9.9 C
Comune di Monopoli
venerdì 22 Gennaio 2021

Cotton Usa svela le abitudini di shopping degli italiani nel 2014

Da leggere

Samuel: “Negli ultimi due anni ho avuto un periodo deflagrante”

Samuel torna sulla scena musicale con "Brigatabianca" il nuovo album da solista a distanza di quattro anni da “Il...

Elodie e i Pinguini Tattici Nucleari firmano le frasi dei Baci Perugina per San Valentino 2021

Elodie e i Pinguini Tattici Nucleari firmano le frasi dei Baci Perugina per San Valentino 2021. La scelta è...

Negramaro: dal 22 gennaio il nuovo singolo “La cura del tempo”

I Negramaro tornano in radio con un nuovo singolo “La cura del tempo” (Sugar Music). Si tratta del secondo brano estratto...

Cotton Council International (CCI), l’ente di promozione del cotone americano, presenta i risultati dell’ottava edizione del “Global Lifestyle Monitor”, l’osservatorio che su base biennale rileva gusti, preferenze e comportamenti d’acquisto dei consumatori italiani ed europei in tema di abbigliamento e biancheria per la casa.

Tra i temi chiave presi in considerazione dalla ricerca, i luoghi preferiti per fare shopping, i motivi per i quali si sceglie un negozio rispetto ad un altro, la frequenza con cui si fanno acquisti, l’importanza e definizione del concetto di qualità, l’influenza del prezzo sulla decisione d’acquisto, i capi presente nell’armadio e usati più spesso, la spesa per l’abbigliamento e la biancheria per la casa e altro ancora.

NONOSTANTE TUTTO… I LOVE SHOPPING

Nonostante un clima economico ancora incerto e prospettive finanziarie personali positive solo per il 21% degli italiani, l’amore per lo shopping non conosce sosta. Al 76% degli italiani piace fare acquisti (e il 38% lo ‘adora’): ma cosa si ama comprare? Articoli di elettronica (24%), scarpe (14%) sono nella lista, ma innanzi tutto abbigliamento (33%) – quasi la metà degli italiani (il 47%) acquista abiti per sé almeno 1 volta  al mese.

SHOPPING SÌ, MA DOVE E COME

I templi dello shopping di abbigliamento sono sempre di più i negozi delle catene (dove il 25% degli italiani compra la maggior parte dei capi) e i retailer specializzati (dove il 23% degli italiani compra la maggior parte dei capi), anche se i negozi indipendenti – pur in sostanziale calo rispetto al passato – continuano ad avere grande importanza nello shopping italiano (il 17% vi acquista la maggior parte del proprio guardaroba), soprattutto se confrontati con USA o paesi del nord Europa dove il ruolo del negozio indipendente è sempre più marginale.

Il fattore chiave nella scelta del punto vendita? E’ il prezzo, così la pensa il 25% degli italiani, seguito dall’assortimento (per il 17,5%) e dalla presenza di offerte speciali (per il 13,4%).

La ‘caccia all’affare’ sembra diventato un vero sport nazionale, con il 96% degli italiani che almeno qualche volta acquista con almeno il 20% di sconto.

La ricerca delinea un consumatore che fa prevalere la ‘ragione sul sentimento’, con il 72% che non acquista d’impulso ma in modo pianificato. Fare affari sì, ma non a scapito della qualità: il 60% è infatti disposto a pagare di più per avere capi di qualità.

QUALITÀ FA RIMA CON NATURALITÀ

Ma cosa vuol dire ‘qualità’ per gli italiani? Il 50% ritiene che i capi siano di qualità superiore se fatti 100% di fibra naturale, ma anche la durata (32%) e la manifattura (35,9%) sono elementi chiave nella definizione di un capo di qualità.

Il 63% degli italiani si preoccupa del contenuto di fibra nei capi che acquista, il 77% controlla sempre o quasi sempre l’etichetta per scoprirne la composizione e il 60% è disposto a pagare di più per capi fatti in fibra naturale come il cotone piuttosto che fatti con fibre sintetiche.

Il cotone resta, in effetti, una grande passione italiana: quasi la metà (48%) lo ritiene la fibra migliore per i capi che indossa più spesso e la grande maggioranza (75,5%) classifica come tessuti di qualità quelli realizzati in cotone.

CHE FINE FANNO I VESTITI CHE NON SI USANO PIÙ?

Quale sorta tocca ai capi che non si indossano più? Per la prima volta lo si è chiesto agli italiani e risulta che il 49% ne fa donazione in beneficenza, il 17,3% li regala o ‘passa’ a qualcuno, il 13% li ricicla per diversi usi, ben il 12,4% li tiene comunque nell’armadio e solo il 4,3% se ne libera gettandoli nella spazzatura.

Ultime news

La Nazionale Italiana Cantanti sull’album di figurine Calciatori Panini 2021

La Nazionale Italiana Cantanti e la Panini hanno infatti raggiunto un accordo di collaborazione per celebrare il 40° anniversario...

Potrebbe interessarti