vista del cambiamento e della creatività: i bambini e i giovani. Da qui l’idea di rendere disponibile laboratori e spettacoli teatrali, garantendo la gratuità ai ragazzi del territorio di età compresa tra 13 e i 17 anni. Speriamo che la nostra voce si espanda per permetterci di realizzare questo grande sogno.

Molto spesso gli adolescenti, ignorano di avere la possibilità di scegliere un percorso di vita alternativo. Il Nest, vuole dare la possibilità a questi ragazzi di far nascere e cresce loro la passione per le arti, trovando degli stimoli creativi che li facciano distrarre da motivazioni distruttive provenienti dalla strada.

Oggi il Nest è un luogo di creatività, di confronto, di produzione nel quale ognuna della figure professionali coinvolte può mettere a disposizione conoscenze e competenze.

Sono state attivate una serie di iniziative tra cui laboratori teatrali per i bambini, stage di formazione per attori professionisti e non, coproduzioni teatrali con i maggiori teatri stabili italiani, corsi di pittura, corsi di scrittura teatrale e corsi per trucco teatrale, un corso legato al food per dare gli strumenti per riconoscere la qualità di ciò che mangiamo.

Inoltre, il Nest ha ospitato per allestimenti e prove di spettacoli compagnie di rilevata importanza come Teatri Uniti, Gli Ipocriti, Ente Teatro Cronaca, Punta Corsara, Nuovo Teatro, Vesuvio Teatro e collaborato con il Napoli Teatro Festival e Benevento Città Spettacolo.

IMG_6467

Ultime news

Marco Camisani Calzolari: da oltre 25 anni diffonde il verbo del digitale

Divulgatore, docente, scrittore e consulente, MARCO CAMISANI CALZOLARI lavora nel mondo digitale da 25 anni. Insegna Comunicazione Digitale all’Università ed è...

Potrebbe interessarti