18.8 C
Comune di Monopoli
mercoledì 12 Maggio 2021

Martino Midali presenta HIVER 14/15

Da leggere

L’abito non solo come semplice ornamento. L’abito non solo come qualcosa che si indossa.

L’abito è un segno che si iscrive, che si incorpora e che diventa un tutt’uno con la propria persona, la propria identità e la propria anima. La moda di Midali valorizza l’interiorità, la moda di Martino è corporea.

Il corpo si fa quindi ingrediente visibile ed indossabile, esplicitazione dell’invisibile presso il visibile, manifestazione di una femminilità ritratta nel suo personale sintesi di linee ed espressioni.

 

No size fit all: filati soffici e leggeri, avvolgenti e caldi, si accompagnano per raccontare una nuova modernità XXL. L’aria diventa l’unica componente chiave tra abito e corpo, tra volume e struttura.

Cappotti oversize, maglie one size, giacche plus size lasciano alla libera immaginazione i confini tra corpo e tessuto, tra inizio e fine. Il capo ideale non ha taglia. Le larghezze sono sproporzionate ma sapientemente riproporzionate.

Abiti trasformisti, astagionali e personalizzabili. Abiti che acquistano vestibilità multiformi in linea con le diversità corporee.

 

Allure Black’n’white: un mood dentro a un mood. Righe verticali, righe orizzontali, quadri, creano mix di evoluzioni geometriche, giochi ottici, motivi damier da capo a piede che si intersecano e trasmettono “emozioni in equilibrio”. Reinterpretazione optical che rimanda a un “bon ton” che sa di passato ma catapultato verso il futuro.

 

Bouclé-texured: i tessuti, visibilmente tramati, evidenziano spessori e profondità consistenti. Le superfici, movimentati da goffrature, accentuano effetti tridimensionali e multimaterici. Texture alveari, lane bouclé e tweed, in disegni micro e macro, esaltano incavi e rilievi. Un ritorno alla materia e agli universi che essa può mantenere.

 

Modì: cromatismi, volumi, forme e sensazioni si uniscono ad abitare il corpo, prediligendo materiali puri, tinte definite, colori primari. L’omaggio a Modigliani e alla sua poetica della luce e del colore, pura espressione dell’anima.

Il giallo è inteso, il rosso è smaltato, il ruggine è prezioso, il marrone è puro. Audaci accordi di colore con densità cromatica e materica per una femminilità da esplorare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime news

Superbonus, Zampa (Fibre Net): “Mancano certezze, serve più tempo”

"Quello che manca è la certezza di come lavorare. Il fatto di avere bisogno di più tempo per fare...

Potrebbe interessarti