16.1 C
Comune di Monopoli
venerdì 22 Gennaio 2021

THEEB: Naji Abu Nowar Miglior Regia Orizzonti

Da leggere

Elisa Isoardi: “Salvini? L’ho amato tantissimo”

Elisa Isoardi,ospite domani in esclusiva a Verissimo, racconta la sua esperienza nel 2018 alla conduzione de ‘La prova del cuoco’ coincisa con...

C’è Posta per te: le anticipazioni della puntata del 23 gennaio

Prosegue l’appuntamento per eccellenza del sabato in Tv: sabato 23 gennaio in prima serata su Canale 5 terzo rendez...

Samuel: “Negli ultimi due anni ho avuto un periodo deflagrante”

Samuel torna sulla scena musicale con "Brigatabianca" il nuovo album da solista a distanza di quattro anni da “Il...

E’ Naji Abu Nowar a vincere il Premio Miglior Regia assegnato dalla giuria di Orizzonti all’ultima Mostra Internazionale del Cinema di Venezia. La sua opera prima THEEB, interpretata dal giovanissimo e sorprendente Jacir Eid, aveva già convinto il pubblico e la critica della Laguna, con lunghi applausi alla fine di ogni proiezione. Il regista, dopo aver ritirato sul palco del Palazzo del Cinema l’ambito premio, partirà per il Toronto International Film Festival dove sarà presentato il film.

 

THEEB

un film di
Naji Abu Nowar

 

Jacir Eid

 

Hassan Mutlag  Hussein Salameh Jack Fox

 

 

SINOSSI

Arabia, 1916 Theeb (Theeb significa lupo in arabo) vive con la sua tribù beduina in un angolo sperduto dell’Impero Ottomano. Dopo aver recentemente perso il padre, spetta a suo fratello Hussein, prendersi cura di lui. Hussein cerca di insegnare a Theeb lo stile di vita beduino, ma il ragazzo è più interessato agli scherzi che alle lezioni. A cambiare le loro vite è l’arrivo di un ufficiale dell’esercito inglese e della sua guida, impegnati in una missione misteriosa. Non potendo rifiutare un aiuto ai suoi ospiti, per paura di disonorare la reputazione di suo padre, Hussein accetta di scortare la coppia a destinazione, un pozzo sul vecchio percorso di pellegrinaggio alla Mecca. Temendo di perdere suo fratello, Theeb insegue Hussein e si imbarca in un viaggio insidioso attraverso il deserto arabico. Dallo scoppio della Prima Guerra Mondiale, questo terreno ostile è diventato il luogo di caccia di mercenari ottomani, rivoluzionari arabi e sciacalli beduini. Se Theeb vuole sopravvivere deve crescere in fretta, imparando a distinguere tra verità e menzogna. Deve essere all’altezza al nome che suo Padre gli ha dato.

Ultime news

Lineabianca gli Appennini marchigiani (23 gennaio)

Alla scoperta delle Marche nel nuovo appuntamento con Lineabianca, in onda sabato 23 gennaio, alle 14 su Rai1. Tra...

Potrebbe interessarti