5.4 C
Comune di Monopoli
mercoledì 27 Gennaio 2021

Cammina con me: la raffinata penna di Valentina Dragani e l’inchiostro dei ricordi

Da leggere

Lifestyle Awards Radio 2021: i vincitori

Oggi vi annunciamo i vincitori dei Lifestyle Awards 2021 per la categoria Radio. Ieri vi abbiamo svelato quelli della...

San Valentino 2021: con chi andrebbero a cena gli italiani?

San Valentino, il giorno degli innamorati per eccellenza è ormai alle porte. Con chi andrebbero a cena gli italiani?...

Lifestyle Awards Musica 2021: i vincitori

Ed eccoci ad annuciare i vincitori dei Lifestyle Awards Musica 2021. Manca il PREMIO WEB che sarà aperto nei...

Ha dedicato il suo primo libro a un amico che non c’è più, ma che continua a vivere nei ricordi di chi, come lei, ha condiviso un pezzo di strada insieme. Valentina Dragani ci presenta il suo primo libro, Cammina con me, un’opera intensa e toccante dove le memorie del passato si affacciano prepotentemente sul palcoscenico del presente, riannodando legami di amicizia che un destino beffardo e ingiusto non è riuscito a sciogliere.

Com’è nata l’idea di questo libro?
Come dico nel libro sono una persona che vive le sue cose “di pancia” e dalla pancia ho deciso di far uscire quell’idea che per me è stata una terapia per affrontare un momento complicato.

Qual è la trama ?
Il racconto si sviluppa nella mia città ed è la storia di un legame, un’amicizia che, nonostante tutto, riesce ad andare oltre. Un viaggio che attraversa una vita di ricordi. Un’autobiografia terapeutica. Il libro è il passaggio tra quello che c’è stato e ciò che è rimasto. Un racconto dove l’amicizia è il filo conduttore di tutta la storia che si snoda tra le strade di Roma. Massimiliano, Valentina, Gianluca e tutti gli altri hanno un valore enorme all’interno di questo libro perché ogni amico a cui ho chiesto aiuto ha dato il suo contributo raccontandomi e ricordandomi aneddoti e percorsi grazie ai quali questo libro ha preso vita. Massimiliano, un ragazzo semplice dal temperamento forte e deciso, vive come tutti i suoi coetanei quello che la vita gli offre. Correndo, non fermandosi mai. Dando a chi lo ama tutto il meglio di se stesso senza lasciare nulla al caso. Fino a quando il destino non lo sfida. E lui raccoglie il guanto e combatte fiero e coraggioso. Io e Massimiliano siamo cresciuti insieme e sono orgogliosa di essere stata sua amica. Gli ho dedicato un libro per dirgli semplicemente GRAZIE di essere stato una parte così importante della mia vita.

Quali sono state le difficoltà maggiori che hai dovuto affrontare nella stesura dell’opera?
Non lo nego, non sono state poche. Quando si scrive di sentimenti e di cose personali a volte ti illudi che sia tutto più semplice, tanto le emozioni sono le tue. Invece poi, man mano che vai avanti, ti accorgi che in quel libro ci sei tu è soltanto tu, lì viene il difficile. Non è facile, infatti, riuscire a trasportare su un foglio bianco quelle che sono le tue emozioni anche perché non puoi sapere se, chi lo leggerà, riuscirà a “sentire” quello che tu realmente volevi che sentisse. E poi, parliamoci chiaro, ti metti a nudo davanti a chiunque sceglierà di leggere il tuo libro.

Oggi che finalmente lo puoi stringere tra le tue mani quali sono le emozioni che ti regala questo libro?
Di emozioni che mi regala questo libro sono piena. A partire da quella più importante che è sicuramente l’orgoglio di avercela fatta da sola. Scrivendo e pubblicando questo libro ho realizzato un sogno. Le altre emozioni le lascerò scovare a chi lo leggerà.

A chi consiglieresti di leggerlo?
Prima di tutto a me stessa perché, a volerla dire tutta, non ho avuto il coraggio di rileggerlo e poi lo consiglierei sicuramente a chi ha voglia di scoprire che, a volte, anche i sentimenti più segreti e i dolori, se condivisi e messi “nero su bianco”, possono fare meno paura.

C’è uno scrittore che apprezzi in modo particolare?
Ho la fortuna che amo leggere di tutto. Ora, per esempio, sto leggendo David Gammel, un romanzo storico. Una bella scoperta per la quale voglio ringraziare chi me lo ha fatto trovare sul comodino. Poi apprezzo molto Grisham, ma anche la “leggerezza” di Sophie Kinsella.

Hai sempre amato scrivere?
Sì, fin da piccola. Addirittura, a scuola, anziché consegnare compiti in classe di matematica scrivevo temi o racconti. Non a caso i voti in matematica sono sempre stati un N.C. (ride, ndr). Ma a me andava bene così!

Hai altri progetti sul fronte editoriale per il futuro?
Ho qualche idea da sviluppare e mi piacerebbe fosse qualcosa che di divertente e spiritoso. Magari da assaporare sotto l’ombrellone nella prossima estate.

 

Ultime news

Italia’s Got Talent: al via l’edizione 2021

Al via dal 27 gennaio 2021 la nuova edizione di Italia's Got Talent. Lo show andrà in onda ogni mercoledì, alle ore...

Potrebbe interessarti