Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Interviste

Intervista a Erika Kamese

 

Lifestyleblog.it ha intervistato Erika Kamese, Attrice & Soprano Lirico Pop.

Come nasce la tua passione per lo spettacolo?
In realtà mi è sempre piaciuto lo spettacolo il cinema e l’arte fin da piccola, solo che non avevo capito subito di voler fare di questa grande passione un vero e proprio lavoro, fino a quando ho iniziato a cantare e poi da lì quando sono cresciuta  ho capito che era questa la strada che volevo intraprendere. A casa cantavo continuamente tant’è che i miei genitori non ne potevano più di sentirmi, con mio fratello creavo delle scenette che interpretavamo con molta determinazione ed ironia ed io ero molto felice e soddisfatta.

Ci sono attori con i quali vorresti lavorare? E con quale regista?
In Italia stimo molto Kim Rossi Stuart, Sergio Assisi, Pierfrancesco Favino, Giovanna Mezzogiorno,  e Valeria Golino. Non sono tantissimi,  ma meglio pochi ma buoni. Per quanto riguarda i registi invece ce ne sono molti che mi piacciono come ad esempio Tornatore, Sorrentino, Salvatores, Avati, Luchetti, Castellitto, Placido …

Nella tua formazione troviamo anche diverse esperienze per la musica lirica. Puoi raccontarci questa tua passione?
Io ho iniziato con lo studio sulla musica lirica studiando al Teatro Massimo di Palermo. Ho iniziato dal canto per poi passare alla recitazione e ho un progetto canoro che riguarda la realizzazione di un disco con pezzi di musica lirica gotica rigorosamente in latino, un genere lirico pop gotico che è un mix tra i gruppi stranieri di neoclassical gotic metal e la musica eterea celestiale. È un progetto ambizioso internazionale sul quale vorrei soffermarmi con calma e con serenità per avere possibilità di produrlo o farlo produrre.

Il tuo essere poliedrica si condisce anche del lavoro di doppiatrice. Quali differenze trovi tra il mondo del doppiaggio e quello del recitato?
Doppiare e prestare la voce ad interpreti meravigliosi è una bellissima esperienza ed una gran cosa se la si sa fare al meglio. Senza essere una buona attrice non si può doppiare al meglio perché il doppiaggio è molto più difficile e “barboso”. Mentre quando reciti in tv, piuttosto che al cinema, si vede bene l’espressione connessa alla figura scenica in doppiaggio presti solo la voce e devi essere brava a tal punto che anche se non si vede la tua espressione facciale o relativa al corpo, devi sapere dare le stesse emozioni che l’attrice  da sullo schermo;  è quasi maniacale il doppiaggio, ogni minimo sospiro, ogni minimo impercettibile suono è necessario che sia doppiato. Insomma non è una passeggiata e tanto meno una cosa alla portata di tutti, ma solo per pochi.

Progetti futuri?
A parte il mio disco ho altre proposte cinematografiche che non vorrei svelarvi per scaramanzia … ma mi vedrete presto!

Lifestyleblog.it
Scritto da

Click to comment

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Potrebbe interessarti...

Interviste

Dal 17 novembre è disponibile “YIN E YANG” (LM Music), il nuovo album di Leonardo Monteiro attualmente impegnato nel MURO a “ALL TOGETHER NOW” su Canale...

Interviste

“YOUNG AND FREE” (New Team Music) è il brano che dà il titolo all’album d’esordio di I’M ERIKA uscito in digitale e radio il 16 ottobre Come è...

Interviste

Renato Zero presenta Zerosettanta, Volume uno. Renato Zero Settanta è il nuovo triplo album del cantautore romano per festeggiare i suoi 70 anni. Il volume...

Interviste

Mary De Gennaro è senza dubbio il volto di punta di Telenorba. Ogni mattina, dal lunedì al venerdì, conduce Mattino Norba al fianco di...