10.8 C
Comune di Monopoli
domenica 24 Gennaio 2021

Pernod Ricard presenta Lillet: oltre un secolo di storia

Da leggere

10 film in uscita nel 2021 da non perdere

Siamo onesti, il 2020 non è stato un anno facile per il cinema. Le sale chiuse per l'emergenza COVID...

Elisa Isoardi: “Salvini? L’ho amato tantissimo”

Elisa Isoardi,ospite domani in esclusiva a Verissimo, racconta la sua esperienza nel 2018 alla conduzione de ‘La prova del cuoco’ coincisa con...

C’è Posta per te: le anticipazioni della puntata del 23 gennaio

Prosegue l’appuntamento per eccellenza del sabato in Tv: sabato 23 gennaio in prima serata su Canale 5 terzo rendez...

Oggi l’aperitivo si fa vintage. Il momento di convivialità, diventato negli ultimi anni un must alla portata di tutti, torna a ritagliarsi una propria dimensione di nicchia e lo fa con una declinazione più chic del Vermut: Lillet. Atmosfera sobria, locali esclusivi, donne e uomini dallo stile celatamente trendy: sono solo alcuni dei tratti distintivi dell’aperitivo interpretato da Lillet.
Prodotto per la prima volta nel 1872, simbolo di convivialità degli incontri creativi durante i ruggenti anni ’20, ingrediente principale del Vesper bevuto da James Bond in Casinò Royale di Ian Fleming, il Lillet, dopo aver attraversato oltre un secolo di storia, si conferma uno dei simboli dell’aperitivo di qualità.
Lillet nasce nel 1872 in Podensac, un piccolo villaggio a sud di Bordeaux, in Francia, dalla passione e l’esperienza di Paul e Raymond Lillet, commercianti di vini pregiati, liquori e prodotti dolciari. La «Maison Lillet Frères», questo il nome dell’azienda a conduzione familiare, nello stesso anno inizia a commercializzare la prima versione dell’aperitivo: Lillet Blanc. Grazie a un sapore caratteristico, realizzato da un blend di vini selezionati uniti a liquori di frutta, maturati in botti di quercia dagli 8 ai 12 mesi, il Lillet Blanc diventa subito riconoscibile e riconosciuto, come i più grandi vini della tradizione di Bordeaux. Durante i primi anni ‘60, in parallelo al boom economico e sociale nella storia del ‘900, nasce il Lillet Rouge, ampliando l’audience di gradimento anche agli estimatori dei vini rossi. La gamma di Lillet si completa nel 2011 con il Lillet Rosé, dal sapore fresco, fruttato arricchito da note speziate.
Il Lillet è molto apprezzato oggi anche in Italia ed è infatti bevuto in alcune delle location più trendy dello stivale: l’Hotel Hilton Molino Stucky di Venezia, il Caffè Concerto Paszkowski di Firenze o il Dry di Milano.

Gamma Vini Lillet
Ideale per essere degustato con ghiaccio a cubetti e una fetta di limone, il Lillet Blanc si caratterizza per un colore dorato, un aroma floreale e un gusto nato dal mix di arancia candida, miele, resina di pino, frutta esotica. Un insieme di colore, aroma e sapori che rendono questo drink elegante e raffinato, proprio come la donna per cui è pensato.

Lillet Rosé ha un colore e un aroma a metà strada fra frutti rossi, pompelmo e fiori d’arancio. Questo si traduce in un sapore fresco e fruttato, con qualche nota speziale, gradevole da assaporare accompagnato da una fetta di pompelmo rosa.

Stile totalmente diverso per il Lillet Rouge. Già evidente dal colore rosso rubino, ha un gusto corposo e strutturato di arance fresche e un aroma di uva e frutta rossa matura, vaniglia e spezie. Il Lillet Rouge è ottimo per il dopo cena ma l’aperitivo rimane sempre il momento migliore per degustarlo.

Ultime news

Monica Setta, ascolti record e selfie sexy

Ascolti record per Monica Setta, al timone di Uno Mattina in famiglia insieme a Tiberio Timperi. La puntata di...

Potrebbe interessarti